In astronomia, l'afelio (in greco antico: αφήλιον, aphélion, da από, apó, "lontano" e ήλιος, élios, "sole") è il punto di massima distanza di un corpo del sistema solare (pianeta, asteroide, cometa, satellite artificiale, ecc.) dal Sole.

I punti di perielio e afelio attraversati dall'orbita della Terra

DescrizioneModifica

A seconda dell'eccentricità dell'orbita, la massima distanza corpo-sole e quella minima possono essere più o meno differenti dalla distanza media.

Per analogia, viene così chiamato anche l'analogo punto di massima distanza per un pianeta o una stella orbitanti attorno a una stella diversa dal Sole, anche se in tal caso si dovrebbe usare il termine apoastro. Nel caso di un corpo orbitante attorno alla Terra si usa apogeo.

Date e ore degli afeli della Terra [1]
(UTC)
Anno Luglio
2000 il 3 alle 23:50
2001 il 4 alle 13:38
2002 il 6 alle 03:48
2003 il 4 alle 05:41
2004 il 5 alle 10:55
2005 il 5 alle 04:59
2006 il 3 alle 23:11
2007 il 6 alle 23:54
2008 il 4 alle 07:42
2009 il 4 alle 01:41
2010 il 6 alle 11:31
2011 il 4 alle 14:55
2012 il 5 alle 03:33
2013 il 5 alle 14:46
2014 il 4 alle 00:15
2015 il 6 alle 19:41
2016 il 4 alle 16:25
2017 il 3 alle 20:13
2018 il 6 alle 16:48
2019 il 4 alle 22:12
2020 il 4 alle 11:36
2021 il 5 alle 22:29
2022 il 4 alle 07:12
2023 il 6 alle 20:08
2024 il 5 alle 05:07
2025 il 3 alle 19:56
2026 il 6 alle 17:32
2027 il 5 alle 05:07
2028 il 3 alle 22:19
2029 il 6 alle 05:13
2030 il 4 alle 12:59

Il punto di minima distanza è invece chiamato perielio. La linea immaginaria che unisce afelio e perielio è detta linea degli apsidi.

La posizione angolare dell'afelio sull'orbita dei vari pianeti è quasi fissa: si sposta molto lentamente (di alcune decine o centinaia di secondi d'arco al secolo), a causa dell'interazione gravitazionale con gli altri pianeti. Questo effetto si chiama precessione anomalistica (o precessione del perielio).

La velocità precessionale di Mercurio è però significativamente maggiore di quella calcolata teoricamente in base alle leggi di Newton. Questa differenza fu spiegata da Albert Einstein come un effetto della teoria della relatività generale: ciò rappresentò una delle prime conferme sperimentali di questa teoria.

Afelio della TerraModifica

La Terra raggiunge il proprio afelio tra il 3 e il 7 luglio (per la data e l'ora esatta di ogni anno, si veda la tabella a fianco), quindi circa 2 settimane dopo il solstizio d'estate (che dà inizio all'estate nell'emisfero boreale della terra).

La distanza della Terra dal Sole in questo punto è di 152,1 milioni di km (2,5 milioni di km più della sua distanza media).

NoteModifica

  1. ^ (EN) Earth's Seasons – Tavola degli equinozi, solstizi, perieli e afeli, dal 2000 al 2020, su Data services, U.S. Naval Observatory, Data pubblicazione 31-01-2008. URL consultato il 7 gennaio 2009.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica