Apri il menu principale

L'Africa dei Grandi Laghi è una regione più politica che geografica che raggruppa quattro paesi:

Indice

GeografiaModifica

Vedi anche Grandi laghi africani.

A volte questa regione viene confusa con l'Africa Centrale, anche se spesso non identifica gli stessi paesi.
Infatti spesso l'Uganda e talvolta anche il Rwanda ed il Burundi vengono considerati come facente parte dell'Africa orientale, essendo sul confine con questa regione.

Nello stesso tempo il Kenya, che tocca il Lago Vittoria e la Tanzania che tocca il Lago Tanganika, non sono considerati, a torto o a ragione, come facenti parte dell'insieme politico dei grandi laghi, come anche i paesi che circondano il Lago Malawi, ma tutti fanno parte della regione geografica dei Grandi laghi.

StoriaModifica

Vedi anche le voci di ciascun paese.

Il Burundi ed il Ruanda vennero colonizzati prima dalla Germania e poi dal Belgio. L'Uganda lo fu dalla Gran Bretagna e la Repubblica Democratica del Congo prima dal re belga Leopoldo II e poi dal Belgio.

Negli anni sessanta questi paesi ottengono l'indipendenza.
Questi sono i principali avvenimenti successi:

PoliticaModifica

Oggi questa regione è molto segnata dal Genocidio ruandese che ha finito di destabilizzarla dopo la lenta caduta del mobutismo in Zaire. La questione degli Interahamwe che ha incancrenito la regione per tanto tempo sembra aver trovato una soluzione.

Gigante geografico e geologico, la Repubblica Democratica del Congo fatica a trovare una dinamica politica che possa trascinare la regione. Numerosi progetti di sviluppo, soprattutto nella produzione energetica, non trovano concretizzazione per assenza d'intesa. L'influenza dell'Uganda e del Rwanda nell'Est del congo è una causa di difficoltà di questo paese, così come quella dei paesi occidentali e delle loro Multinazionali. Il potenziale del Lago Kivu, comune al Congo ed al Rwanda, potrà essere risolto solo se i due paesi troveranno un'intesa. La diplomazia, molto attiva, forse permetterà di trovare una soluzione.

Il Burundi si sforza di trovare una unità nel mosaico di gruppi politici segnati dall'etnismo coloniale, integrato ed inscritto nella costituzione.

Il Ruanda cerca di sfuggire allo stesso problema etnico coloniale del burundi e l'ha bandito dalla sua costituzione. Mantiene una dinamica certa, sostenuta dagli Stati Uniti d'America, ma frenata dai suoi oppositori, vecchi genocidari o no, che dall'estero sostengono una campagna di comunicazione violenta contro il regime di Paul Kagame, con la simpatia attiva della Francia.

L'Uganda non ha ancora risolto tutti i suoi problemi di unità. Al nord del paese i ribelli sono sempre attivi. Ha ancora una grande influenza sul Rwanda.

La Francia e gli Stati Uniti sono i principali paesi che esercitano una influenza oggi su questi paesi.
Il Rwanda si trova al centro della linea di divisione di queste zone di influenza.

Due paesi sono attualmente sottomessi ad una presenza di forze dell'ONU: il Burundi con l'Onub e la Repubblica Democratica del Congo con la Monuc.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica