Accordo Stati Uniti-Messico-Canada

accordo commerciale nord americano

L'Accordo Stati Uniti-Messico-Canada (USMCA)[1] è un accordo di libero scambio firmato tra Canada, Messico e Stati Uniti d'America.[2][3][4]

L'accordo è il risultato di una rinegoziazione del NAFTA da parte dei suoi Stati membri, che hanno concordato in modo informale i termini il 30 settembre 2018 e formalmente l'1 ottobre dello stesso anno.[5] L'USMCA è stato proposto dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump ed è stata firmata dal presidente Trump, dal presidente messicano Enrique Peña Nieto e dal primo ministro canadese Justin Trudeau il 30 novembre 2018 come evento secondario del vertice del G20 del 2018 a Buenos Aires. Dopo la firma, l'accordo è passato alle legislature di ogni nazione per la ratifica.

I negoziati "si sono concentrati principalmente sulle esportazioni di auto, sulle tariffe dell'acciaio e dell'alluminio e sui mercati lattiero-caseario, delle uova e del pollame". Una disposizione "impedisce a qualsiasi parte di approvare leggi che limitano il flusso transfrontaliero di dati"[6]. Rispetto al NAFTA, l'USMCA aumenta le normative ambientali e di lavoro e incentiva una maggiore produzione interna di auto e camion.[7] L'accordo prevede anche protezioni aggiornate della proprietà intellettuale, offre agli Stati Uniti un maggiore accesso al mercato lattiero-caseario canadese, impone una quota per la produzione automobilistica canadese e messicana e aumenta il limite esente da dazio per i canadesi che acquistano merci statunitensi online da $20 a $150.[8] L'elenco completo delle differenze tra l'USMCA e il NAFTA è elencato sul sito Web dell'USTR.[9]

Contesto e nomenclaturaModifica

L'accordo Stati Uniti-Messico-Canada si basa sull'accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA), che è entrato in vigore originariamente il 1 ° gennaio 1994. Il presente accordo è il risultato di più di un anno di negoziati, comprese i possibili dazi degli Stati Uniti Stati contro il Canada oltre alla possibilità di accordi bilaterali separati.[10]

Durante le elezioni presidenziali statunitensi del 2016, la campagna di Donald Trump includeva la promessa di rinegoziare il NAFTA o di annullarlo in caso di fallimento delle rinegoziazioni.[11] All'elezione, il presidente Trump ha proceduto ad apportare una serie di modifiche che incidono sulle relazioni commerciali con altri paesi: ritirarsi dall'accordo di Parigi, smettere di far parte dei negoziati per il partenariato trans-pacifico e aumentare in modo significativo le tariffe con la Cina.[12] Gran parte del dibattito sulle virtù e i difetti dell'USMCA è simile a quello che circonda tutti gli accordi di libero scambio (ALS), ad esempio la natura degli ALS come beni pubblici, potenziali violazioni della sovranità nazionale e il ruolo delle imprese, del lavoro, interessi ambientali e dei consumatori nel definire la lingua degli accordi commerciali.

L'accordo fa riferimento in modo diverso da ciascun firmatario: negli Stati Uniti si chiama Accordo Stati Uniti - Messico - Canada (USMCA); in Canada, è ufficialmente noto come Accordo Canada - Stati Uniti - Messico (CUSMA) in inglese[13] e Accord Canada – États-Unis - Mexique (ACEUM) in francese;[14] in Messico, si chiama il Tratado entre México, Estados Unidos y Canadá (T-MEC).[15][16] L'accordo è talvolta denominato "Nuovo NAFTA"[17][18] in riferimento al precedente accordo trilaterale che dovrebbe sostituire, l'accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA).

NegoziatiModifica

Il processo di negoziazione formale è iniziato il 18 maggio 2017, quando il rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR), Robert Lighthizer, ha informato il Congresso che intendeva rinegoziare la NAFTA a partire da 90 giorni[19]. In conformità con lo statuto dell'Autorità per la promozione commerciale, l'USTR ha pubblicato il suo documento sugli obiettivi chiave di negoziazione il 7 luglio 2017. I negoziati sono iniziati il 16 agosto 2017 e sono proseguiti con otto cicli formali di colloqui fino all'8 aprile 2018. In mancanza di una risoluzione, afferma Lighthizer il 2 maggio 2018, che se non fosse stato raggiunto un accordo entro la fine del mese, i negoziati sarebbero stati interrotti fino al 2019. Questa dichiarazione è stata motivata dal cambio di governo in corso in Messico, in cui l'allora presidente entrante, Andres Manuel Lopez Obrador, in disaccordo con gran parte della lingua negoziata e potrebbe non essere disposto a firmare l'accordo.

Separatamente, l'11 maggio 2018, il presidente della Camera Paul Ryan ha fissato il 17 maggio come termine per l'azione del Congresso. Questa scadenza è stata ignorata e l'accordo con il Messico non è stato raggiunto fino al 27 agosto 2018.[19] Al momento il Canada non aveva accettato l'accordo presentato. Poiché il presidente uscente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha lasciato l'incarico il 1 ° dicembre 2018 e sono necessari 60 giorni come periodo di revisione, il termine ultimo per fornire il testo concordato era la fine del 30 settembre 2018. È stato raggiunto esattamente il 30 settembre; i negoziatori hanno lavorato 24 ore su 24 e hanno completato l'accordo meno di un'ora prima di mezzanotte di quella data su una bozza di testo. Il giorno successivo, il 1 ° ottobre 2018, il testo USMCA è stato pubblicato come documento concordato.

Il testo concordato dell'accordo è stato firmato dai leader di tutti e tre i paesi il 30 novembre 2018 come evento secondario al vertice del G20 del 2018 a Buenos Aires, in Argentina[20]. Le versioni inglese, spagnola e francese saranno ugualmente autentiche e l'accordo entrerà in vigore dopo la ratifica da tutti e tre gli stati attraverso l'approvazione della legislazione abilitante[21].

È stato rivelato in un libro di memorie pubblicato da Stephen A. Schwarzman, CEO e fondatore dello specialista americano della LBO The Blackstone Group, che aveva incitato Justin Trudeau a concedere il mercato lattiero-caseario protetto nei negoziati USMCA. Secondo Schwarzman, Trudeau temeva che una recessione avrebbe avuto un impatto sulle prospettive del suo governo durante le elezioni federali canadesi del 2019. L'esecutivo, che era stato accolto dal presidente Trump, è stato invitato nel gennaio 2017 a rivolgersi al gabinetto liberale in un ritiro di Calgary quando il gabinetto non sarebbe stato protetto dai suoi funzionari dell'ufficio del consiglio privato. Quindi, quando i negoziati sono giunti al termine, il 1 ° ottobre 2018, in una riunione dell'ultimo minuto dietro le quinte alle Nazioni Unite a New York, Trudeau ha sacrificato l'industria lattiero-casearia al fine di salvare l'industria dei media e l'esenzione automobilistica. Chrystia Freeland, ministro degli affari esteri di Trinity-Spadina, che guida nel centro di Toronto, i cui componenti includono molti membri del personale della CBC e The Globe and Mail e la Toronto Star e il Toronto Sun, mappano la "cultura canadese" direttamente sull'industria dei media. Robert Fife in un articolo sul ciclo elettorale non riuscì a ottenere alcun commento da parte del partito liberale[22].

Fox News ha riferito il 9 dicembre 2019 che i negoziatori dei tre paesi hanno raggiunto un accordo sull'applicazione, aprendo la strada a un accordo finale entro 24 ore e la ratifica da parte di tutte e tre le parti entro la fine dell'anno. Il Messico ha accettato di applicare un salario minimo di $ 16 USD all'ora per i lavoratori automobilistici messicani da parte di terzi "neutrali". Il Messico, che importa tutto il suo alluminio, ha anche espresso opposizione alle disposizioni relative al contenuto americano di acciaio e alluminio nei componenti automobilistici[23].

DisposizioniModifica

Le disposizioni dell'accordo riguardano una vasta gamma, tra cui prodotti agricoli, senzatetto, manufatti, condizioni di lavoro, commercio digitale, tra gli altri. Alcuni degli aspetti più importanti dell'accordo includono l'accesso ai produttori lattiero-caseari statunitensi un maggiore accesso al mercato canadese, linee guida per avere una percentuale maggiore di automobili prodotte tra le tre nazioni anziché importate da altrove e mantenimento del sistema di risoluzione delle controversie simile a quello incluso in NAFTA.[21][21]

Prodotti lattiero-caseariModifica

Le disposizioni sui prodotti lattiero-caseari offrono agli Stati Uniti un accesso esente da dazi al 3,6%[24][25]. Il Canada ha accettato di rimuovere le disposizioni in materia di prezzi di Classe 7 su alcuni prodotti lattiero-caseari, mentre il sistema di gestione degli approvvigionamenti domestici del Canada rimane in vigore[26]. Il Canada ha convenuto di aumentare il limite esente dai dazi sugli acquisti dagli Stati Uniti a $ 150 dal precedente livello di $ 20, consentendo ai consumatori canadesi di avere un maggiore accesso esente da dazi al mercato statunitense[27].

VettureModifica

I requisiti delle norme sull'origine delle automobili (ROO) impongono che una determinata parte del valore di un'automobile debba provenire dalla regione governata. In NAFTA, la porzione richiesta era del 62,5%. L'USMCA aumenta questo requisito di 12,5 punti percentuali, al 75% del valore dell'automobile. La proposta iniziale dell'amministrazione Trump era un aumento all'85% e un'ulteriore clausola secondo cui il 50 percento del contenuto automobilistico sarebbe stato prodotto dai produttori di auto degli Stati Uniti.[19] Sebbene il testo dell'accordo non includesse la versione più impegnativa di questa disposizione, si teme che l'accresciuto approvvigionamento interno, volto a promuovere l'occupazione negli Stati Uniti, comporterà costi di input più elevati e interruzioni delle catene di approvvigionamento esistenti.[28]

De minimisModifica

Per facilitare un maggiore commercio transfrontaliero, gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo con il Messico e il Canada per aumentare i loro livelli di valore di spedizione de minimis. Il Canada aumenterà il suo livello de minimis per la prima volta in decenni, da $ 20 a $ 40 per tasse. Il Canada fornirà anche spedizioni duty-free fino a $ 150. Il Messico continuerà a fornire USD de minimis $ 50 esentasse e anche spedizioni esenti da dazio fino al livello equivalente di $ 117 USD. I valori delle spedizioni fino a questi livelli entrerebbero con procedure di ingresso formali minime, rendendo più facile per un numero maggiore di imprese, in particolare di piccole e medie dimensioni, far parte del commercio transfrontaliero. Il Canada consentirà inoltre un periodo di 90 giorni dopo l'ingresso per l'importatore di effettuare il pagamento delle tasse.

LavoroModifica

L'allegato 23-A dell'USMCA impone al Messico di approvare una legislazione che migliora le capacità di contrattazione collettiva dei sindacati[29]. Gli standard specifici che il Messico deve rispettare sono dettagliati nella Convenzione 98 dell'Organizzazione internazionale del lavoro sulla libertà di associazione e contrattazione collettiva. L'amministrazione del presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ha introdotto la legislazione alla fine del 2018 che persegue il rispetto di questi standard internazionali.

Altre misure relative al lavoro includono un requisito salariale minimo nell'industria automobilistica. In particolare, dal 40 al 45 percento delle automobili prodotte in Nord America deve essere fabbricato in una fabbrica che paga un minimo di $ 16 l'ora.[28] Questa misura verrà gradualmente introdotta nei primi cinque anni dopo la ratifica dell'USMCA.

Proprietà intellettualeModifica

L'USMCA prolungherà la durata del copyright in Canada fino a 70 anni e 75 anni per le registrazioni audio.[30] Questa estensione rispecchia la stessa politica di PI acquisita nel testo del Partenariato Trans-Pacifico, paragrafo 18.63.[31] Inoltre, le aziende biotecnologiche avrebbero un periodo di esclusività di almeno 10 anni per i prodotti chimici agricoli (il doppio degli attuali 5) e il periodo dei progetti industriali "salterebbe" dagli attuali 10 a 15 anni. Rispetto al NAFTA, USMCA dovrebbe:

  • richiedere sanzioni penali e civili sia per il furto del servizio satellitare che via cavo
  • richiedere procedure e sanzioni più importanti per la registrazione di film protetti da copyright nelle sale cinematografiche
  • richiedere che le autorità doganali d'ufficio fermino le merci contraffatte.[32]

Eliminazione degli Uffici Esteri e presenza localeModifica

Una clausola dell'USMCA eliminerebbe la necessità per le aziende di stabilire sedi in qualsiasi altro paese USMCA. Incoraggerà le attività transfrontaliere escludendo le società statunitensi dalla necessità di delocalizzare, aprire un quartier generale canadese o messicano. Ad esempio, il McDonald's Canada o Apple Canada cesserebbero entrambi di esistere e le entità sopravvissute sarebbero un McDonald's o una Apple nordamericana.

Meccanismi di risoluzione delle controversieModifica

Esistono tre meccanismi principali di risoluzione delle controversie contenuti nel NAFTA. Il capitolo 20 tratta del meccanismo di risoluzione tra i paesi. È spesso considerato il meno controverso dei tre meccanismi ed è stato ripreso dalla sua forma originale contenuto nel NAFTA. Tali casi comporterebbero denunce tra gli Stati membri dell'USMCA in merito alla violazione di una clausola dell'accordo[33]. Le controversie del capitolo 19 gestiscono le giustificazioni dei dazi anti-dumping o compensativi. Senza il capitolo 19, il ricorso legale per la gestione di tali politiche avverrebbe attraverso il sistema giuridico interno. Il capitolo 19 specifica che un panel dell'USMCA sentirà il caso e fungerà da tribunale del commercio internazionale nell'arbitrato della controversia[33]. L'amministrazione Trump ha tentato di rimuovere il capitolo 19 dal nuovo testo USMCA, anche se finora ha resistito all'accordo. Il capitolo 11 è il terzo meccanismo, noto come Risoluzione delle controversie investitore-stato, in cui le società multinazionali sono abilitate a citare in giudizio i governi partecipanti per presunte politiche discriminatorie. Il capitolo 11 è generalmente considerato il più controverso dei meccanismi di risoluzione[34].

Accordo "Beyond The Border"Modifica

Oltre a basarsi sull'attuale NAFTA fuso con elementi del Partenariato Trans-Pacifico, il nuovo USMCA approvato dal Congresso degli Stati Uniti incorpora anche elementi dell'accordo "Beyond the Border" firmato dal Primo Ministro Stephen Harper e dall'ex Presidente Barack Obama[35].

Clausola del tramontoModifica

Inoltre, esiste una clausola secondo cui l'accordo stesso deve essere rivisto dalle tre nazioni ogni sei anni, con una clausola di tramonto di 16 anni. L'accordo può essere prorogato per ulteriori termini di 16 anni durante le revisioni di sei anni[36]. L'introduzione della clausola del tramonto conferisce maggiore controllo nel plasmare il futuro dell'USMCA nelle mani dei governi nazionali. Tuttavia, si teme che ciò possa creare una maggiore incertezza. Settori come quello automobilistico richiedono investimenti significativi nelle catene di approvvigionamento transfrontaliere[37]. Dato il predominio del mercato al consumo degli Stati Uniti, ciò probabilmente spingerà le imprese a localizzare più produzione negli Stati Uniti, con una maggiore probabilità di maggiori costi di produzione per tali veicoli[38].

MonetaModifica

Una nuova aggiunta in USMCA è l'inclusione del capitolo 33 che tratta le politiche macroeconomiche e le questioni relative ai tassi di cambio. Ciò è considerato significativo perché potrebbe costituire un precedente per futuri accordi commerciali[39]. Il capitolo 33 stabilisce i requisiti di trasparenza valutaria e macroeconomica che, se violati, costituirebbero motivi per un ricorso per controversia previsto dal capitolo 20.[39] Gli Stati Uniti, il Canada e il Messico sono attualmente tutti conformi a questi requisiti di trasparenza in aggiunta ai requisiti di politica sostanziale che si allineano agli articoli dell'accordo sul Fondo monetario internazionale[40].

Clausola 32.10Modifica

L'USMCA inciderà sul modo in cui i paesi membri negoziano futuri accordi di libero scambio. L'articolo 32.10 impone ai paesi dell'USMCA di avvisare i membri dell'USMCA con tre mesi di anticipo se intendono avviare negoziati di libero scambio con economie non di mercato. L'articolo 32.10 consente ai paesi dell'USMCA di riesaminare eventuali nuovi accordi di libero scambio che i membri accettano di portare avanti. L'articolo 32.10 è ampiamente ipotizzato per prendere di mira la Cina[41]. In effetti, un alto funzionario della Casa Bianca ha dichiarato in relazione all'accordo USMCA che: "Siamo stati molto preoccupati per gli sforzi della Cina di minare sostanzialmente la posizione degli Stati Uniti stipulando accordi con altri".[42]

Contro la manipolazione del tasso di cambioModifica

I paesi dell'USMCA devono attenersi agli standard del FMI volti a prevenire la manipolazione dei tassi di cambio. L'accordo prevede la divulgazione al pubblico degli interventi sul mercato. L'FMI può essere convocato per agire come arbitro se le parti contestano[42].

Contro le imprese stataliModifica

Alle imprese statali, che sono favorite dalla Cina come leve per esercitare il proprio dominio, viene in qualche modo impedito di ricevere sussidi ingiusti rispetto alle imprese private[42].

Status (firme e ratifiche)Modifica

Il presidente messicano uscente Enrique Peña Nieto, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il primo ministro canadese Justin Trudeau firmano l'accordo durante il vertice del G20 a Buenos Aires, in Argentina, il 30 novembre 2018.[43][44]

Ogni paese deve seguire le proprie procedure interne prima che l'accordo possa essere ratificato e quindi avere effetto. Il vice primo ministro canadese Chrystia Freeland, il rappresentante commerciale statunitense Robert Lightizer e il sottosegretario messicano per il Nord America Jesus Seade hanno formalmente firmato un accordo rivisto il 10 dicembre 2019. Le controversie sui diritti dei lavoratori, acciaio e alluminio avevano bloccato la ratifica di una versione precedente.[45][46]

Stati UnitiModifica

Le procedure interne per la ratifica dell'accordo negli Stati Uniti sono regolate dalla legislazione dell'Autorità per la promozione del commercio.

Le crescenti obiezioni negli Stati membri sulla politica commerciale degli Stati Uniti e vari aspetti dell'USMCA hanno influenzato il processo di firma e ratifica. Il Messico ha dichiarato che non avrebbe firmato l'USMCA se fossero rimaste tariffe in acciaio e alluminio.[47] Ci sono state speculazioni dopo i risultati delle elezioni di metà mandato degli Stati Uniti del 6 novembre 2018, secondo cui l'accresciuto potere dei democratici nella Camera dei Rappresentanti potrebbe interferire con l'approvazione dell'accordo USMCA.[48][49] Il democratico Bill Pascrell ha sostenuto modifiche all'USMCA per consentirgli di approvare al Congresso.[50] I repubblicani si sono opposti alle disposizioni USMCA che richiedono diritti di lavoro per LGBTQ e lavoratrici gestanti[51]. Quaranta repubblicani congressuali hanno esortato Trump a non firmare un accordo che contenesse "l'inclusione senza precedenti di orientamento sessuale e linguaggio dell'identità di genere". Di conseguenza Trump alla fine firmò una versione rivista che impegnava ogni nazione solo a "politiche che considera appropriate per proteggere i lavoratori contro la discriminazione sul lavoro" e chiarì che gli Stati Uniti non sarebbero stati tenuti ad introdurre ulteriori leggi di non discriminazione[52]. Il governo canadese ha espresso preoccupazione per i cambiamenti in evoluzione nell'ambito dell'accordo USMCA[53].

Il 2 dicembre 2018, Trump ha annunciato che avrebbe iniziato il processo di 6 mesi per ritirarsi dal NAFTA, aggiungendo che il Congresso doveva o ratificare l'USMCA oppure ripristinare le regole commerciali pre-NAFTA. Gli accademici discutono se il presidente possa ritirarsi unilateralmente dal patto senza l'approvazione del Congresso.[54]

Il 1º marzo 2019, numerose organizzazioni che rappresentano il settore agricolo negli Stati Uniti hanno annunciato il loro sostegno all'USMCA e hanno invitato il Congresso a ratificare l'accordo. Hanno anche sollecitato l'amministrazione Trump a continuare a sostenere il NAFTA fino alla ratifica del nuovo accordo commerciale[55]. Tuttavia, il 4 marzo, il presidente di House Ways and Means, Richard Neal, ha predetto un percorso "molto difficile" attraverso il Congresso per l'accordo.[56] A partire dal 7 marzo, alti funzionari della Casa Bianca si sono incontrati con i membri di House Ways and Means, nonché con moderati consigli di entrambe le parti, come il Problem Solvers Caucus, il Tuesday Group e la Blue Dog Coalition nei loro sforzi per ottenere supporto per la ratifica. L'amministrazione Trump ha minacciato di ritirarsi dal NAFTA mentre proseguivano i negoziati con il Congresso[57].

Il 30 maggio, il rappresentante commerciale degli Stati Uniti Robert E. Lighthizer ha presentato al Congresso un progetto di dichiarazione sulle misure amministrative relative all'attuazione dell'accordo USA-Messico-Canada (USMCA e il nuovo NAFTA) in conformità con la Presidential Trade Promotion Authority Law 2015 (TPA). Il progetto consentirà di presentare al Congresso la legislazione di attuazione dell'USMCA dopo 30 giorni, il 29 giugno o successivamente. In una lettera[58] inviata a Nancy Pelosi, presidente della Camera dei rappresentanti, e Kevin McCarthy, leader delle minoranze della Camera, repubblicano, Lighthizer ha affermato che l'USMCA è il gold standard nella politica commerciale degli Stati Uniti, modernizzando le disposizioni sul commercio digitale competitivo negli Stati Uniti, la proprietà intellettuale e i servizi e creando condizioni di parità per le società, i lavoratori e gli agricoltori statunitensi, un accordo che rappresenta un fondamentale riequilibrio delle relazioni commerciali tra Messico e Canada.

Con il progetto di dichiarazione sulle misure amministrative presentato, la relatrice Pelosi ha rilasciato una dichiarazione[59] secondo cui il rappresentante commerciale degli Stati Uniti Lighthizer dovrebbe confermare che il progetto di formulazione dell'USMCA andrebbe a beneficio dei lavoratori e degli agricoltori statunitensi e che, sebbene concordasse sulla necessità di rivedere il NAFTA, era necessaria un'applicazione più rigorosa delle norme in materia di tutela del lavoro e dell'ambiente.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avvertito il 25 settembre che un'indagine di impeachment contro di lui potrebbe far deragliare l'approvazione congressuale dell'USMCA, trascinando giù il peso e il mercato azionario del Messico mentre gli investitori fuggivano da attività più rischiose.[60]

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti avrebbe proceduto comunque con i lavori sull'USMCA, ha affermato il presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi il 26 settembre.[60]

Il 29 ottobre 2019, Bloomberg News riferì che l'amministrazione Trump aveva pianificato di includere nella legislazione che approvava il patto una disposizione che avrebbe consentito all'USTR di controllare direttamente come e dove le automobili e le parti sono prodotte dalle case automobilistiche globali.[61]

Il 19 dicembre 2019, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato l'USMCA con il sostegno bipartisan con un voto di 385 (Democratici 193, Repubblicani 192) a 41 (Democratici 38, Repubblicani 2, Indipendenti 1).[62] Il 16 gennaio 2020, il Senato degli Stati Uniti ha approvato l'accordo commerciale con un voto di 89 (Democratici 38, Repubblicani 51) a 10 (Democratici 8, Repubblicani 1, Indipendenti 1)[63] e il disegno di legge è stato trasmesso alla Casa Bianca per la firma del presidente Trump.[64] Il 29 gennaio 2020, il presidente Trump ha firmato l'accordo in legge (legge pubblica n. 116-113).[65] Annulla ufficialmente la NAFTA ma non l'accordo di libero scambio tra Canada e Stati Uniti del 1989, che è solo "sospeso", quindi nel caso in cui le parti non riescano a prorogarlo o rinnovarlo in 6 anni, l'accordo di libero scambio diventerebbe la legge.[66][67]

MessicoModifica

Il 19 giugno 2019 il Senato del Messico ha ratificato l'accordo (114 sì, 3 no, 3 astensioni).[68] La procedura di ratifica del Messico sarà completata quando il Presidente annuncerà la ratifica nel registro federale. Il 12 dicembre 2019, il Senato del Messico ha approvato il trattato rivisto con un voto di 107–1.[69]

CanadaModifica

Il 29 maggio 2019, il Primo Ministro Trudeau ha presentato una proposta di legge USMCA[70] alla Camera dei Comuni.[71] Il 20 giugno passò la seconda lettura della Camera dei Comuni e fu deferito al Comitato permanente per il commercio internazionale[72].

Il governatore generale del Canada, Julie Payette, ha dichiarato lo scioglimento del 42° parlamento canadese l'11 settembre 2019 e ha formalmente rilasciato le dichiarazioni elettorali per le elezioni federali canadesi del 2019.[73] Tutta la legislazione in sospeso viene eliminata in caso di scioglimento del Parlamento, il che significa che la proposta di legge dell'USMCA dovrà essere reintrodotta nel 43° Parlamento canadese, iniziato il 5 dicembre 2019.[74][75]

Il 29 gennaio 2020, il Vice Primo Ministro e Ministro degli affari intergovernativi, l'ultima Chrystia Freeland, ha presentato alla Camera dei Comuni un disegno di legge USMCA[70].[76] Il 6 febbraio passò la seconda lettura della Camera dei Comuni e fu deferito al Comitato permanente per il commercio internazionale.[76]

NoteModifica

  1. ^ (EN) United States-Mexico-Canada Agreement, su ustr.gov. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  2. ^ USA, Canada e Messico firmano testo definitivo nuovo accordo commerciale USMCA, su ilsole24ore.com. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) Ana Swanson e Emily Cochrane, Trump Signs Trade Deal With Canada and Mexico, in The New York Times, 29 gennaio 2020. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  4. ^ (EN) Paul Vieira, Canada Begins USMCA Ratification Process That Won’t Necessarily Be Smooth Sailing, in Wall Street Journal, 27 gennaio 2020. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  5. ^ (EN) NAFTA deal reached: Canada, U.S., Mexico reach trade agreement under new name, su Global News. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  6. ^ (EN) Brian J. Barth, Are You Afraid of Google? BlackBerry Cofounder Jim Balsillie Says You Should Be, su The Walrus, 10 aprile 2019. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  7. ^ (EN) P. M. N. Canada, Labour, environment standards key to getting USMCA through: Canadian ambassador | National Post, su nationalpost.com, 3 dicembre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  8. ^ (EN) Smart & Biggar, USMCA v NAFTA: What’s changed and what it means for IP in Canada, su Smart & Biggar. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  9. ^ UNITED STATES–MEXICO–CANADA TRADE FACT SHEET Modernizing NAFTA into a 21st Century Trade Agreement | United States Trade Representative, su ustr.gov. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  10. ^ Jackie Wattles and Katie Lobosco, Trump again threatens to leave Canada out of new NAFTA deal, su CNN. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  11. ^ (EN) Trump vows to reopen, or toss, NAFTA pact with Canada and Mexico, in Reuters, 29 giugno 2016. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  12. ^ (EN) President Trump pulls U.S. out of Paris climate accord, sparking global criticism, su PBS NewsHour, 1º giugno 2017. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  13. ^ (EN) Meredith MacLeod, What’s in a name? Canada goes with CUSMA for new trade deal, su CTVNews, 30 novembre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  14. ^ Global Affairs Canada-Affaires mondiales Canada, L'Accord Canada–États-Unis–Mexique (ACEUM), su AMC, 15 agosto 2014. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  15. ^ (ES) T-MEC es el nombre con el que se conocerá al nuevo acuerdo comercial, su El Universal, 17 ottobre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  16. ^ (ES) AMLO gana y se queda T-MEC como nombre para acuerdo comercial trilateral, su El Financiero. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  17. ^ (EN) Jessica Murphy e Natalie Sherman, Who gets what from 'new Nafta' deal?, in BBC News, 1º ottobre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  18. ^ Battle' over as Trudeau, Trump, Pena Nieto sign 'new NAFTA, su cbc.ca.
  19. ^ a b c (EN) From NAFTA to USMCA: Understanding Changes to Free Trade in North America, su Livingston International. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  20. ^ (EN) Doug Palmer, Megan Cassella, NAFTA 2.0 is signed — but it’s far from finished, su POLITICO. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  21. ^ a b c Jeremy Diamond, Kevin Liptak, Paula Newton and Donna Borak CNN, US and Canada reach deal on NAFTA, su CNN. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  22. ^ Robert Fife (September 13, 2019). "Blackstone CEO says he advised Trudeau to make dairy concession to reach USMCA deal". The Globe and Mail Inc.
  23. ^ (EN) Edward Lawrence, USMCA trade agreement reached, su FOXBusiness, 9 dicembre 2019. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  24. ^ (EN) Canada, U.S. reach new NAFTA deal | The Star, su thestar.com. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  25. ^ Government of Canada;Canadian Dairy Information Centre, Canadian Dairy Industry at a Glance - Canadian Dairy Information Centre (CDIC), su dairyinfo.gc.ca, 15 febbraio 2019. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  26. ^ Trump approves of new continental trade deal as winners and losers are assessed [collegamento interrotto], su timescolonist.com.
  27. ^ New free trade deal with U.S. will see Canada's duty-free limit raised to $150 from $20, su cbc.ca.
  28. ^ a b (EN) From NAFTA to USMCA: What’s New and What’s Next?, su www.csis.org. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  29. ^ (EN) Mexico: UPDATE Regarding the USMCA, the Commercial Agreement Between the United States, Mexico and Canada, su L&E Global Knowledge Centre, 13 dicembre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2020.
  30. ^ How the Canadian Music Biz Is Reacting to New Trade Deal With U.S., Mexico, su Billboard. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  31. ^ Trans-Pacific Partnership: Chapter 18 Intellectual Property [collegamento interrotto], su ustr.gov.
  32. ^ The full list of the updated IP protocol is posted on USTR Lighthizer's website (PDF), su ustr.gov.
  33. ^ a b (EN) Knowing Your NAFTA Dispute Chapters: 11 vs. 19 vs. 20, su Cato Institute, 26 luglio 2017. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  34. ^ (EN) NAFTA’s controversial Chapter 11: What’s an ISDS and why does it matter?, su Trade Ready, 27 maggio 2016. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  35. ^ (EN) Tori K. Smith, An Analysis of the United States–Mexico–Canada Agreement, su The Heritage Foundation. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  36. ^ Analysis | U.S., Canada and Mexico just reached a sweeping new NAFTA deal. Here's what's in it, su washingtonpost.com.
  37. ^ The renegotiation of NAFTA is a relief. But it is not a success, in The Economist. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  38. ^ Canada joins North America’s revised trade deal, in The Economist. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  39. ^ a b (EN) USMCA Currency Provisions Set a New Precedent, su www.csis.org. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  40. ^ Stewart and Stewart - USMCA Side-by-Side, su stewartlaw.com. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2019).
  41. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  42. ^ a b c Subscribe to read | Financial Times, su www.ft.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  43. ^ Global Affairs Canada-Affaires mondiales Canada, Canada-United States-Mexico Agreement (CUSMA), su GAC, 15 agosto 2014. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  44. ^ (EN) P. M. N. News, Future Mexican minister: Trade deal could be signed at G20 | National Post, su nationalpost.com, 27 novembre 2018. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  45. ^ (EN) Toronto SUN, News, Canada, U. S. Share Canada, Tumblr, Pinterest, Canada, U.S., Mexico sign agreement on USMCA | Toronto Sun, su canoe.com, 11 dicembre 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  46. ^ Jesse Snyder (December 10, 2019). "Trade Deal Breakthrough as Deal Nears U.S. Vote: Freeland, U.S. negotiators in Mexico". National Post. p. A1.
  47. ^ (EN) Mike Blanchfield, No signature on USMCA if U.S. steel and aluminum tariffs stay: Mexican minister, su CTVNews, 26 ottobre 2018. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  48. ^ (EN) William Mauldin and Vivian Salama, Democrats’ House Victory Complicates Passage of New Nafta, Trade Deals, in Wall Street Journal, 8 novembre 2018. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  49. ^ (EN) News, Economy, Trump’s USMCA trade deal could be upended as Democrats vow to withhold support | Financial Post, su business.financialpost.com, 12 novembre 2018. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  50. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  51. ^ Republican lawmakers question protection for LGBTQ and pregnant workers in USMCA, su cbc.ca.
  52. ^ (EN) Trump strips LGBT rights from US-Mexico-Canada trade deal, su PinkNews - Gay news, reviews and comment from the world's most read lesbian, gay, bisexual, and trans news service, 3 dicembre 2018. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  53. ^ (EN) News, Economy, ‘Not what we agreed to’: Canada at odds with U.S. changes to text of USMCA, source says | Financial Post, su business.financialpost.com, 8 novembre 2018. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  54. ^ (EN) Rew Restuccia, Doug Palmer, Adam Behsudi, Trump says he will withdraw from NAFTA, pressuring Congress to approve new trade deal, su POLITICO. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  55. ^ (EN) Producer groups urge ratification of U.S.M.C.A., su www.bakingbusiness.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  56. ^ (EN) Sabrina Rodriguez, Neal: New NAFTA will have ‘very hard’ path through Congress, su POLITICO. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  57. ^ (EN) Sabrina Rodriguez, Rew Restuccia, White House tries to charm Democrats on new NAFTA, su POLITICO. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  58. ^ USMCA (PDF), su ustr.gov.
  59. ^ (EN) Pelosi Statement on the United States-Mexico-Canada Agreement, su Speaker Nancy Pelosi, 30 maggio 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  60. ^ a b (EN) Trump says impeachment inquiry could derail trade deal, Mexico markets slump, in Reuters, 25 settembre 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  61. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  62. ^ clerk.house.gov, http://clerk.house.gov/evs/2019/roll701.xml.
  63. ^ senate.gov, https://www.senate.gov/legislative/LIS/roll_call_lists/roll_call_vote_cfm.cfm?congress=116&session=2&vote=00014.
  64. ^ (EN) Robert Schroeder, USMCA heads to Trump’s desk for signature after Senate approves pact, su MarketWatch. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  65. ^ (EN) President Donald J. Trump's United States-Mexico-Canada Agreement Delivers a Historic Win for American Workers, su The White House. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  66. ^ U.S. Senate: U.S. Senate Roll Call Votes 116th Congress - 2nd Session, su www.senate.gov. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  67. ^ Once Trump signs bill into law, NAFTA is officially cancelled but CUFTA is only 'suspended', su thestar.com.
  68. ^ (ES) David Marcial Pérez, México ratifica el nuevo TLC con EE UU y Canadá, in El País, 20 giugno 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  69. ^ Mexican Senate ratifies changes to USMCA trade pact, su AP NEWS, 13 dicembre 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  70. ^ a b Una legge per attuare l'accordo tra Canada, Stati Uniti d'America e Stati Uniti messicani
  71. ^ (EN) Rachel Aiello, House begins debate on new NAFTA ratification bill, su CTVNews, 11 giugno 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  72. ^ LEGISinfo - House Government Bill C-100 (42-1), su www.parl.ca. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  73. ^ Office of the Secretary to the Governor General, The Dissolution of Parliament and the Calling of an Election, su The Governor General of Canada, 11 settembre 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  74. ^ (EN) Ryan Bernstein, Mariam Eatedali, Clock is ticking for ratification of USMCA trade deal, su MarketWatch. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  75. ^ (EN) Senate of Canada, Senate of Canada - What is dissolution of Parliament?, su Senate of Canada, 6 settembre 2019. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  76. ^ a b LEGISinfo - House Government Bill C-4 (43-1), su www.parl.ca. URL consultato il 17 febbraio 2020.

Collegamenti esterniModifica