Arbroath

Arbroath
burgh
Arbroath/Aberbrothock/Obar Bhrothaig
Arbroath – Veduta
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Scozia Scozia
Area di consiglioAngus
Territorio
Coordinate56°33′40.99″N 2°35′08.54″W / 56.561386°N 2.585706°W56.561386; -2.585706 (Arbroath)
Superficie7,79 km²
Abitanti22 785 (2001)
Densità2 924,9 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleDD11
Fuso orarioUTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Arbroath
Arbroath
Sito istituzionale

Arbroath o Aberbrothock[1] (in gaelico scozzese: Obar Bhrothaig, "Foce del rio Brothock"); 7,79 km[2]; 22.000 ab. ca.[2][3]) è una località balneare e portuale sul Mare del Nord della Scozia centro-orientale, facente parte dell'area amministrativa di Angus (di cui costituisce il centro più popoloso[3]) e situata lungo l'estuario del Brothock Born[1] (da cui: Aberbrothock[1], abbreviato in Arbroath[1]).

Arbroath (Scozia): il porto
Altra immagine del porto di Arbroath
Edifici del porto di Arbroath
Altri edifici di Arbroath

La cittadina ha svolto un importante ruolo nella storia della Scozia, per la cosiddetta "Dichiarazione di Arbroath", in cui nel 1320 alcuni nobili sancirono l'indipendenza dall'Inghilterra[1][4][5][6][7][8].

Geografia fisicaModifica

CollocazioneModifica

Arbroath si trova a tra Carnoustie e Montrose (rispettivamente a nord/nord-est della prima e a sud della seconda)[9], a circa 28 km[10] a nord-est di Dundee.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Al censimento del 2001, Arbroath contava una popolazione pari a 22.785 abitanti[2][3].

StoriaModifica

La Dichiarazione di ArbroathModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dichiarazione di Arbroath.

Il 6 aprile 1320, nell'Abbazia di Arbroath, i rappresentanti scozzesi firmarono l'indipendenza dall'Inghilterra, eleggendo come re Roberto I Bruce[1][4][5][6][7][8]. La lettera con la dichiarazione fu firmata da Bernardo, abate di Arbroath[1][7] ed indirizzata a Papa Giovanni XXII[1][7].

Battaglia di ArbroathModifica

Il 24 gennaio 1455 ebbe luogo la battaglia di Arbroath, combattuta tra il Clan Ogilvy, il Clan Oliphant, il Clan Seton, il Clan Gordon e il Clan Forbes, da una parte, e il Clan Lindsay, dall'altra[11].

Edifici e luoghi d'interesseModifica

Abbazia di ArbroathModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Abbazia di Arbroath.

L'edificio più celebre di Arbroath è l'abbazia, fondata nel 1178[4][5][6][12] da re Guglielmo il Leone[4][5][12].

Fu qui che - come detto - fu firmata nel 1320 la Dichiarazione di Arbroath[4][5][7][8].

PortoModifica

Il porto di Arbroath fu realizzato nel 1394[1], ma fu distrutto nel 1706[1]. Fu poi ricostruito nel 1734[1] ed ampliato tra il 1842 e il 1877[1].

Signal Tower MuseumModifica

Ad Arbroath si trova anche il Signal Tower Museum, situato in un edificio del 1813[1]. L'edificio controlla il funzionamento del faro di Bell Rock, che si trova al largo della costa.

SportModifica

La squadra di calcio locale è l'Arbroath Football Club[13].

GastronomiaModifica

Specialità locale sono gli Arbroath smokies, degli eglefini affumicati[1][14]. La specialità ha avuto origine nel vicino villaggio di pescatori di Auchmithie[14].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n Arbroath su Undiscovered Scotland
  2. ^ a b c Arbroath su City Population
  3. ^ a b c Scro.gov.uk: Angus Census 2001
  4. ^ a b c d e Arbroath Abbey su Undiscovered Scotland
  5. ^ a b c d e A.A.V.V., Scozia, Touring Club Italiano, Milano
  6. ^ a b c A.A.V.V., Guida Marco Polo - Scozia, Mairs Geographischer Verlag, Ostfildern - Hachette, Paris - De Agostini, Novara, 1999
  7. ^ a b c d e Declaration of Arbroath 1320
  8. ^ a b c http://www.geo.ed.ac.uk/home/scotland/arbroath.html
  9. ^ A.A.V.V., Key Guide - Gran Bretagna, Touring Club Italiano, Milano, 2007, p. 443
  10. ^ ViaMichelin.it: Itinerario da Arbroath a Dundee
  11. ^ Clan Ogilvy su Scotweb
  12. ^ a b Arbroath Abbey su Historic Scotland
  13. ^ Arbroath Football Club - The Red Lichties
  14. ^ a b A Smokie? | Arbroath Smokies

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN148976804 · LCCN (ENn84164191 · GND (DE4310799-0 · WorldCat Identities (ENlccn-n84164191
  Portale Scozia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Scozia