Apri il menu principale
Antonio Pentangelo
Antonio Pentangelo daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Circoscrizione Campania 1

Presidente della Provincia di Napoli
ad interim
Durata mandato 1º ottobre 2012 –
31 dicembre 2014
Predecessore Luigi Cesaro
Successore Luigi De Magistris (Sindaco metropolitano)

Dati generali
Partito politico Forza Italia
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Napoli Federico II
Professione Avvocato

Antonio Pentangelo (Lettere, 19 febbraio 1965) è un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Laureato in giurisprudenza alla Federico II, esercita la professione di avvocato.

Attività politicaModifica

Nel 1994, a 29 anni, viene eletto al Consiglio Comunale di Lettere, dove gli vengono assegnate, in qualità di vicesindaco, le deleghe ai Lavori Pubblici e all'Urbanistica. Successivamente si candida e viene eletto alla carica di sindaco di Lettere per due consiliature, ovvero dal 2002 al 2012.

Nel 2009 ricopre l'incarico di assessore ai trasporti e alla viabilità della Provincia di Napoli ed in seguito gli vengono assegnate ulteriori deleghe, tra cui quelle all'Urbanistica ed al Bilancio, settori nevralgici della macchina amministrativa, nella giunta guidata dal parlamentare Luigi Cesaro.[1][2] Il 9 ottobre 2012 è nominato vicepresidente della provincia di Napoli, il giorno seguente con la decadenza del presidente Luigi Cesaro ricandidato alle politiche 2013, viene nominato presidente ad interim della Provincia di Napoli con voto di maggioranza dal consiglio provinciale,[3][4] con il compito di traghettare l'ente di piazza Matteotti fino all'entrata in vigore della città metropolitana,[5] che sostituirà la provincia dal 1º gennaio 2015.

Nel gennaio 2013 entra a far parte dell'Ufficio di Presidenza dell'UPI (Unione Provincie d'Italia).

Nell'aprile 2013 il Popolo della Libertà decide di candidarlo come sindaco di Castellammare di Stabia,[6] preferendolo al sindaco uscente, l'ex senatore di Alleanza Nazionale, Luigi Bobbio.[7] Il 10 giugno 2013 è sconfitto al ballottaggio dal candidato del centro-sinistra Nicola Cuomo.

Nel 2014 è nominato coordinatore provinciale, per la provincia di Napoli di Forza Italia. Alle elezioni di secondo livello del 12 ottobre 2014, valide per l'elezione del Consiglio metropolitano di Napoli, risulta essere il più votato tra i candidati, ciò gli vale la nomina di capogruppo di Forza Italia in consiglio metropolitano, tuttavia nell'ottobre 2015 con lo scioglimento del consiglio comunale di Castellammare di Stabia decade dalla carica di consigliere metropolitano.

Elezione a deputatoModifica

Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto alla Camera dei Deputati, nelle liste di Forza Italia nella circoscrizione Campania 1.

NoteModifica

Altri progettiModifica