Apri il menu principale

Coordinate: 36°50′40″S 174°45′49″E / 36.844444°S 174.763611°E-36.844444; 174.763611

31ma America's Cup
Competizione America's Cup
Sport Sailing pictogram.svg Vela
Edizione XXXI
Date 1º ottobre 2002 - 2 marzo 2003
Luogo Golfo di Hauraki, Auckland, Nuova Zelanda
Partecipanti Royal New Zealand Yacht Squadron (defender), Alinghi (challenger)
Risultati
Vincitore Alinghi
Statistiche
Gare 6
Alinghi img 1184.jpg
SUI64, vincitrice della XXXI Coppa America
Cronologia della competizione
Left arrow.svg America's Cup 2000 America's Cup 2007 Right arrow.svg

La 31ª America's Cup si è svolta ad Auckland in Nuova Zelanda. Con più di millecinquecento giornalisti di trecentoventi media di quaranta Paesi, sessantamila articoli pubblicati e duemila ora di trasmissione televisive nei sei mesi dell'evento, ha permesso all'America's Cup di diventare per la prima volta il secondo avvenimento mondiale subito dopo i mondiali di calcio. La seconda coppa del nuovo millennio si svolge ad Auckland nel Golfo di Hauraki come nel 2000 ma per l'ultima volta: infatti il defender Team New Zealand è stato sconfitto dal Challenger svizzero Alinghi Swiss Challenge dell'armatore italo-svizzero Ernesto Bertarelli. Questa coppa verrà ricordata anche per il fatto che molti velisti neozelandesi tra i quali anche lo skipper Russell Coutts hanno lasciato il loro team e defender Team New Zealand per passare ad Alinghi.

Indice

Gli sfidantiModifica

Come nell'edizione del 2000, anche in questa edizione sono gli Stati Uniti ad essere la nazione più rappresentata con 3 sindacati: OneWorld Challege con USA 65 e USA 67, Team Dennis Conner con USA 66 Stars and Stripes e USA 77, Oracle BMW Racing con USA 71 e USA 76. Poi con 2 team abbiamo l'Italia: dopo la finale al primo tentativo nel 2000, si ripresenta nelle vesti di Challenger of Records Prada Challenge con ITA 74 e ITA 80 entrambe chiamate Luna Rossa e il nuovo challenge dell'armatore Vincenzo Onorato Mascalzone Latino con ITA 72 ML XII. Con 1 team invece abbiamo gli svedesi di Victory Challenge con SWE 62 Örn e SWE 73 Orm, gli svizzeri di Alinghi Swiss Challenge con SUI 64 e SUI 75, i francesi di Le Défi Areva con FRA 69 e FRA 79 ed i britannici di GBR Challenge con GBR 70 Wight Lightning e GBR 78 Wight Magic. Venne anche costruita un'imbarcazione tedesca con numero velico GER 68 dell'Illbrück Challenge che però non prese mai parte alla Louis Vuitton Cup.

Louis Vuitton CupModifica

La Louis Vuitton Cup si è svolta tra il 1º ottobre 2002 e il 19 gennaio 2003 con una grande vittoria per 5-1 di Alinghi sugli americani di Oracle BMW Racing del timoniere Peter Holmberg.

XXXI America's CupModifica

Nella finale che si svolge fra il 15 febbraio e il 2 marzo 2003 vede lo sfidante Alinghi battere con un sonoro 5-0 il defender Team New Zealand timonata dal Dean Barker (allievo di Coutts). Fu una finale a senso unico visto l'alta caratura del pozzetto svizzero che vedeva tra le sue file, oltre al timoniere Russell Coutts, anche gente dal calibro di Brad Butterworth e Jochen Schümann ed altri numerosi velisti neozelandesi. Fu per questo motivo che ci fu molta tensione tra i sostenitori locali che accusarono di tradimento coloro che erano passati alle dipendenze del team di Ernesto Bertarelli e si disse che addirittura Coutts abbia ricevuto delle minacce dai suoi connazionali. Team New Zealand fu anche sfortunata perché si dovette ritirare nel primo e quarto match a causa di rotture strutturali (nel primo match ruppe il boma e il fiocco, nel secondo disalberò).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE10045009-X