Bernardo I della marca del Nord

Bernardo I
Margravio della marca del Nord
In carica 1009 –
1051
Predecessore Guarniero/Werner di Walbeck
Successore Bernardo II
Morte 1051
Coniuge Una figlia di Vladimir il Grande
Figli Guglielmo
Corrado
Oda
Othelindis (non certo)
Ottone (illegittimo)

Bernardo (... – 1051) fu margravio della Nordmark dal 1009 alla morte.

BiografiaModifica

Era il figlio di Teodorico di Haldensleben e un rivale dei conti di Walbeck, di cui uno dei quali, Guarniero/Werner, fu deposto, e venne investito a Pöhlde della marca in precedenza detenuta dal padre:[1][2] Guarniero/Werner infatti aveva ucciso Dedi I, cognato di Bernardo (aveva sposato la sorella Tiedburga), dopo aver infamato Guarniero/Werner.

Nel 1016–1017, Bernardo entrò in conflitto con Gero, arcivescovo di Magdeburgo e conseguentemente contro l'imperatore Enrico II, per il controllo della chiesa di Magdeburgo.[3] L'imperatore intervenne e costrinse Bernardo a dare a Gero con 500 libbre d'argento in risarcimento per l'assalto che i suoi uomini compirono sulla città di Magdeburgo.[4] Bernardo fu trattato come un eguale dal suo signore, il duca di Sassonia, e Bernardo II, in una lettera del 1028 destinata all'imperatore Corrado II riguardo ad una questione legata agli schiavi della chiesa di Verden, chiesa situata nella provincia in cui "noi [Corrado] ci siamo impegnati a governare [ai Bernardi]"[5]

Famiglia e figliModifica

Bernardo sposò una figlia di Vladimir il Grande, Gran Principe di Kiev. Essi ebbero:

Da un'amante slava ebbe:

NoteModifica

  1. ^ Tietmaro di Merseburgo, Libro VI, 50, in Piero Bugiani (a cura di), Chronicon. L'anno mille e l'impero degli Ottoni, Bifröst, traduzione di Piero Bugiani, Viterbo, Vocifuoriscena, 2020, p. 471, ISBN 978-88-99959-29-6.
  2. ^ Tietmaro, Libro VI, 50, in Cronaca di Tietmaro, Fonti tradotte per la storia dell'Alto Medioevo, traduzione di Matteo Taddei, Pisa University Press, p. 168, ISBN 978-8833390857.
  3. ^ Timothy Reuter, Germany in the Early Middle Ages 800–1056, p. 200.
  4. ^ Timothy Reuter, Germany in the Early Middle Ages 800–1056, p. 204.
  5. ^ Timothy Reuter, Germany in the Early Middle Ages 800–1056, p. 216.
  6. ^ Timothy Reuter, Germany in the Early Middle Ages 800–1056, p. 194.

BibliografiaModifica