Apri il menu principale

Abd al-Rahman IV ibn Muhammad

‘Abd al-Rahmān b. Muhammad, in arabo: عبد الرحمن بن محمد‎ (Cordova, ... – Guadix, 23 luglio 1018), è stato il settimo califfo omayyade del Califfato di Cordova, nel 1018.

OrigineModifica

Membro della famiglia degli Omayyadi.

BiografiaModifica

all'inizio della guerra civile, verso il 1008, al tempo del califfato di Hishām II ibn al-Ḥakam, scappò da Cordova e si rifugiò a Valencia.

Dopo il 1016, con l'avvento della dinastia hammudide i sostenitori degli Omayyadi lo spinsero a richiedere di essere eletto califfo, come legittimo pretendente, in quanto discendente della dinastia omayyade.

Nel 1018, dopo essere stato convinto, divenne pretendente al trono e si messosi alla testa di un poderoso esercito e, nel marzo di quell'anno, conquistata Jaén, giunse la notizia dell'assassinio del califfo ʿAlī ibn Ḥammūd. Il 29 aprile 1018 ‘Abd al-Rahman IV fu proclamato califfo ed adottò il titolo (laqab) di al-Murtada (colui che gode della soddisfazione divina). Ma mentre ‘Abd al-Rahman IV veniva proclamato califfo dagli Omayyadi, sorse un secondo pretendente, il fratello di ‘Ali b. Hammud al-Nasir, al-Qāsim al-Ma’mūn, governatore di Siviglia, che disponeva di una forza militare superiore.

A Guadix, i due eserciti si affrontarono e ‘Abd al-Rahman IV, tradito da una parte dei suoi sostenitori fu sconfitto ed assassinato, dopo essere stato califfo per poche settimane e non essere mai entrato in Cordova.

Voci correlateModifica