Adriano Torelli

Adriano Torelli (Montechiarugolo, 1609Guastalla, 7 febbraio 1680) è stato un nobile italiano.

BiografiaModifica

 
Stemma dei Torelli

Adriano era figlio di Pio Torelli, ultimo conte di Montechiarugolo e di sua moglie, la nobile Ginevra Bentivoglio.

Con l'ascesa al potere di Ranuccio I Farnese, divenuto duca di Parma, si pose l'obbiettivo di creare uno stato forte e indipendente da tutte le varie signorie locali. Nel 1611 fece arrestare il padre Pio con l'accusa di cospirazione contro la sua persona (venne decapitato l'anno seguente) e anche Adriano finì nelle mani dei Farnese. Fu liberato grazie all'aiuto dei frati di Montechiarugolo, che si introdussero nel castello di famiglia. Fu condotto a Gualtieri presso i parenti Bentivoglio. Adriano fu spogliato di tutti i suoi beni, ma godette della protezione degli Estensi e dei Gonzaga. Visse alla corte di Margherita d'Este, duchessa di Guastalla, divenendo maestro di camera.

Morì a Guastalla nel 1680 e qui fu sepolto.

DiscendenzaModifica

Adriano sposò nel 1634 Virginia Zoboli (?-1654) di Parma ed ebbero otto figli:

  • Ginevra (?-1702), monaca
  • Isabella (?-1668), monaca
  • Salinguerra (?-1700), religioso
  • Pio (?-1699), cavaliere dell'Ordine del Redentore, sposò Vittoria Tirelli
  • Pomponio (?-1706), religioso
  • Girolamo Gaetano (?-1707), religioso
  • Guido (?-1678)
  • Paolo (?-1685)

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Torelli di Ferrara, Torino, 1835, ISBN non esistente.