Apri il menu principale

Beniamino Depalma

arcivescovo cattolico italiano
Beniamino Depalma, C.M.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Omelia del Mons. De Palma.jpeg
Coat of arms of Beniamino Depalma.svg
Evangelizare pauperibus misit me
 
TitoloNola
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Nola
Incarichi ricopertiArcivescovo di Amalfi-Cava de' Tirreni
Arcivescovo-vescovo di Nola
 
Nato15 maggio 1941 (78 anni) a Giovinazzo
Ordinato presbitero3 aprile 1965 dal cardinale Alfonso Castaldo
Nominato arcivescovo7 dicembre 1990 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo26 gennaio 1991 dal cardinale Michele Giordano
 

Beniamino Depalma (Giovinazzo, 15 maggio 1941) è un arcivescovo cattolico italiano, dall'11 novembre 2016 vescovo emerito di Nola.

Indice

BiografiaModifica

Viene ordinato sacerdote il 3 aprile 1965 dal cardinale Alfonso Castaldo, arcivescovo di Napoli.

Il 7 dicembre 1990 è eletto arcivescovo di Amalfi-Cava de' Tirreni. Riceve l'ordinazione episcopale il 26 gennaio 1991 dal cardinale Michele Giordano (coconsacranti: vescovo Ciriaco Scanzillo, arcivescovo Ferdinando Palatucci).

Il 15 luglio 1999 è nominato vescovo di Nola, con il titolo di arcivescovo ad personam. Inizia solennemente il ministero pastorale a Nola il 16 ottobre 1999.

L'11 ottobre 2012 indice il decimo sinodo diocesano.

È attualmente membro della Commissione episcopale per la Liturgia.

Dal 2012 è gran priore dell'Ordine militare del Santissimo Salvatore di Santa Brigida di Svezia, succedendo all'arcivescovo Bruno Schettino, scomparso prematuramente; è inoltre gran priore per l'Italia meridionale tirrenica e grand'ufficiale dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e cappellano capo del Gran priorato di Napoli e Sicilia del sovrano militare ordine di Malta.

L'11 novembre 2016 papa Francesco accoglie la sua rinuncia all'episcopato di Nola per raggiunti limiti di età. Gli succede Francesco Marino e rimane amministratore apostolico fino all'insediamento del nuovo vescovo che avviene domenica 15 gennaio 2017.

Genealogia episcopaleModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica