Apri il menu principale

Angelo della Pergola

condottiero italiano
(Reindirizzamento da Agnolo della Pergola)
Angelo della Pergola
Conte di Biandrate
Trattamento Conte
Altri titoli Signore di Sartirana Lomellina e Zeme
Nascita Pergola, 1375 circa
Morte Bergamo o Cremona, aprile 1428
Dinastia Della Pergola
Figli Antonio
Leone
Religione Cattolicesimo
Angelo della Pergola
1375 circa – 1427
Nato aPergola
Morto aBergamo o Cremona
Dati militari
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
GuerreGuerre di Lombardia ed altre
Battaglie
voci di militari presenti su Wikipedia

Angelo della Pergola o Agnolo della Pergola o Angelo dal Foco (Pergola, 1375 circa – Bergamo o Cremona, aprile 1428) è stato un condottiero e capitano di ventura italiano.

Fu conte di Biandrate e signore di Sartirana Lomellina e Zeme.

Indice

BiografiaModifica

Si suppone sia nato intorno al 1375 da una famiglia di contadini della contrada Madonna del Piano nel comune di Pergola.

Le prime notizie certe risalgono al 1397 quando il suo nome è riportato in uno dei codici malatestiani di Fano tra i capitani arruolati da Pandolfo Malatesta per supportare militarmente papa Bonifacio IX contro i Colonna. Dal 1400 il suo nome diviene sempre più presente nelle cronache militari dell'epoca. Lo vediamo alla guida di soldati di ventura fra le Marche, il Lazio, l'Umbria, la Toscana, l'Emilia Romagna, la Lombardia e il Piemonte. Al comando delle truppe del Ducato di Milano, sconfisse l'esercito della Repubblica di Firenze nella sanguinosa battaglia di Zagonara del 1424.[1]

Muore nell'aprile del 1428 a Bergamo (altre fonti riportano Cremona) per uno sbocco di sangue. La sua morte fu annunciata in una lettera inviata da Filippo Maria Visconti all'imperatore Sigismondo, con accenti particolarmente commossi che lasciano ipotizzare una profonda amicizia tra il duca e il condottiero.

Figura tra i personaggi storici della tragedia Il Conte di Carmagnola di Alessandro Manzoni. Dal Foco è raffigurato come un prudente consigliere che cerca di dissuadere l'inesperto Malatesta dall'affrontare la battaglia. Di fronte all'ostinazione e alla voglia di combattere del Malatesta, l'anziano condottiero si schiera in prima fila e si batte valorosamente.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Leardo Mascanzoni, La battaglia di Zagonara (28 luglio 1424). URL consultato il 13-03-2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN42786430 · ISNI (EN0000 0001 1629 8380 · LCCN (ENn2003046448 · GND (DE125004176 · BNF (FRcb14522916b (data) · CERL cnp00583791 · WorldCat Identities (ENn2003-046448