Apri il menu principale
46º Reggimento trasmissioni
Stemma 46º Reggimento Trasmissioni
Stemma del 46º Reggimento trasmissioni
Descrizione generale
Attiva1997 - oggi
NazioneItalia, Italia
ServizioCoat of arms of the Esercito Italiano.svg, Esercito Italiano
TipoTrasmissioni
DimensioneReggimento
Guarnigione/QGPalermo
EquipaggiamentoPistola automatica "Beretta 92 FS" cal.9, Fucile d'assalto "AR 70/90" cal. 5,56, Arma di reparto "MINIMI" cal. 5,56, Arma di reparto "MG 42/59" cal. 7,62 NATO, Bomba a Mano OD 82/SE,
PatronoSan Gabriele Arcangelo
Motto"Spatium non obest"
ColoriAzzurro
Parte di
Comandanti
Comandante attualeCol. Adriano Russo
Colonnello del reggimentoTen. Col. Lecca
Simboli
Fregio metallico dell'Arma delle TrasmissioniFre tra base.jpg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 46º Reggimento trasmissioni ha sede a Palermo ed è costituito dai due battaglioni Mongibello e Vulture.

Indice

StoriaModifica

Formatosi inizialmente nel 1953 come XI compagnia collegamenti, ha poi cambiato nome in 6ª compagnia trasmissioni. Tale ente si occupò alla fine degli '60 nell'ammodernamento della rete in ponte radio della Sicilia, meritando nel 1973 la targa ANGET con la seguente motivazione: “Con scarso personale, superando difficoltà climatiche ed ambientali di varia natura, senza richiedere rinforzi o cooperazione di Reparti più qualificati, realizzava nel modo e nei tempi previsti l'ammodernamento della rete infrastrutturale in ponte radio della Regione Militare Sicilia”. Dal 4 novembre 1975 diviene 46ª compagnia trasmissioni, per diventare 46º Battaglione trasmissioni "Mongibello" nel 1976. Il 24 maggio dello stesso anno, viene concessa la bandiera di guerra. A seguito della soppressione del Comando trasmissioni di Palermo, il 1º ottobre 1998, il reparto viene elevato al rango di reggimento, e nel 2001 viene a far parte del corpo anche il 45º Battaglione trasmissioni "Vulture" di Nocera Inferiore.

I battaglioniModifica

  • Il Battaglione "Mongibello" ha sede nel Comando di reggimento, a Palermo, forte di due compagnie, la 1ª svolgente servizi centralinistici e di monitoraggio, e la 2ª svolgente mantenimento e riparazione delle Stazioni Radio Interforze presenti in Sicilia e Calabria.
  • Il 45º Battaglione trasmissioni "Vulture" è il continuatore della storia del 45º Reggimento trasmissioni Vulture ed ha sede in Nocera Inferiore.

L'unità inoltre ha alle proprie dipendenze anche il 25º Reparto Lavori C4 dislocato presso San Giorgio a Cremano

Partecipazione a missioni all'esteroModifica

Il Reggimento non ha partecipato direttamente, ma fornendo personale specializzato e qualificato, alle missioni militari internazionale dalla ISAF in Afghanistan, Kfor in Kosovo, SFOR e Althea in Bosnia, Libano, riuscendo a sopperire alle carenze di personale altamente qualificato dei Reggimenti 11º, 7º, 1º e 2º, 232º.

StemmaModifica

Lo stemma del reggimento, concesso con D.P.R. del 6 febbraio 1978, si presenta tagliato, il triangolo superiore riporta l'arme di Palermo mentre quello inferiore rappresenta su sfondo azzurro il vulcano Mongibello (meglio conosciuto come Etna); in basso è presente una lista riportante il motto «Spatium Non Obest».

Insegne e SimboliModifica

  • Il Reggimento indossa il fregio dell'Arma delle trasmissioni. Il fregio delle Trasmissioni denuncia la sua nascita dall'Arma del genio per la presenza di due asce incrociate. L'insegna è completata da scariche elettriche e da un'antenna radio circolare a sei braccia, il tutto posto sotto una bomba fiammeggiante.
  • Le mostrine del Reggimento sono le fiamme a due punte azzurro elettrico con bordo amaranto; alla base della mostrina si trova la stella argentata a 5 punte bordata di nero, simbolo delle forze armate italiane.

Festa del reggimentoModifica

Armi e mezzi in dotazioneModifica

ArmamentoModifica

MezziModifica

Mezzi delle trasmissioniModifica

  • Ponte Radio Digitale VHF di piccola capacità
  • Stazione Radio SRT - 478
  • Shelter tipo UEO 2 per Posti Comando
  • Ponte Radio PR6/15
  • Gruppo elettrogeno "COELMO"

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica