Apri il menu principale

Alain Peyrefitte

politico, diplomatico e scrittore francese
Alain Peyrefitte

Alain Peyrefitte (Najac, 26 agosto 1925Parigi, 27 novembre 1999) è stato un politico, diplomatico e scrittore francese.

In diplomaziaModifica

Figlio di due insegnanti elementari, cresce nel Sud-ovest della Francia. Si trasferisce a Parigi dopo la Liberazione, per frequentare l'École normale supérieure e l'École nationale d'administration (ENA). Rinuncia a concludere gli studi umanistici alla Normale per diplomarsi all'ENA creata nel 1945 (Peyrefitte, infatti, appartiene alla prima classe della prima promotion della storia di questa istituzione). Dopo aver lavorato dal 1947 al 1949 come ricercatore al Conseil national des recherches scientifiques (CNRS), entra in diplomazia. È segretario di ambasciata a Bonn e console di Francia a Cracovia.

Confidente di De GaulleModifica

Aderisce al gollismo e entra a far parte dell'entourage di Charles de Gaulle nelle settimane che precedono il ritorno al potere del generale nel 1958. Da quella data, e fino alle dimissioni di de Gaulle da presidente della Repubblica nell'aprile 1969, Peyrefitte è uno dei suoi principali confidenti. Il resoconto di oltre un decennio di colloqui settimanali[1] è contenuto in una serie di quaderni per complessive cinquemila pagine, una cui selezione è stata pubblicata nei volumi "C'était de Gaulle" (Era de Gaulle), l'unica testimonianza diretta del pensiero dell'uomo di Stato.

Con l'avvento della Quinta Repubblica francese, Peyrefitte è uno dei giovani più in vista del nuovo ordinamento politico. È eletto deputato all'Assemblée Nationale nel 1958, costantemente rieletto[2] fino al 1995 quando passa al Senato dove siederà fino alla sua scomparsa nel 1999.

È consigliere generale della Senna e Marna dal 1964 al 1988 e sindaco di Provins dal 1966 al 1997.

Uomo di governoModifica

Nel 1962 compie il grande salto, ottenendo a solo 36 anni la nomina a membro del governo. Inizia così una brillante carriera ministeriale:

  • segretario di Stato per l'Informazione (14 aprile - 11 settembre 1962) e poi ministro delegato per i francesi d'Algeria rientrati in patria (11 settembre 1962 - 28 novembre 1962) nel primo governo Pompidou
  • ministro dell'Informazione nel secondo governo Pompidou (6 dicembre 1962 -8 gennaio 1966)
  • ministro delegato per la Ricerca scientifica per le questioni atomiche e spaziali nel terzo governo Pompidou (8 gennaio 1966 - 6 aprile 1967)
  • ministro dell'Educazione Nazionale nel quarto governo Pompidou (6 aprile 1967 - 28 maggio 1968).

Travolto dagli eventi del Maggio francese,[3] il 28 maggio 1968 Peyrefitte si dimette dal governo. Incomincia così un breve periodo di distacco dalla politica, dedicato soprattutto ai numerosi viaggi in Cina e alla scrittura. Risale a questo periodo la sua opera più celebre: Quand la Chine s'éveillera... (Quando la Cina si desterà).

Dal 1972 al 1973 è segretario generale dell'Unione dei Democratici per la Repubblica (UDR), il partito gollista. Nel 1973 è richiamato al governo da Georges Pompidou, divenuto presidente della Repubblica nel 1969.

  • ministro per le Riforme amministrative e per la programmazione nel secondo governo Messmer (5 aprile 1973 - 28 maggio 1974)
  • ministro della Cultura e dell'ambiente nel terzo governo Messmer (1º marzo - 28 maggio 1974).

Dopo una pausa, torna al governo nella seconda fase del settennato di Valéry Giscard d'Estaing:

  • Guardasigilli, ministro della Giustizia nel secondo e terzo governo Barre (30 marzo 1977 - 22 maggio 1981).

La legge Sécurité et libertéModifica

Nei primi mesi del 1977 Peyrefitte è chiamato dal presidente della Repubblica Valéry Giscard d'Estaing a presiedere un comitato di riflessione sulla violenza, sulla criminalità e sulla delinquenza. Il rapporto conclusivo riceve l'apprezzamento di Giscard, che nomina Peyrefitte Guardasigilli e ministro della Giustizia. Se la sua relazione era impostata a principi liberali (Peyrefitte preconizzava addirittura l'abolizione della pena di morte), la sua gestione del ministero della Giustizia sarà caratterizzata da una spinta repressiva.[4] Nel 1980 è emanata, infatti, la legge Sécurité et liberté, un provvedimento di grande fermezza che prevede strumenti di repressione di una particolare severità. È probabile che Peyrefitte abbia preso lo spunto dalla legge Reale del 1975 e dalle successive modificazioni apportate nel 1978. In quel periodo, in Francia si paventa une recrudescenza della criminalità e del terrorismo e dall'Italia arrivano segnali inquietanti. La legge sarà abolita dopo l'elezione di François Mitterrand alla presidenza della Repubblica nel maggio 1981.

Attentato, malattia e morteModifica

Agli inizi del maggio 1981, Peyrefitte è indicato come probabile Primo ministro[5] in caso di rielezione di Valéry Giscard d'Estaing. L'elezione di Mitterrand vanifica questa prospettiva.

Il 15 dicembre 1986 a Provins, città di cui è sindaco dal 1965, la sua auto di servizio esplode a causa di un attentato,[6] uccidendo un impiegato comunale. Gli ultimi anni di Peyrefitte saranno amareggiati da un grave lutto familiare e dalla malattia che lo porterà alla morte a 74 anni. Poco prima della sua scomparsa, pur segnato dal male rilascia una lunga intervista televisiva sugli ultimi anni della presidenza de Gaulle.

Accademico di FranciaModifica

È eletto all'Académie française il 10 febbraio 1977, succedendo a Paul Morand.

GiornalistaModifica

Dal 1983 fino alla morte è presidente del comitato editoriale del quotidiano Le Figaro, del quale è anche editorialista.

CuriositàModifica

Lo scrittore Roger Peyrefitte sosteneva di essere un cugino di Alain Peyrefitte, circostanza sempre smentita da quest'ultimo.[7]

Nel 1963, in qualità di ministro dell'Informazione Alain Peyrefitte impose la Marcia trionfale dell'Aida di Giuseppe Verdi come la sigla di apertura del nuovo telegiornale. Ma fu necessario abbandonare l'ipotesi dell'omaggio al grande operista italiano quando si scopri che in questa iniziativa la Francia era stata preceduta dall'Egitto di Nasser.

CitazioneModifica

« Per fare un buon impiegato d'archivio occorre una persona colta, brillante, dinamica e creativa; orbene, nessuna persona colta, brillante, dinamica e creativa vuole fare l'impiegato d'archivio »

OpereModifica

  • 1946: Rue d'Ulm, chroniques de la vie normalienne
  • 1947: Le sentiment de confiance, saggio
  • 1948: Les roseaux froissés, romanzo
  • 1949: Le mythe de Pénélope, saggio
  • 1961: Faut-il partager l'Algérie?, saggio
  • 1973: Quand la Chine s'éveillera... le monde tremblera, saggio
  • 1976: Le mal français, essai
  • 1981: Les chevaux du lac Ladoga - la justice entre les extrêmes, saggio
  • 1983: Quand la rose se fanera, essai
  • 1985: Encore un effort, Monsieur le Président, saggio
  • 1989: L'empire immobile ou le choc des mondes, romanzo storico
  • 1990: La tragédie chinoise, saggio
  • 1995: La société de confiance
  • 1997: La Chine s'est éveillée.
  • 1994 - 2000: C'était de Gaulle, memorie

Alcuni libri di Alain Peyrefitte sono stati tradotti in Italiano, ad esempio L'empire immobile ou le choc des mondes (L'impero immobile ovvero lo scontro dei mondi, pubblicato nel 1990)

BiografieModifica

Jean-Claude Michaud: Alain Peyrefitte, Fayard 2002

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Peyrefitte aveva i suoi tête-à-tête con de Gaulle soprattutto dopo la seduta del consiglio dei ministri che si teneva ogni mercoledì.
  2. ^ Sarà battuto solo una volta, nel giugno 1981, ma l'elezione del suo antagonista sarà annullata e nel 1982 alle suppletive Peyrefitte verrà rieletto.
  3. ^ Peyrefitte aveva proposto di negoziare con i manifestanti, offrendo la messa in libertà degli studenti arrestati, la riapertura della Sorbona e l'evacuazione delle forze dell'ordine dal Quartiere latino, ossia le tre richieste del movimento di protesta. In contropartita, il governo sarebbe stato legittimato a imporre un filtro all'ingresso dell'università e il divieto di ogni manifestazione, a pena di una reazione energica da parte della polizia. Ma il Primo ministro Georges Pompidou, rientrato da un viaggio all'estero, sconfesserà il ministro concedendo la riapertura della Sorbona senza chiedere contropartite. Di conseguenza, Peyrefitte sarà costretto a dimettersi.
  4. ^ Il predecessore di Peyrefitte, Jean Lecanuet, non aveva riconfermato il direttore di gabinetto uscente, il magistrato progressista Pierre Arpaillange. Tra i collaboratori di Peyrefitte, l'attuale primo presidente della Corte di Cassazione Vincent Lamanda.
  5. ^ Il suo nome era circolato con insistenza nell'agosto del 1976, in occasione delle dimissioni di Jacques Chirac da Primo ministro. Giscard sceglierà infine Raymond Barre.
  6. ^ L'attentato sarà rivendicato dal gruppo terrorista di estrema sinistra Action directe.
  7. ^ In realtà, alla nascita Alain Peyrefitte era stato iscritto con il nome di Roger, modificato in seguito su richiesta del diretto interessato che non gradiva l'omonimia con il discusso scrittore.
  8. ^ Bollettino Ufficiale del Principato

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN98116975 · ISNI (EN0000 0000 8169 0867 · LCCN (ENn50000940 · GND (DE118791710 · BNF (FRcb11919489x (data) · WorldCat Identities (ENn50-000940
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie