Apri il menu principale
Benson Burner
ArtistaGeorge Benson
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione1976
Dischi2 LP
Tracce27
GenereJazz
EtichettaColumbia Records (CG 33569)
ProduttoreJohn Hammond (originale), Stephen Bruce Weissman (riedizione)

Benson Burner è un doppio album raccolta di George Benson, pubblicato dalla Columbia Records nel 1976[1]. La raccolta contiene brani registrati nel 1966 e nel 1967.

TracceModifica

Brani composti da George Benson, tranne dove indicato

Lato A
  1. Bayou – 3:32 (Jimmy Smith) – Registrato il 1º agosto 1966 a New York City, New York
  2. Hammond's Bossa Nova – 3:10 – Registrato il 9 febbraio 1966 a New York City, New York
  3. Willow Weep for Me – 7:27 (Ann Ronell) – Registrato il 9 febbraio 1966 a New York City, New York
  4. Clabber Biscuits – 2:28 (Edward Osmund Bland) – Registrato il 23 maggio 1967 a New York City, New York
  5. Chicken Giblets – 2:37 (M. Bland (Edward Osmund Bland)) – Registrato il 23 maggio 1967 a New York City, New York
  6. Mama Wailer – 2:36 (Lonnie Smith) – Registrato il 22 novembre 1966 a New York City, New York
Lato B
  1. Goodnight – 2:21 – Registrato il 22 novembre 1966 a New York City, New York
  2. The Man from Toledo – 2:09 – Registrato il 22 novembre 1966 a New York City, New York
  3. My Babe – 3:25 (Willie Dixon) – Registrato il 22 novembre 1966 a New York City, New York
  4. Minor Truth – 4:07 (Harold Ousley) – Registrato il 27 maggio 1966 a New York City, New York
  5. Slow Scene – 3:12 – Registrato il 6 settembre 1966 a New York City, New York
  6. Flamingo – 5:04 (Edmund Anderson, Theodor (Ted) Grouya) – Registrato il 6 settembre 1966 a New York City, New York
  7. Redwood City – 2:43 – Registrato il 10 gennaio 1966 a New York City, New York
Lato C
  1. The Cooker – 4:16 – Registrato il 19 ottobre 1966 a New York City, New York
  2. Return of the Prodigal Son – 2:33 (Harold Ousley) – Registrato il 19 ottobre 1966 a New York City, New York
  3. Push, Push – 4:38 – Registrato il 1º agosto 1966 a New York City, New York
  4. Benson's Rider – 5:30 – Registrato il 19 ottobre 1966 a New York City, New York
  5. Doin' the Thing – 2:45 – Registrato il 23 maggio 1967 a New York City, New York
  6. Bright Eyes – 2:50 (Lonnie Smith) – Registrato il 27 maggio 1966 a New York City, New York
Lato D
  1. Myna Bird Blues – 4:35 – Registrato il 9 febbraio 1966 a New York City, New York
  2. What Do You Think – 2:45 (Lonnie Smith) – Registrato il 27 maggio 1966 a New York City, New York
  3. Keep Talkin' – 2:21 (Lonnie Smith) – Registrato il 27 maggio 1966 a New York City, New York
  4. Peg-Leg Jack – 2:57 – Registrato il 10 gennaio 1966 a New York City, New York
  5. Jaguar – 2:44 – Registrato il 9 febbraio 1966 a New York City, New York
  6. Hello Birdie – 3:58 – Registrato il 15 marzo 1966 a New York City, New York
  7. Ain't That Peculiar – 2:54 (William (Smokey) Robinson, Warren Moore, Marvin Tarplin, Robert Rogers) – Registrato il 15 marzo 1966 a New York City, New York
  8. Forevermore – 4:02 – Registrato il 15 marzo 1966 a New York City, New York

MusicistiModifica

Bayou - Push Push - Jumpin' with Symphony Sid
Hammond's Bossa Nova
  • George Benson - chitarra
  • Lonnie Smith - organo
  • Ronnie Cuber - contrabbasso
  • Jimmy Lovelace - batteria
Willow Weep for Me - Myna Bird Blues - Jaguar
  • George Benson - chitarra
  • Lonnie Smith - organo
  • Ronnie Cuber - contrabbasso
  • Jimmy Lovelace - batteria
Clabber Biscuits - Chicken Giblets
Mama Wailer - My Babe
Goodnight - The Man from Toledo
  • George Benson - chitarra
  • Lonnie Smith - organo
  • Blue Mitchell - tromba
  • King Curtis - sassofono tenore elettrico
  • Ronnie Cuber - contrabbasso
  • Marion Booker - batteria
Minor Truth - Keep Talkin' - What Do You Think - Bright Eyes
Slow Scene - Flamingo
  • George Benson - chitarra
  • Lonnie Smith - organo
  • Ronnie Cuber - contrabbasso
  • Jimmy Lovelace - batteria
Redwood City - Peg Leg Jack
  • George Benson - chitarra
  • Lonnie Smith - organo
  • Ronnie Cuber - contrabbasso
  • Ray Lucas - batteria
Hello Birdie - Forevermore
  • George Benson - chitarra
  • Lonnie Smith - organo
  • Ronnie Cuber - contrabbasso
  • Jimmy Lovelace - batteria
Ain't That Peculiar
  • George Benson - chitarra
  • Lonnie Smith - organo
  • Ronnie Cuber - contrabbasso
  • Ray Lucas - batteria[2]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Benson Burner by George Benson, rateyourmusic.com. URL consultato l'11 luglio 2014.
  2. ^ (EN) Lonnie Smith: A Discography, dougpayne.com. URL consultato l'11 luglio 2014.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz