Apri il menu principale

Augusto Bertazzoni

arcivescovo cattolico italiano
Augusto Bertazzoni
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Archbishop.svg
 
Nato10 gennaio 1876
Ordinato presbitero23 febbraio 1899
Nominato vescovo30 giugno 1930
Consacrato vescovo15 agosto 1930
Elevato arcivescovo30 novembre 1950
Deceduto30 agosto 1972 (96 anni)
 

Augusto Bertazzoni (Polesine, 10 gennaio 1876Potenza, 30 agosto 1972) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nasce a Polesine (Mantova) il 10 gennaio 1876 da famiglia agiata, imparentata coi Gatti Grami di Gonzaga.

Rimane nel paese natale fino alla conclusione delle scuole elementari. Successivamente, tra il 1885 e il 1887, frequentò l'Oratorio salesiano di Torino, in cui incontrò San Giovanni Bosco che ebbe una grande influenza sulla sua formazione e a cui dedicò un altare nella cattedrale di Potenza nel 1939.

Completato il ginnasio Bertazzoni tornò a Mantova per iniziare gli studi sacerdotali e al seminario incontrò mons. Giuseppe Sarto, divenuto poi papa.

Durante la sua vita fu anche amico del beato don Luigi Orione e don Giovanni Calabria, divenuto poi santo.

Mons. Sarto lo nominò parroco di Quistello dove rimase per quattro anni fino al 1903.

Dal 1903 al 1930 fu parroco di San Benedetto Po.

Il 6 luglio 1922 fu nominato cappellano segreto di Sua Santità e il 30 giugno 1930 vescovo di Potenza e Marsico.

Negli anni 1933-1934 fece decorare, dal pittore Mario Prayer, la cappella di San Gerardo nella cattedrale di Potenza col famoso racconto di San Gerardo del miracolo dell'acqua trasformata in vino.

Tra maggio e novembre 1940 effettuò la visita pastorale per conoscere lo stato delle parrocchie, visitò asili infantili, ricevette suore e incontrò i rappresentanti delle associazioni cattoliche.

Nel 1950 fu nominato arcivescovo ad personam.

Nel 1966, ritirandosi a vita privata per l'età avanzata, fu destinato alla sede titolare di Temuniana.

Morì nel 1972 a 96 anni, dopo aver operato continuamente per 63 anni di cui 27 anni come parroco e 36 come vescovo.

Attualmente ne è in corso la causa di beatificazione, aperta da mons. Ennio Appignanesi nella cattedrale di Potenza. La documentazione è al vaglio della Santa Sede che l'ha giudicata valida per riconoscere l'entità dei miracoli e delle grazie ottenute per intercessione di mons. Bertazzoni.

Genealogia episcopaleModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88675887 · ISNI (EN0000 0000 6243 1317 · LCCN (ENno2013097333 · GND (DE1044339012 · BAV ADV10037886 · WorldCat Identities (ENno2013-097333