Alberto Acquacalda

militare italiano

Alberto Acquacalda (Ravenna, 1º agosto 1898Lugo, 11 agosto 1921) è stato un militare italiano, tenente degli Arditi e decorato al valore.

Alberto Acquacalda
NascitaRavenna, 1º agosto 1898
MorteLugo, 11 agosto 1921
Cause della morteucciso da un gruppo di squadristi fascisti
Dati militari
Paese servitoBandiera dell'Italia Italia
Forza armata Regio Esercito
CorpoArditi
GradoTenente
GuerrePrima guerra mondiale
voci di militari presenti su Wikipedia

Biografia

modifica

Ideologicamente si formò sul mazzinianesimo e fu un "interventista di sinistra". Da alcune note della Prefettura di Ravenna (fu schedato il 2 agosto 1921)[1] risulta persona proba, ben vista sia in pubblico che in famiglia. Di cultura superiore, avendo frequentato l'istituto tecnico, e in grado di far proselitismo per l'ideologia in cui credeva, era ben conosciuto per la frequentazione di anarchici e comunisti[2]. Durante il biennio rosso, svolse un'"attiva propaganda" rivoluzionaria nel ravennate e nel gennaio del 1921 aderì al Partito Comunista d'Italia; viene specificato, sempre nella schedatura, che da lì in poi partecipò a tutte le iniziative di partito, dimostrando le sue doti di organizzatore e trascinatore dei compagni[2]. Fu nominato istruttore e capo squadra degli arditi del popolo di Ravenna.

Nel secondo dopoguerra Ravenna gli ha intitolato una via della città.[3]

  1. ^ Acquacalda Alberto, su dati.acs.beniculturali.it. URL consultato il 29 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  2. ^ a b ISTITUTO STORICO PROVINCIALE DELLA RESISTENZA DELLA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA, Titolo del fascicolo: Vittime del fascismo in Romagna, 1921-1922, in Fondo: Sozzi Gastone, Busta 11, Fasc. 11.
  3. ^ Alberto Acquacalda - Google Maps

Bibliografia

modifica

Voci correlate

modifica