Apri il menu principale

Automotrice FG ALe 80

FG ALe 80
Automotrice
Anni di costruzione 1981-1982
Anni di esercizio 1981-...
Quantità prodotta 6
Costruttore Stanga
Lunghezza 23.000 mm
Larghezza 2.900 mm
Altezza 3.600 mm
Capacità 80 posti a sedere
Scartamento 1.435 mm
Interperno 17.800 mm
Passo dei carrelli 2.680 mm
Massa vuoto 49 t
Rodiggio Bo' Bo'
Diametro ruote motrici 910 mm
Potenza continuativa 580 kW (continuativa)
700 kW (oraria)
Velocità massima omologata 110 km/h
Alimentazione elettrica da linea aerea
3 kV cc
Dati tratti da:
Tanel, op. cit., p. 9

Le automotrici ALe 80 sono una serie di elettromotrici Stanga-Tibb per la società Ferrovie del Gargano, esercente la linea San Severo-Peschici.

StoriaModifica

Le automotrici vennero costruite nel 1981 in 6 unità, numerate da ALe 80.01 a 06; la parte elettrica e i carrelli furono costruiti dal TIBB di Milano. La consegna si concluse nel gennaio 1982[1].

CaratteristicheModifica

Una particolarità delle ALe 80 è l'avviatore elettronico costruito dalla Sécheron di Ginevra, utilizzato per la prima volta su un mezzo destinato a una ferrovia in concessione.

LivreaModifica

Le automotrici furono verniciate in una livrea analoga a quella delle carrozze Gran Confort delle Ferrovie dello Stato: cassa in grigio ardesia, fascia dei finestrini in bianco avorio, e fascette longitudinali rosse. Tale livrea in seguito sarebbe stata estesa anche ad altri mezzi delle FG.

Nel 2012 l'automotrice ALe 80.04 venne ridipinta e revampizzata in una nuova livrea bianca, rossa e blu, ispirata a quella dei nuovi Elettrotreni FG ETR 330 Stadler Flirt. Si prevede di estendere la nuova livrea all'intero gruppo[2].

NoteModifica

  1. ^ Notizie flash, in "I Treni Oggi" n. 18 (marzo 1982), p. 5.
  2. ^ Garganica ricolorata, in "I Treni" n. 352 (ottobre 2012), p. 9.

BibliografiaModifica

  • Franco Tanel, Nuove elettromotrici per le Ferrovie del Gargano, in "I Treni Oggi" n. 9 (maggio 1981), pp. 8–9.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti