Apri il menu principale
Amenofi III in serpentinite (30.8.74)
Standing figure of Amenhotep III MET 30.8.74 05.jpg
Autoresconosciuto
Data1360/1350 a.C.
Materialeserpentinite
Altezza22,5 cm
UbicazioneMetropolitan Museum of Art, New York

La statuetta di Amenofi III stante (30.8.74) in serpentinite è una antica statua egizia acefala raffigurante il faraone Amenofi III (1388–1350 ca.) della XVIII dinastia egizia[1]. Originariamente nella collezione dell'avvocato, egittologo dilettante e finanziatore Theodore Davis, alla morte di questi, nel 1915, fu acquisita dal Metropolitan Museum of Art di New York[2].

La statuaria e le pitture di Amenofi III ascrivibili alla fase finale del suo regno e della sua vita, in particolare alle celebrazioni dei suoi giubilei Heb-Sed (dal trentesimo anniversario di regno in poi), lo ritraggono di frequente come un uomo decisamente in sovrappeso[1]: si tratterebbe di uno stilema del tutto inedito nell'arte egizia[1]. La sua mummia rivela che negli ultimi anni Amenofi III si ammalò d'artrite e divenne obeso[3].

La figura del re, priva della testa, è stabilizzata da un pilastrino dorsale a forma di pilastro djed, simboleggiante appunto la stabilità, e l'iscrizione geroglifica che lo percorre menziona il dio supremo tebano Amon-Ra[2]. È quindi probabile che tale opera si trovasse originariamente a Tebe, benché la sua provenienza sia incerta[1]. Il re indossa, sopra una lunga tunica, un ampio scialle plissettato che gli copre il braccio sinistro; la tunica aderente ne sottolinea la pinguedine[2]. Il realismo della rappresentazione del faraone è un elemento di grande novità[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Schulz, Seidel 2004, p. 337.
  2. ^ a b c Standing figure of Amenhotep III | New Kingdom | The Met, su The Metropolitan Museum of Art, i.e. The Met Museum. URL consultato il 2 luglio 2017.
  3. ^ Elliot Smith 1912, pp. 46–51.

BibliografiaModifica

  • Grafton Elliot Smith, The Royal Mummies, Duckworth Egyptology, 1912 (rist. 2000), ISBN 0-7156-2959-X.
  • Regine Schulz, Matthias Seidel (a cura di), Egitto: la terra dei faraoni, Gribaudo/Könemann, 2004, ISBN 9-783833-111075.