Apri il menu principale

Antonio Malaschini

magistrato italiano
Antonio Malaschini

Sottosegretario di Stato del Dipartimento per i Rapporti con il Parlamento
Durata mandato 29 novembre 2011 –
28 aprile 2013
Presidente Mario Monti
Predecessore Laura Ravetto
Successore Sabrina De Camillis

Segretario generale della Presidenza del Senato della Repubblica
Durata mandato 6 novembre 2002 –
8 febbraio 2011
Presidente Marcello Pera (XIV legislatura)
Franco Marini (XV legislatura)
Renato Schifani (XVI legislatura)
Predecessore Damiano Nocilla
Successore Elisabetta Serafin

Antonio Malaschini (Roma, 1º maggio 1947) è un avvocato italiano, dal 2011 al 28 aprile 2013 sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento del Governo Monti. In precedenza è stato Segretario Generale del Senato e Consigliere di Stato.[1].

BiografiaModifica

Il 1º giugno 1989 ha assunto l'incarico di direttore del Servizio di Segreteria e dell'Assemblea ed il 29 maggio 1992 quello di Vice Segretario Generale del Senato. Dal 6 novembre 2002 all'8 febbraio 2011[2] è stato Segretario Generale del Senato. Il 9 febbraio 2011, giorno successivo alla pensione, viene nominato Consigliere di Stato.

Il 29 novembre 2011 è stato nominato sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento del Governo Monti. Si è dimesso dal Consiglio di Stato in data 1º ottobre 2013. È avvocato cassazionista. È stato Consigliere giuridico, a titolo gratuito, presso il Ministero dello Sviluppo Economico. È attualmente Vice Capo di Gabinetto, sempre a titolo gratuito, presso il Ministero dell’Economia.

OnorificenzeModifica

  Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 21 febbraio 1989[3]
  Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 8 ottobre 1992[4]
  Cavaliere di Gran Croce Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 12 novembre 2002[5]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9773149198316074940007 · LCCN (ENno2017041605 · WorldCat Identities (ENno2017-041605