Amadé

romanzo scritto da Laura Mancinelli
Amadé
Portrait of Wolfgang Amadeus Mozart at the age of 13 in Verona, 1770.jpg
Mozart quattordicenne a Verona nel 1770. Ritratto di Saverio Dalla Rosa (1745–1821)
AutoreLaura Mancinelli
1ª ed. originale1990
Genereromanzo
Sottogenerestorico, sentimentale
Lingua originaleitaliano
AmbientazioneTorino[1], 1771
ProtagonistiWolfgang Amadeus Mozart, Leopold Mozart
CoprotagonistiRosina, Giulia marchesa di Barolo
Preceduto daIl miracolo di santa Odilia

Amadé è un romanzo storico della scrittrice italiana Laura Mancinelli pubblicato per la prima volta nel 1990.

Vi si racconta un'avventura sentimentale di Mozart adolescente a Torino durante il suo primo viaggio-tournée in Italia; il musicista austriaco si recò davvero nella capitale piemontese nel gennaio 1771, poco prima del suo quindicesimo compleanno.

TramaModifica

«L'inverno torinese è capace di splendidi, imprevedibili doni... Amadé, ricordati di Amadé»

(Laura Mancinelli)

Mentre passeggia in un nevoso mese di gennaio per le strade di Torino, dov'è giunto insieme al padre Leopold nel corso di un viaggio di istruzione sulla musica italiana, Wolfgang Amadeus Mozart viene invitato a giocare a mosca cieca da un gruppo di coetanei. Tra di loro c'è una ragazzetta, Rosina, che lo colpisce per la sua bellezza. Dopo il gioco la accompagna a casa e riceve dalla madre della giovane una manciata di fichi secchi per averle aiutate a spingere il carretto da ambulante.

Wolfgang torna a cercare Rosina al banchetto in piazza del Duomo, e le rivela di essere un musicista, anche se lei lo ritiene troppo giovane; viene poi a sapere che il padre progetta di ripartire da Torino per continuare il tour, e disperato decide di procurarsi un mazzo di rose da regalare alla sua Rosa per dirle addio. Ma non è impresa semplice in gennaio, neppure il padre può soddisfarlo. Wolfgang si esibisce al violino per Giulia marchesa di Barolo, l'unica che possieda un giardino di rose in questa stagione.

Ottenuti i fiori, e superata la gelosia per il fatto che Rosina sia stata scelta per sfilare vestita da angelo al carro del carnevale di rione, Wolfgang torna in piazza a dirle addio prima della partenza.

StrutturaModifica

Il racconto di pura fantasia prende spunto dal primo viaggio (1769-1771) dei tre complessivi che effettivamente Mozart intraprese in Italia per approfondire la sua formazione musicale.

Indice dei capitoliModifica

I.   Il carretto della frutta secca
II.  Amadé
III. La cupola dell'abate folle
IV.  Il mazzo di rose
V.   Dalla marchesa di Barolo
VI.  Le rose della marchesa

TrasposizioniModifica

TeatroModifica

Dal romanzo il regista Roberto Tarasco[2], in collaborazione con Eleonora Moro, ha liberamente tratto lo spettacolo teatrale Amadé, ovvero il genio dell'Epoca dei Lumi[3], prodotto nel 2006 e andato in scena al Teatro Regio di Torino in occasione del 250º anniversario dalla nascita del compositore.

ConcertoModifica

Nel mese di marzo 2021 un'iniziativa dal nome «Mozart a Torino»[4][5] nata dalla collaborazione di Unione Musicale[6][7], Conservatorio Giuseppe Verdi e Teatro Stabile in occasione del 250º anniversario dal soggiorno del giovane compositore proprio nella città sabauda, ripropone con letture in forma di “concerto narrato” dell'attrice e regista Olivia Manescalchi[8] alcuni brani tratti da Amadé[9], Il fantasma di Mozart e dal breve racconto intitolato L’ultimo postiglione[10].

EdizioniModifica

  • Laura Mancinelli, Amadé, Collana di letteratura n. 21, L'Argonauta, 1990.
  • Laura Mancinelli, Amadé, in Il fantasma di Mozart e altri racconti, ET Letteratura n. 231, Einaudi, 1994.
  • Laura Mancinelli, Amadé. Mozart a Torino, illustrazioni di Fernando Eandi, Biblioteca di narrativa n. 5, Interlinea, 1999.
  • Laura Mancinelli, Amadé, in Il fantasma di Mozart e altri racconti, ET Scrittori, Einaudi, 2005.
  • (FR) Laura Mancinelli, Amadé, traduzione di Jean-Pierre Pisetta, Climats, 1991.
  • (DE) Laura Mancinelli, Amadé, traduzione di Georg Maag, Arche, 1991.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Claudia Schlicht, La figurazione femminile di Mozart, in Mozart nel mondo delle lettere, Morlacchi Editore, 2009, pp. 187-188.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN310303534 · BNF (FRcb35485334r (data)