Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Le cronache dei Jedi.

Questa è la lista degli albi de Le cronache dei Jedi, serie a fumetti scritta da Tom Veitch e Kevin J. Anderson, illustrata da svariati disegnatori e pubblicata da Dark Horse Comics tra ottobre 1993 e novembre 1998.

Edizione originale statunitense Edizione italiana
N. Titolo Data pubblicazione N. Titolo italiano Data pubblicazione italiana
1 Tales of the Jedi 1: Ulic Qel-Droma and the Beast Wars of Onderon, Part 1 1º ottobre 1993 1 I cavalieri della Vecchia Repubblica 1997
2 Tales of the Jedi 2: Ulic Qel-Droma and the Beast Wars of Onderon, Part 2 1º novembre 1993
3 Tales of the Jedi 3: The Saga of Nomi Sunrider, Part 1 1º dicembre 1993
4 Tales of the Jedi 4: The Saga of Nomi Sunrider, Part 2 1º gennaio 1994
5 Tales of the Jedi 5: The Saga of Nomi Sunrider, Part 3 1º febbraio 1994
6 The Freedon Nadd Uprising 1 2 agosto 1994
7 The Freedon Nadd Uprising 2: Initiates of the Sith 1º settembre 1994
8 Dark Lords of the Sith 1: Masters and Students of the Force 1º ottobre 1994 2 Gli oscuri signori dei Sith 1998
9 Dark Lords of the Sith 2: The Quest for the Sith 1º novembre 1994
10 Dark Lords of the Sith 3: Descent to the Dark Side 13 dicembre 1994
11 Dark Lords of the Sith 4: Death of a Dark Jedi 10 gennaio 1995
12 Dark Lords of the Sith 5: Sith Secrets 14 febbraio 1995
13 Dark Lords of the Sith 6: Jedi Assault 14 marzo 1995
14 The Sith War 1: Edge of the Whirlwind 15 agosto 1995 3 La guerra dei Sith 1999
15 The Sith War 2: The Battle of Coruscant 19 settembre 1995
16 The Sith War 3: The Trial of Ulic Qel-Droma 17 ottobre 1995
17 The Sith War 4: Jedi Holocaust 1º novembre 1995
18 The Sith War 5: Brother Against Brother 19 dicembre 1995
19 The Sith War 6: Dark Lord 1º gennaio 1996
20 The Golden Age of the Sith 0: Conquest and Unification 1º luglio 1996 4 L'età d'oro dei Sith 1999
21 The Golden Age of the Sith 1: Into the Unknown 1º ottobre 1996
22 The Golden Age of the Sith 2: Funeral for a Dark Lord 1º novembre 1996
23 The Golden Age of the Sith 3: The Fabric of an Empire 1º dicembre 1996
24 The Golden Age of the Sith 4: Pawns of a Sith Lord 1º gennaio 1997
25 The Golden Age of the Sith 5: The Flight of Starbreaker 12 1º febbraio 1997
26 The Fall of the Sith Empire 1: Desperate Measures 18 giugno 1997 5 La caduta dell'impero Sith 2000
27 The Fall of the Sith Empire 2: Forces in Collision 23 luglio 1997
28 The Fall of the Sith Empire 3: First Encounter 20 agosto 1997
29 The Fall of the Sith Empire 4: The Dogs of War 17 settembre 1997
30 The Fall of the Sith Empire 5: End of an Empire 22 ottobre 1997
31 Redemption 1: A Gathering of Jedi 22 luglio 1998 6 Redenzione 2002
32 Redemption 2: The Search for Peace 26 agosto 1998
33 Redemption 3: Homecoming 23 settembre 1998
34 Redemption 4: The Trials of a Jedi 28 ottobre 1998
35 Redemption 5: Master 25 novembre 1998

Tales of the Jedi 1: Ulic Qel-Droma and the Beast Wars of Onderon, Part 1Modifica

Su Arkania, il Maestro Jedi Arca Jeth racconta la storia di Onderon ai suoi allievi Ulic Qel-Droma, il suo fratello Cay, e Tott Doneeta; molti anni fa, l'atmosfera di Onderon e della luna Dxun entrarono brevemente in contatto, permettendo alle bestie volanti di Dxun di arrivare ad Onderon. Con la costruzione della grande città Iziz, i criminali vennero banditi e lasciati nelle terre selvagge. Impararono a domare le bestie e le usarono per attaccare Iziz. Maestro Arca spiega di essere stato scelto come custode Jedi del sistema di Onderon, e manda Ulic, Cay e Tott a Iziz per risolvere questo conflitto che dura da 300 anni. Dopo essere arrivati nella sala del trono della Regina Amanoa, diversi cavalcabestie entrano dalla finestra e rapiscono la Principessa Galia. Amanoa manda gli Jedi nelle terre selvagge per salvarla, ma la loro nave viene colpita dai cavalcabestie.

Tales of the Jedi 2: Ulic Qel-Droma and the Beast Wars of Onderon, Part 2Modifica

Ulic, Cay Qel-Droma e Tott Doneeta atterrano schiantandosi nelle terre selvagge di Onderon, e, dopo aver addomesticato alcuni boma, si dirigono verso la cittadella del Signore delle Bestie Modon Kira, dove Galia è nel mezzo di un matrimonio con il figlio di Modon, Oron. Ulic prova a salvarla ma lei decide di volersi sposare con Oron. Modon sistema le cose e spiega agli Jedi che, 400 anni prima, un Jedi Oscuro di nome Freedon Nadd diventò Re di Onderon, creando una dinastia oscura e portando una grande sofferenza nella città di Iziz. I Jedi, Galia e Oron tornano indietro a Iziz per convincere la regina Amanoa a porre fine alla guerra, ma lei li scaccia con la magia Sith. Avendo fallito con le maniere di pace, Modon Kira riunisce i Signori delle Bestie su Onderon per attaccare Iziz. Intanto Cay Qel-Droma perde un braccio per causa di una delle guardie di Amanoa, la quale si nasconde nel palazzo per raggiungere in seguito la tomba del suo antenato oscuro. Ulic porta suo fratello in un corridoio oscuro, dove Cay riesce a procurarsi il braccio di un droide e lo adotta come suo. Sopra Iziz, il Maestro Arca Jeth usa la Meditazione da Battaglia per far volgere la guerra in favore dei Cavalcabestie. Ulic, Cay, Tott, Arca, Galia e Oron proseguono verso il mausoleo di Freedon Nadd, dove Amanoa viene uccisa dalla luce data da Arca. La Principessa Galia sposa Oron Kira, ponendo fine alla Guerra delle Bestie di Onderon, e Iziz ritorna in pace dopo 400 anni di regno oscuro.

Tales of the Jedi 3: The Saga of Nomi Sunrider, Part 1Modifica

Il Cavaliere Jedi Andur Sunrider, sua moglie Nomi, la figlia Vima e il loro droide A-3D0 partono da H'ratth per incontrare Thon nel sistema Stenness, per consegnarli dei cristalli Adegani. Si fermano ad uno spazioporto, dove Bogga the Hutt viene a sapere dei cristalli. Bogga manda tre dei suoi sgherri; Gudb, Quanto e Rek; per uccidere Andur e recuperare i cristalli. Gudb aizza il suo piccolo verme Skritch contro Andur, che lo morde sul collo e lo uccide. Nomi piange in disperazione, ma viene contattata dallo spirito del marito, che le dice di prendere la sua spada laser e di difendersi con essa. Riesce ad uccidere Quanto e Rek, ma Gudb riesce a fuggire. Nomi, Vima e A-3D0 viaggiano fino ad Ambria per continuare la ricerca di Thon. Su Ambria, Nomi incontra Oss Wilum, che sta cavalcando su Thon. Sotto ordine di Bogga, Gudb e altri gangster cercano i cristalli. Bogga e i suoi lacchè vanno verso la casa di Oss Wilum, e cominciano a rubare le sue bestie. Oss, Thon e Nomi vanno all'esterno ma i ladri prendono il vantaggio, con Gudb che punta una pistola contro Oss. Thon interviene riuscendo a far scappare i criminali. Oss rivela quindi a Nomi che la bestia che prima stava cavalcando è Thon, e comincia l'addestramento della giovane ragazza.

Tales of the Jedi 4: The Saga of Nomi Sunrider, Part 2Modifica

Nomi Sunrider, ora sotto la tutela del Maestro Thon, si siede all'esterno con la figlia Vima, che sta giocando con un gruppo di neek. Vima insegue i neek fino al pericoloso Lago Natth, dove viene assalita da un paio di Hssiss, che in breve fanno fuggire i neek. Nomi salva Vima usando la Meditazione da Battaglia contro le bestie, facendole sbranare tra di loro. Intanto, da qualche parte nel Nodo Stenness, la nave di Gruna viene imboscata da dei pirati. Gli aiutanti di Gruna, al soldo di Bogga the Hutt, non sono in grado di aiutarlo molto. Il pirata Finhead Stonebone riesce a risucchiare quantità elevate di mutonium. Sfortunatamente per i pirati, vengono catturati dalla Enforcer One di Bogga, che si avvia verso Taboon. Intanto, su Ambria, Tott Doneeta arriva per prendere Oss Wilum per dare una mano nella recente Rivolta Naddista su Onderon. Sulla luna Taboon, Finhead Stonebone viene messo di fronte a Bogga per essere "processato". Bogga decide, invece di ucciderlo, di mandarlo insieme ai suoi pirati ad Ambria per uccidere Thon e recuperare i cristalli Adegani. Finhead non vuole fare ciò, e per convincerlo aizza il suo hssiss Ktriss contro il suo amico Roko, uccidendolo.

Tales of the Jedi 5: The Saga of Nomi Sunrider, Part 3Modifica

Finhead Stonebone, vedendo il compagno Roko ucciso da Ktriss, si piega alla volontà di Bogga the Hutt. Finhead, la sua truppa di pirati e alcuni impiegati di Bogga attaccano Thon e Nomi Sunrider ad Ambria, ma Nomi riesce a sconfiggerli con la Meditazione da Battaglia, e, con riluttanza, usando una spada laser. Nomi completa quindi il suo addestramento Jedi.

The Freedon Nadd Uprising 1Modifica

Durante un tentativo di spostare il sarcofago di Freedon Nadd e la Regina Amanoa sulla luna di Dxun, i cavalieri Jedi Arca Jeth, Ulic Qel-Droma, Cay Qel-Droma, Tott Doneeta e Oss Wilum vengono attaccati da diverse centinaia di Naddisti, comandati da Warb Null, e invadono la città di Iziz. Mentre distraggono le forze di Iziz, un gruppo di Naddisti riescono a prendere il sarcofago e a portarlo via. Maestro Arca, Ulic e la Regina Galia consultano il padre di lei, il Re Ommin, per aiuto. Vengono affrontati dallo spirito di Freedon Nadd e Ommin tradisce gli Jedi, stordendo Arca. Warb Null attacca Ulic ma viene battuto. Sfortunatamente, il suo intervento da' tempo a Ommin di rapire Arca Jeth. Intanto, su Ossus, Nomi Sunrider, Dace Diath, Shoaneb Culu, Kith Kark e Qrrrl Toq vengono scelti per difendere Iziz nella seconda battaglia di Onderon. Su Coruscant, gli eredi del sistema Empress Teta e i membri del culto del Lato Oscuro dei Krath, Satal e Aleema Keto, entrano nel Museo Galattico e trovano un libro Sith. Satal lo ruba mentre il custode è distratto, e dopo aver trovato notizie su alcuni Sith presenti a Iziz, i Keto vanno ad Onderon per trovarli e per scoprire con loro i segreti del libro.

The Freedon Nadd Uprising 2: Initiates of the SithModifica

Satal e Aleema Keto arrivano ad Onderon per trovare il pianeta in battaglia. La loro nave, la Krath Enchanter, si schianta ma riescono a scappare salvandosi. Intanto la squadra Jedi comandata da Nomi Sunrider combatte per farsi strada tra i droidi e i Naddisti. Kith Kark viene ucciso nell'assalto, mentre il resto dei Jedi si infiltra nel palazzo, incontrandosi con Ulic, Cay Qel-Droma, Tott Doneeta e Oss Wilum. Intanto, i Keto vengono salutati da Re Ommin, sperando di sbloccare i segreti del loro tomo Sith. Ommin da' a Satal un amuleto che gli permette di leggere perfettamente il libro, mentre Arca Jeth si trova addossato al muro avvelenato dalla magia Sith. Il gruppo di sette Jedi arriva alla fortezza di Ommin, e Ulic taglia l'armatura del Re mandandolo a terra. Le forze di Iziz, vittoriose, trasportano il sarcofago di Freedon Nadd, la Regina Amanoa e il Re Ommin a Dxun, messi per sempre a riposo.

Dark Lords of the Sith 1: Masters and Students of the ForceModifica

Dark Lords of the Sith 2: The Quest for the SithModifica

Dark Lords of the Sith 3: Descent to the Dark SideModifica

Dark Lords of the Sith 4: Death of a Dark JediModifica

Dark Lords of the Sith 5: Sith SecretsModifica

Dark Lords of the Sith 6: Jedi AssaultModifica

The Sith War 1: Edge of the WhirlwindModifica

Sei mesi dopo l'inizio della storia, Exar Kun e Ulic Qel-Droma stanno realizzando un piano per riportare i Sith in una età di splendore. Mentre Kun insegna le arti oscure sul pianeta Ossus, diventa chiaro che lui sta cercando un potente Holocron contenuto nella grande biblioteca del pianeta. Ulic si sta podigando per insegnare strategia militare oscura—la chiave per cui si potrebbe conquistare la lealtà dei feroci guerrieri guidati dall'uomo misterioso che si fa chiamare Mandalore.

The Sith War 2: The Battle of CoruscantModifica

Ulic Qel-Droma ha passato anni nell'imparare a usare la Forza. Voleva essere dalla parte del bene, un membro della casta élite Jedi. Ma ora non è la Forza che un Jedi deve imparare a controllare, bensì sé stesso. Ulic ha visto il potere, e ora non riesce a reprimere la fame oscura dentro di sé.

The Sith War 3: The Trial of Ulic Qel-DromaModifica

Ulic Qel-Droma è rimasto preda del Lato Oscuro e deve affrontare il giudizio del Consiglio Jedi per rispondere dei suoi crimini. Ma altri nei ranghi Jedi sono stati corrotti. Exar Kun sta trasformando i suoi allievi in brutali assassini Sith e li sta per mandare ad uccidere i Maestri, mettendo il destino dell'Ordine Jedi nelle mani della Forza.

The Sith War 4: Jedi HolocaustModifica

Il brutale assassinio degli Jedi ha inizio. È uno scontro tra Jedi in quanto Exar Kun e i giovani seguaci, la Fratellanza dei Sith, sono insorti contro i loro Maestri. Solo un miracolo può salvarli—sotto forma di leggendari Cavalieri, giungono Cay Qel-Droma, Nomi Sunrider, e Sylvar, che si oppongono alla Fratellanza; nessuno dei due gruppi si fermerà fino a quando l'altro non sarà sconfitto.

The Sith War 5: Brother Against BrotherModifica

Jedi contro Jedi, fratello contro fratello. I fratelli Cay e Ulic Qel-Droma conducono le proprie forze contro gli altri—Cay con i rispettabili ma inesperti studenti, Ulic con la sua orda oscura. Mentre le due schiere si scontrano, gli artefatti Jedi di Ossus attendono di vedere chi guadagnerà il diritto di prenderli.

The Sith War 6: Dark LordModifica

La tempesta della guerra raggiunge Yavin IV, e l'intero pianeta potrebbe pagare il prezzo del conflitto. Per affrontare la Jedi Nomi Sunrider, il traditore Ulic Qel-Droma lascia i suoi cani da guerra in una ultima e climatica battaglia.

The Golden Age of the Sith 0: Conquest and UnificationModifica

Il Jedi Odan-Urr viene inviato dal suo maestro nel sistema di Koros, in aiuto all'Imperatrice Teta che ha unificato sei dei sette pianeti ed è messa in grave difficoltà dalla resistenza pirata su Cinnagar, il settimo pianeta. Hok e Timar Daragon, corrieri incaricati di portare rifornimenti all'esercito dell'Imperatrice Teta, partono per la missione consapevoli degli enormi rischi che corrono. Odan-Urr suggerisce di sostituire il piano di un attacco frontale con l'applicazione della "meditazione da battaglia Jedi" che mira a diffondere pessimismo e sfiducia psicologica negli avversari, facendoli arrendere senza combattere. Qualcuno tuttavia reagisce alla meditazione jedi con lo scatenare di un contrattacco suicida che colpisce, distruggendola, l'astronave dei Daragon. Gav e Jori Daragon, figli di Hok e Timar, decidono di continuare il lavoro dei genitori servendosi della loro astronave Starbreaker 12.

The Golden Age of the Sith 1: Into the UnknownModifica

Gav e Jori Daragon si guadagnano da vivere compilando mappe stellari per tracciare le rotte iperspaziali e vendendole poi a commercianti e viaggiatori riuniti nella Gilda dei Navigatori. La nuova rotta passa però troppo vicino alla stella supergigante rossa Primus Goluud le cui turbolenze danneggiano seriamente la Starbreaker 12. Rientrati su Cinnagar, Gav e Jori fanno riparare l'astronave da Aarrba the Hutt che la tiene in custodia perché i due fratelli non hanno più crediti con cui pagare le riparazioni. Nonostante la sua pericolosità, la nuova rotta viene usata dal contrabbandiere SSS Kahorr ma le turbolenze della stella fanno esplodere anche la sua nave cargo. Furioso di rabbia verso chi ha approvato la nuova rotta, SSS Kahorr assolta degli assassini per eliminare gli esploratori che hanno aperto la nuova rotta commerciale. L'attentato viene sventato dagli jedi Memit Nadill e Odan-Urr ma per Gav e Jori è ormai troppo pericoloso restare su Cinnagar: decidono di fuggire con la Starbreaker 12 senza il consenso di Aarrba e quando vengono scoperti digitano numeri casuali come coordinate per l'iperspazio saltando verso una destinazione sconosciuta.

The Golden Age of the Sith 2: Funeral for a Dark LordModifica

Korriban, un pianeta situato al margine estremo della galassia, sconosciuto alla Repubblica. È il giorno del funerale di Marka Ragnos, il Signore Oscuro dei Sith. Il corteo funebre è guidato da Ludo Kressh, un signore dei Sith che ambisce a diventare il prossimo leader oscuro. La stessa ambizione guida anche Naga Sadow, un altro signore dei Sith arcinemico di Ludo Kressh. I due sono ai ferri corti e decidono di battersi ma lo spirito di Marka Ragnos si desta dalla tomba e ammonisce i due contendenti rievocando la storia degli antichi jedi oscuri divenuti signori dei Sith e di come sia indispensabile mantenere l'equilibrio. Il risveglio dello spirito di Marka Ragnos genera uno squilibrio nella Forza percepito anche dallo jedi Odan-Urr che mette in allarme l'Imperatrice Teta. Gav e Jori emergono dall'iperspazio sui cieli di Korriban e decidono di sbarcare spacciandosi come ambasciatori della Repubblica ma vengono immediatamente scambiati come spie e catturati dai Sith.

The Golden Age of the Sith 3: The Fabric of an EmpireModifica

Ziost, pianeta centrale dell'Impero Sith. È in corso un concilio fra tutti i signori dei Sith. Ludo Kressh vede i due stranieri come una minaccia e propone di giustiziarli. Naga Sadow invece scorge la possibilità di risvegliare l'Impero Sith dalla decadenza e di intraprendere nuove conquiste. Il verdetto finale premia la scelta di Ludo ma questo sprona Naga Sadow a mettere in atto il suo piano: fa evadere Gav e Jori Daragon facendo passare l'episodio come opera del nemico e usa questo sabotaggio come monito per farsi nominare Signore Oscuro dei Sith nonostante la disapprovazione di Ludo Kressh. Naga Sadow si prepara ad attaccare la Repubblica.

The Golden Age of the Sith 4: Pawns of a Sith LordModifica

L'Imperatrice Teta e Odan-Urr si recano a Coruscant, cuore della Vecchia Repubblica, per riferire al Senato la visione avuta dallo jedi di un imminente attacco dei Sith ma nessuno crede a questa minaccia. Nel frattempo Naga Sadow, divenuto Signore Oscuro dei Sith, assolda i Massassi, un'antica casta guerriera, per assaltare le guardie di Ludo Kressh che custodiscono la Starbreaker 12 ed impadronirsene. Ludo raduna le sue forze e decide di attaccare la fortezza di Khar Delba dove Naga Sadow tiene prigioniera Jori Daragon.

The Golden Age of the Sith 5: The Flight of Starbreaker 12Modifica

L'attacco alla fortezza di Khar Delba era stato ampiamente previsto da Naga Sadow: era necessario far credere a Jori Daragon di essere in grave pericolo per convincerla a fuggire con la Starbreaker 12 senza il fratello e far ritorno a casa. Appena partita la giovane esploratrice, il Signore Oscuro dei Sith scatena l'attacco della sua flotta, fino a quel momento rimasta nascosta in un'altra fortezza a Khar Shan. Scatta inoltre la ribellione dell'equipaggio di schiavi nelle astronavi di Ludo Kressh e dei suoi alleati. L'arcinemico Sith riesce a fuggire mentre i suoi alleati vengono uccisi. Naga Sadow è ora signore indiscusso di tutto l'impero Sith e comincia ad allestire una nuova flotta per preparare l'invasione della Vecchia Repubblica grazie anche ad un mini tracciatore che ha fatto nascondere sulla Starbreaker 12 e che gli fornirà le coordinate del nemico. Confinato nella fortezza di Khar Shan, Gav Daragon accetta il suo destino di diventare allievo di Naga Sadow ed apprendista del lato oscuro della Forza.

The Fall of the Sith Empire 1: Desperate MeasuresModifica

L'Impero Sith ha raggruppato le sue forze per una battaglia per assumere il controllo della Galassia. L'obiettivo è distruggere la Repubblica. Avendo a disposizione moltissimi Maestri Sith, l'obiettivo non è irraggiungibile. Mentre Naga Sadow appronta la flotta, una sola persona mette in pericolo l'intera campagna di conquista—Jori Daragon. Non è una Jedi. Non ha un passato di esploratrice o di combattente. È una esploratrice, una cartografa che ha scoperto i piani dei Sith. E potrebbe essere colei che può salvare la Repubblica.

The Fall of the Sith Empire 2: Forces in CollisionModifica

Jori Daragon è sotto processo per offese contro l'Imperatrice Teta e il suo governo. Ben distante da ciò che sembra essere una fuorilegge, Jori sta cercando di raggiungere l'Impeartrice per avvertirla dei pericolosi piani dell'Impero Sith. Se Jori viene trovata colpevole verrà confinata su un pianeta coloniale. E nulla ci sarà più tra i Sith e l'Imperatrice.

The Fall of the Sith Empire 3: First EncounterModifica

Prima del colpo dell'Impero, prima che le forze Ribelli si raggruppassero per creare la Nuova Repubblica, esisteva un'epoca in cui vi era la Vecchia Repubblica. La storia di come quella grande oligarchia cadde inizia nell'episodio chiamato "First Encounter."

The Fall of the Sith Empire 4: The Dogs of WarModifica

L'invasione Sith incalza, così come il Lato Oscuro della Forza sta per avere la meglio sul suo lato gemello benigno. Il Signore Oscuro Naga Sadow sembra vincere ogni battaglia, ma sta per vedere come vincere una battaglia non significhi vincere la guerra!

The Fall of the Sith Empire 5: End of an EmpireModifica

Seguendo la classica trama che riguarda lo scontro tra Repubblica e Impero, la caduta dell'Impero Sith vede la vittoria della Repubblica. Anche i vincitori hanno le loro perdite, e l'Impero si ritira dalla battaglia con una vittoria non convenzionale, una vittoria che porterà la dannazione sulla Vecchia Repubblica.

Redemption 1: A Gathering of JediModifica

Il periodo è impostato 10 anni dopo la Guerra Sith. Exar Kun è stato intrappolato nel suo Tempio Massassi. Il suo luogotenente, Ulic Qel-Droma, è stato privato dai suoi poteri—da Nomi Sunrider, dopo che egli aveva ucciso il suo fratello Cay. Ulic si è isolato, e desidera solo nascondersi dalla Repubblica, sperando che la storia si dimentichi di ciò che ha fatto.

Redemption 2: The Search for PeaceModifica

Sentendosi colpevole, Ulic Qel-Droma si nasconde dal suo passato sul mondo ghiacciato di Rhen Var. Intanto alla stazione Exis Nomi richiama i Cavalieri Jedi per discutere del futuro della Repubblica. Dopo aver sentito molte cose riguardo Ulic e ricordando la propria infanzia spesa assieme a lui, Vima Sunrider decide di andare in cerca di lui. Quando Hoggon scopre che Vima si è imbarcata sulla sua nave, rimane sorpreso dalla notizia che vede Ulic essere l'uomo sul pianeta ghiacciato.

Redemption 3: HomecomingModifica

Vima Sunrider finalmente incontra Ulic Qel-Droma, e invece di ricordargli il suo passato di onorevole Jedi, Ulic vede in lei un ricordo del potere che un tempo aveva, ma che gli è stato tolto.

Redemption 4: The Trials of a JediModifica

Su Rhen Var, il giovane Jedi Ulic Qel-Droma continua ad addestrare Vima. Sylvar, la Jedi Cathar inferocita, si è isolata e dirige tutta la sua rabbia per cercare vendetta contro Ulic. Quando un messaggero raggiunge il suo accampamento, informandola della sparizione di Vima, corre da Nomi per offrirle aiuto.

Redemption 5: MasterModifica

Nomi Sunrider viaggia verso Rhen Var per trovare sua figlia, scoprendola durante l'addestramento. Nomi prova a portarla via ma capisce che ormai la figlia deve scegliere per sé. Sylvar giunge su Rhen Var cercando di uccidere Ulic, e vendicare il proprio compagno. Durante il combattimento con Ulic la Cathar capisce che ormai è tempo di reprimere l'odio e seppellire i ricordi.