Alberto Masoero

Alberto Masoero (Acqui Terme, 26 ottobre 1942) è un giornalista italiano, conduttore di telegiornali RAI negli anni settanta e ottanta e, successivamente, responsabile della comunicazione Fiat S.p.A. in Italia e all'estero.

Alberto Masoero

BiografiaModifica

Dopo la laurea in Scienze Politiche all'Università di Genova (1965), Masoero fa parte dei ventitré giovani che partecipano al primo corso di formazione professionale per radiotelecronisti organizzato dalla Rai nel 1968. Nella "nidiata", selezionata in tutta Italia su 1 200 aspiranti, ci sono, tra gli altri: Bruno Vespa, Paolo Frajese, Bruno Pizzul, Nuccio Fava, Vittorio Roidi, Giancarlo Santalmassi, Angela Buttiglione.

Dopo il corso Masoero è destinato alla sede Rai di Milano, dove diventa il commentatore della giornata borsistica del TG1 delle 13:30. Oltre a occuparsi di cronaca degli "anni di piombo", fa parte della redazione radiofonica del GR2 Economia condotto da Gustavo Selva. Collabora anche alla Domenica Sportiva di Maurizio Barendson.

Nel 1976 viene chiamato a Roma come capo servizio della redazione economico-sindacale del TG1. Conduttore del TG1 delle 13:30, è anche inviato ai convegni OPEC di Caracas, Abu Dhabi, Stoccolma, Vienna e Doha.

Nel 1978 lascia la Rai per diventare capo ufficio stampa di Assolombarda, l'associazione imprenditoriale con sede a Milano. Rientrato in Rai a Roma, riprende la conduzione del TG1 delle 13:30 e collabora alla rubrica settimanale di Tam Tam di Bruno Vespa.

Nel 1983 passa al TG2 come capo redattore e conduttore del TG Notte.

Da gennaio 1984 è in Fiat a Torino come capo ufficio stampa Italia; nel 1989 viene nominato responsabile delle relazioni esterne di Fiat Iberica, la capogruppo della multinazionale torinese in Spagna e Portogallo.

Dopo qualche anno, Masoero è a Bruxelles dove cura l'ufficio stampa della Delegazione Fiat per l'Europa.

Nel 1995 rientra a Torino con l'incarico di capo ufficio stampa estero della Holding Fiat. Dal 2000 è in pensione.