Aita Gasparin

biatleta svizzera
Aita Gasparin
Aita Gasparin 2011.jpg
Aita Gasparin nel 2011
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 163 cm
Peso 52 kg
Biathlon Biathlon pictogram.svg
Squadra Gardes-Frontière
Statistiche aggiornate al 20 marzo 2022

Aita Gasparin (Samedan, 9 febbraio 1994) è una biatleta svizzera.

È sorella di Selina ed Elisa, a loro volta biatlete di alto livello[1].

BiografiaModifica

In Coppa del Mondo ha esordito il 9 dicembre 2012 in staffetta a Hochfilzen (16ª), ai campionati mondiali a Nové Město na Moravě 2013 (94ª nella sprint, 84ª nell'individuale e 13ª nella staffetta) e ai Giochi olimpici invernali a Soči 2014 (60ª nell'individuale e 8ª nella staffetta).

Ai mondiali di Kontiolathi 2015 si è piazzata 80ª nella sprint, 78ª nell'individuale , 21ª nella staffetta e 13ª nella staffetta mista. L'anno dopo ad Oslo Holmenkollen 2016 è stata 73ª nella sprint, 63ª nell'individuale , 16ª nella staffetta e 14ª nella staffetta mista; mentre nella rassegna iridata di Hochfilzen 2017 è giunta 48ª nella sprint, 50ª nell'inseguimento, 28ª nell'individuale, 13ª nella staffetta e 14ª nella staffetta mista. Ha partecipato ai XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018 classificandosi 68ª nell'individuale.

La stagione successiva ai mondiali di Östersund 2019 si è posizionata 75ª nella sprint, 13ª nella staffetta e 14ª nella staffetta singola mista. L'8 dicembre 2019 a Östersund ha ottenuto il primo podio in Coppa del Mondo (2ª in staffetta) e ai successivi mondiali di Anterselva 2020 è stata 10ª nella sprint, 10ª nell'inseguimento, 27ª nell'individuale, 21ª nella partenza in linea e 6ª nella staffetta. Ai mondiali di Pokljuka 2021 si è piazzata 33ª nella sprint, 35ª nell'inseguimento e 12ª nella staffetta.

PalmarèsModifica

EuropeiModifica

  • 1 medaglia:

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 31ª nel 2020
  • 3 podi (a squadre):
    • 1 secondo posto
    • 2 terzi posti

NoteModifica

  1. ^ (DE) Gasparin sisters biathlon team, su gasparin.ch. URL consultato il 21 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica