Basilico thai

A sinistra il basilico genovese e a destra quello thai con le sue foglie lanceolate

Il basilico thai (in lingua thai: โหระพา, trascrizione RTGS horapha, trascrizione IPA hǒːráʔpʰāː; in lingua vietnamita húng quế) è la varietà thyrsiflora del basilico (Ocimum basilicum).[1] Viene impiegato principalmente in gastronomia grazie al suo inconfondibile sapore leggermente piccante e al suo profumo, che sono stati accostati a quelli di anice, menta, agrume, liquirizia, cannella e chiodo di garofano;[2][3][4] è un importante ingrediente nelle cucine thailandese, vietnamita, laotiana e cambogiana.[2]

DescrizioneModifica

 
Infiorescenze a tirso del basilico thai
 
Fiori del basilico thai di fine estate
 
Fiori del basilico thai di mezza estate
 
Foglie e inizio fioritura

La pianta di basilico thai è robusta e compatta,[5] arriva fino a 45 cm di altezza[6] e ha foglie verdi lanceolate strette e brillanti,[2] leggermente serrate; il suo profumo e sapore sono stati accostati a quelli di anice, menta, agrume, liquirizia, cannella e chiodo di garofano;[2][3][4] Ha una leggera piccantezza che non si riscontra in altre cultivar di basilico.[7] Lo stelo è violaceo e di sezione quadrata, mentre le foglie sono decussate.[8] Come si deduce dal suo nome scientifico, le infiorescenze sono a tirso.[9] Le infiorescenza sono viola e i fiori sono rosa.[10]

ColtivazioneModifica

Il basilico thai è una pianta perenne tenera,[11] ma viene di solito coltivata come se fosse annuale. Tipica pianta tropicale, resiste solo in climi molto caldi e senza gelo. Può crescere da un seme o da una talea in suolo fertile con pH tra 6,5 e 7,5, ben drenato ed esposto al sole pieno tra le 6 e le 8 ore al giorno.[9][12] I fiori dovrebbero essere staccati per evitare che le foglie diventino amare. Si può raccogliere le foglie un po' per volta a diverse riprese per favorirne la ricrescita.[11] Quando cominciano a invecchiare, le foglie tendono a diventare violacee. Verso fine estate i fiori assumono varie colorazioni che vanno dal bianco al malva.[2]

Usi in cucinaModifica

Le foglie sono un ingrediente largamente usato nelle cucine del Sud-est asiatico, in particolare quelle thailandese, vietnamita, laotiana e cambogiana. Tra i piatti tipici della Thailandia in cui vengono aggiunte per insaporire vi sono il curry verde e il curry rosso. A Taiwan vengono utilizzate nella preparazione del celebre piatto nazionale sanbeiji a base di pollo. Vengono servite crude in tavola in Vietnam per essere aggiunte ai piatti di phở, bún bò Huế e bánh xèo o inserite nei panini fatti con il pane bánh mì. Anche quando vengono cotte a lungo, grazie alla loro robustezza le foglie di basilico thai mantengono comunque il gusto molto di più rispetto alle foglie di altre cultivar di basilico a parità di cottura.[2]

Differenza con altri tipi di basilicoModifica

Per il suo gusto caratteristico, il basilico thai viene a volte chiamato "basilico all'anice" o "basilico alla liquirizia", ma è sostanzialmente diverso da queste due piante. È una varietà di basilico e ha a sua volta diverse cultivar, tra le quali la Siam Queen che cresce negli Stati Uniti.[13] Il suo nome vietnamita húng quế significa letteralmente "basilico alla cannella", ma è diverso dall'Ocimum basilicum varietà cannella, una differente varietà di basilico che cresce in Messico.

Le svariate cultivar di basilico, ognuna con il proprio distinto sapore, generano confusione nell'identificarne una determinata varietà.[1] Nella cucina thailandese, oltre al basilico thai vengono utilizzati altri due tipi di basilico:

  • il basilico sacro (Ocimum tenuiflorum, in thai กะเพรา RTGS kaphrao), che è una specie diversa dal'Ocimum basilicum ed è particolarmente diffuso per il suo gusto piccante, pepato e simile ai chiodi di garofano o alla canfora. In India, dove prende il nome tulsi, è molto utilizzato a fini gastronomici, terapeutici e religiosi.[2][13][14]
  • il basilico limone (O. × citriodorum, in thai แมงลัก RTGS maenglak), con aroma e gusto che ricorda il limone, il meno utilizzato dei basilici tipici thailandesi.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Simon James E., Morales Mario R., Phippen Winthrop B., Vieira Roberto Fontes, Hao Zhigang, Basil: A Source of Aroma Compounds and a Popular Culinary and Ornamental Herb, in Janick Jules (a cura di), Perspectives on New Crops and New Uses, ASHS Press, Alexandria, VA, 1999, pp. 499–505.
  2. ^ a b c d e f g (EN) AA. VV., Culinary Herbs - Thai Basil: Tiny Leaves but a Whole World of Flavor - by Anne Sala, in Llewellyn's 2018 Herbal Almanac: Gardening, Cooking, Health, Crafts, Myth & Lore, Llewellyn Worldwide, 2017, ISBN 0738753157.
  3. ^ a b (EN) Makiko Itoh, The Just Bento Cookbook 2: Make-Ahead, Easy, Healthy Lunches To Go, Vertical Inc, 2019, p. 45, ISBN 1568365985.
  4. ^ a b (EN) Rosemary Brissenden, South East Asian Food, Hardie Grant Publishing, 2003, p. 34, ISBN 1742734715.
  5. ^ (EN) Cox Jeff, Moine Marie-Pierre, The Cook's Herb Garden, Londra, DK Publishing, 2010, p. 53.
  6. ^ (EN) Hutchinson Frances, Garden Herbs, in The Gardener's Handbook, Fog City Press, 2003, p. 237.
  7. ^ (EN) Raghavan Susheela, Handbook of Spices, Seasonings, and Flavorings, Boca Raton, CRC Press, 2007, p. 72, ISBN 9780849328428.
  8. ^ (EN) LAMIACEAE (formerly LABIATAE) - The Mint Family, su theseedsite.co.uk.
  9. ^ a b (EN) Meyers Michele, Basil: An Herb Society of America Guide (PDF), The Herb Society of America, 2003, p. 32 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2015).
  10. ^ (EN) Brissenden Rosemary, Southeast Asian Food: Classic and Modern Dishes from Indonesia, Malaysia, Singapore, Thailand, Laos, Cambodia and Vietnam, Singapore, Periplus Editions, 2003, p. 34, ISBN 9780794604882.
  11. ^ a b (EN) Basil, Thai Basil, Organic, su seedaholic.com. URL consultato il 28 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2017).
  12. ^ (EN) Andrews A.J., How to Plant Thai Basil, su homeguides.sfgate.com.
  13. ^ a b (EN) Loha-Unchit Kasma, Garden Herbs, in It Rains Fishes: Legends, Traditions and the Joys of Thai Cooking, Pomegranate Artbooks, 1995, pp. 92-94, ISBN 0876543565, OCLC 31865230.
  14. ^ (EN) Loha-unchit Kasma, Holy Basil – Bai Gkaprow, su thaifoodandtravel.com. URL consultato il 28 giugno 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina