Apri il menu principale

Angelo Sraffa (Pisa, 19 dicembre 1865Rapallo, 1937) è stato un giurista, accademico e rettore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Angelo Sraffa è stato un insigne giurista, tra i fondatori del moderno diritto commerciale italiano, professore di diritto commerciale nelle Università di Parma, di Torino e Macerata ed autore di numerosi trattati e monografie specialistiche sui temi del diritto in ambito economico e commerciale.

Sposò a Courmayeur Irma Tivoli (18731949), di antica famiglia triestina: la prima sorella Emma è moglie di Ferruccio Pontecorvo, capitano d'industria e cugino di Bruno Pontecorvo[1]; la seconda sorella Elda è moglie di Enrico Consolo, direttore della sede londinese della Banca Commerciale Italiana[2]; la terza sorella Maria è moglie del futuro presidente della Cassazione Mariano D'Amelio[3].

Fondò con Cesare Vivante la "Rivista di diritto commerciale" e fu direttore della sezione "Diritto privato" dell'Enciclopedia italiana "Treccani".

Del suo rettorato all'Università Bocconi di Milano, dal 1919 al 1926, si ricorda a tutt'oggi con viva curiosità il suo invito a Ezra Pound a tenere conferenze su temi economici, che il poeta trasfuse nel suo libro L'ABC dell'economia.

Di idee antifasciste (il figlio Piero Sraffa fu un eminente economista di ispirazione marxista, amico di Antonio Gramsci e Raffaele Mattioli, quest'ultimo messo in cattedra proprio dal padre), fu fatto oggetto, il 15 febbraio 1922, di un'aggressione da parte di tre giovani fascisti davanti alla sede dell'università. Sraffa ottenne le scuse di Benito Mussolini (allora soltanto direttore del "Popolo d'Italia"), ma, nel 1926, il fascismo ormai al potere non poteva tollerare che una tra le più prestigiose università economiche italiane fosse retta da un avversario del fascismo. Fu lo stesso Sraffa, per senso del rispetto e del dovere, nei confronti dell'istituzione di cui reggeva le sorti, a proporre la propria sostituzione in favore dell'amico Ferruccio Bolchini, più vicino alle autorità dell'epoca.

Massone, non si sa dove né quando fu iniziato, ma il 9 dicembre 1893 fu affiliato Maestro massone nella Loggia Carlo Darwin di Pisa[4].

PubblicazioniModifica

  • A.Sraffa, Il fallimento delle società commerciali, Firenze 1897
  • A.Sraffa, La liquidazione delle società commerciali, Firenze, 1899
  • A.Sraffa, Il mandato commerciale e la commissione, Milano 1900; 2ª ed., ivi 1933.

NoteModifica

  1. ^ Non ci sono speranze per i dispersi del Bianco, Avanti!, 25 agosto 1964, p. 2, didascalia fotografica.
  2. ^ Annamaria Monti, Angelo Sraffa: Un "antiteorico" del diritto, EGEA p. 200, nota 132.
  3. ^ Giorgio Fabre, Lo scambio. Come Gramsci non fu liberato, Sellerio Editore.
  4. ^ Vittorio Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Erasmo ed., Roma, 2005, p. 260.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN33999549 · ISNI (EN0000 0000 8112 8057 · SBN IT\ICCU\SBLV\027617 · LCCN (ENno00033926 · GND (DE117650153 · BAV ADV11376683