Boudin (insaccato)

insaccato valdostano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Boudin.
Boudin
Boudeun.jpg
Origini
Altri nomibodén, bodeun, boudén, boudeun, boudìn, salàm di trefolle, salàm di troufolle, sam dé tréfue, sandjet, santchet, santset, soouseusse dou san, souseuhe[1]
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneValle d'Aosta
Diffusioneregionale
Zona di produzioneValle d'Aosta
Dettagli
Categoriaantipasto
RiconoscimentoP.A.T.
Ingredienti principalipatate, barbabietole rosse, lardo, sangue, vino, spezie, sale

Il boudin è un salume di origine antica riconosciuto come Prodotto Agroalimentare Tradizionale (P.A.T.) italiano.[2]

Viene prodotto in Valle d'Aosta e appartiene alla categoria dei sanguinacci.[3]

PreparazioneModifica

 
Due boudin interi

L'insaccato viene preparato con patate bollite alle quali vengono mescolati cubetti di lardo, barbabietole rosse, sangue di maiale (o di bovino), vino, spezie e aromi naturali.[4]

La barbabietola rossa, oltre che contribuire al gusto e alla colorazione del prodotto, svolge anche la funzione di conservante alimentare naturale.[5] Il tutto viene insaccato in budello suino legato a mano e poi appeso e stagionato per almeno una decina di giorni.

ConsumoModifica

I boudin vengono in genere consumati come antipasto. Possono essere mangiati freddi oppure bolliti, magari con l'accompagnamento di insalata o verdure cotte (in particolare le patate rosse di montagna bollite), oppure scaldati al forno; in quest'ultimo caso va utilizzato un prodotto ancora piuttosto fresco e poco stagionato.

Si prestano ad accompagnare l'insaccato vini rossi non invecchiati e con una buona componente aromatica.[6]

NoteModifica

  1. ^ Boudin, su Lo sportello linguistico, Regione Val d'Aosta.
  2. ^ Diciannovesima revisione dell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali, Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo.
  3. ^ I Boudin, su Office du tourisme. URL consultato il 1º novembre 2012.
  4. ^ Prodotti a base di carne, Regione Valle d'Aosta.
  5. ^ Eleonora Autilio, Boudin: Valle d'Aosta "al sangue", in La Stamoa, 11 giugno 2014.
  6. ^ Boudin, su Corriere della Sera. URL consultato il 1º luglio 2012.

BibliografiaModifica

  • AA.VV., Alla scoperta dei prodotti valdostani. Dalla tradizione ai DOP e DOC, a cura di Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali, Quart (AO), Musumeci.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • I boudin sul sito della Regione Valle d'Aosta