Apri il menu principale

Blondie (album)

album dei Blondie del 1976
Blondie
ArtistaBlondie
Tipo albumStudio
Pubblicazionedicembre 1976[1]
pubblicato negli Stati Uniti
Durata32:58 (LP)
46:29 (CD del 2001)
Dischi1 / 1
Tracce11 / 16
GenereNew wave[2]
American punk[2]
Punk rock[2]
Dance rock[2]
EtichettaPrivate Stock Records (PS 2023)
ProduttoreRichard Gottehrer
RegistrazioneNew York al Plaza Sound Studios, agosto-settembre 1976
FormatiLP / CD
Certificazioni
Dischi d'oroRegno Unito Regno Unito (1)[3]
(vendite: 100 000)
Dischi di platino0
Blondie - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1977)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4.5/5 stelle[4]
Robert Christgau B+[5]
The New Rolling Stone Album Guide 4/5 stelle[6]
Sputnikmusic 4.0 (Excellent)[7]
Piero Scaruffi 6/10 stelle[8]
Ondarock 8/10 stelle (Disco consigliato)[9]
Dizionario del Pop-Rock 3/5 stelle[10]
24.000 dischi 2/5 stelle[11]

Blondie è l'omonimo album di debutto del gruppo punk, new wave Blondie pubblicato nel 1976 per la Private Stock Records. Il primo singolo X Offender era originariamente intitolato Sex-Offender ma, dato che le radio non lo avrebbero trasmesso con questo titolo, venne rinominato. Dopo deludenti vendite i Blondie furono scaricati dalla casa discografica. Il gruppo fu quindi ingaggiato dalla Chrysalis Records che decise di ristampare il disco nel 1977. Il singolo che fece da promozione fu Rip Her To Shreds.

TracceModifica

LPModifica

Lato A
  1. X Offender – 3:11 (Deborah Harry, Gary Valentine)
  2. Little Girl Lies – 2:04 (Deborah Harry)
  3. In the Flesh – 2:26 (Deborah Harry, Chris Stein)
  4. Look Good in Blue – 2:56 (Jimmy Destri)
  5. In the Sun – 2:40 (Chris Stein)
  6. A Shark in Jet's Clothing – 3:35 (Jimmy Destri)
Lato B
  1. Man Overboard – 3:20 (Deborah Harry, Chris Stein)
  2. Rip Her to Shreads – 3:20 (Deborah Harry, Chris Stein)
  3. Rifle Range – 3:37 (Deborah Harry, Chris Stein, Ronnie Toast)
  4. Kung-Fu Girls – 2:29 (Deborah Harry, Gary Valentine, Jimmy Destri)
  5. The Attack of the Giant Ants – 3:20 (Chris Stein)

CDModifica

Edizione CD del 2001, pubblicato dalla Chrysalis Records (72435 33596-2-1)
  1. X Offender – 3:15 (Deborah Harry, Gary Valentine)
  2. Little Girl Lies – 2:08 (Deborah Harry)
  3. In the Flesh – 2:33 (Deborah Harry, Chris Stein)
  4. Look Good in Blue – 2:56 (Jimmy Destri)
  5. In the Sun – 2:40 (Chris Stein)
  6. A Shark in Jet's Clothing – 3:40 (Jimmy Destri)
  7. Man Overboard – 3:22 (Deborah Harry, Chris Stein)
  8. Rip Her to Shreds – 3:23 (Deborah Harry, Chris Stein)
  9. Rifle Range – 3:42 (Deborah Harry, Chris Stein, Ronnie Toast)
  10. Kung-Fu Girls – 2:33 (Deborah Harry, Gary Valentine, Jimmy Destri)
  11. The Attack of the Giant Ants – 3:34 (Chris Stein)
  12. Out in the Streets – 2:21 (Jeff Barry, Ellie Greenwich)Traccia bonus - Demo, registrato nel 1975
  13. The Thin Line – 2:17 (Deborah Harry, Chris Stein)Traccia bonus - Demo, registrato nel 1975
  14. Platinum Blonde – 2:12 (Deborah Harry)Traccia bonus - Demo, registrato nel 1975
  15. X-Offender – 3:14 (Deborah Harry, Gary Valentine)Traccia bonus - Versione singolo (Private Stock 45097), registrato nel maggio 1976
  16. In the Sun – 2:39 (Chris Stein)Traccia bonus - Versione singolo (Private Stock 45097), registrato nel maggio 1976

FormazioneModifica

Altri musicisti
  • Ellie Greenwich - cori
  • Micki Harris - cori
  • Hilda Harris - cori
Note aggiuntive

ClassificaModifica

Album

Anno Classifica Posizione
raggiunta
1979 Official Albums Chart   75[13]

NoteModifica

  1. ^ Blondie by Blondie, su rateyourmusic.com. URL consultato il 23 luglio 2019.
  2. ^ a b c d Scheda sull'album da allmusic.com
  3. ^ https://www.bpi.co.uk/award/15495-804-2
  4. ^ (EN) Blondie, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 23 luglio 2019.  
  5. ^ (EN) Robert Christgau: CG: Blondie, su robertchristgau.com.
  6. ^ Nathan Brackett e David Hoard, The New Rolling Stone Album Guide, Fireside, 2004, p. 85.
  7. ^ (EN) Blondie - Blondie, su sputnikmusic.com.
  8. ^ scaruffi.com, https://www.scaruffi.com/vol4/blondie.html.
  9. ^ Blondie, su ondarock.it.
  10. ^ Enzo Gentile e Alberto Tonti, Dizionario del Pop-Rock, Baldini & Castoldi, 1999, p. 95.
  11. ^ Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, 24.000 dischi, Zelig, 2005, p. 95.
  12. ^ Note di copertina di Blondie, Blondie, Private Stock Records, PS 2023, 1976.
  13. ^ Blondie - Full Official Chart History, su officialcharts.com. URL consultato il 23 luglio 2019.

Collegamenti esterniModifica