Apri il menu principale

Brachypotherium

genere di animale della famiglia Rhinocerotidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Brachypotherium
Brachypotherium 1.JPG
Mandibola di Brachypotherium
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Eutheria
Ordine Perissodactyla
Famiglia Rhinocerotidae
Genere Brachypotherium

Il brachipoterio (gen. Brachypotherium) è un rinoceronte estinto, vissuto tra il Miocene medio e il Pliocene (circa 15 – 5 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa, Asia, Africa e Nordamerica.

Indice

DescrizioneModifica

Questo animale, al contrario degli odierni rinoceronti, era dotato di zampe molto corte e un corpo molto massiccio, simile a quello di un ippopotamo. Il cranio era dotato di lunghi incisivi inferiori (anche 10 centimetri), a forma di vere e proprie zanne, mentre i molari erano a corona alta (ipsodonti). Il cranio, piuttosto corto, possedeva anche un innalzamento a livello delle narici, che fa supporre la presenza i un piccolo corno, forse biforcato.

Le dimensioni di Brachypotherium erano piuttosto imponenti: l'altezza al garrese poteva arrivare a 1,4 metri e la lunghezza a 3 metri, mentre il peso poteva superare la tonnellata e mezza.

ClassificazioneModifica

Brachypotherium appartiene a un gruppo di rinoceronti noti come teleoceratini, comprendenti animali di grandi dimensioni e dalla corporatura estremamente massiccia, più simili agli attuali ippopotami che a rinoceronti. Brachypotherium derivò probabilmente da alcune forme del Miocene inferiore europeo, come l'assai simile Diaceratherium o Prosantorhinus.

 
Mandibola di Brachypotherium. In evidenza i lunghi incisivi inferiori.

Tra le varie specie di Brachypotherium, da ricordare B. stehlini, B. goldfussi e B. perimense (vissute tra il Miocene medio e superiore), B. americanum (ritrovato negli Stati Uniti), B. brachypus (a volte attribuita al genere Diaceratherium) e le specie africane B. snowi, B. heinzelini e B. lewisi, alcune delle quali sopravvissute fino al Pliocene. Una forma molto simile era l'americano Teleoceras, a cui a volte è ascritta la specie B. americanum.

PaleobiologiaModifica

Brachypotherium probabilmente viveva in ambienti relativamente paludosi, cibandosi di piante acquatiche. Lo stile di vita di questi animali doveva essere molto simile a quello degli odierni tapiri, o a quello degli ippopotami.

BibliografiaModifica

  • L. Ginsburg and P. Tassy. 1977. Les nouveaux gisements a Mastodontes du Vindobonien moyen de Simorre (Gers). Comptes Rendus sommaires de la Societe geologique de France 1:24-26
  • C.-k. Li and Z.-d. Qiu. 1980. Early Miocene mammalian fossils of Xining Basin, Qinghai. Vertebrata PalAsiatica 18(3):198-214
  • D. Geraads. 1989. Vertebres fossiles du Miocene Superieur du Djebel Krechem el Artouma (Tunisie Centrale). Comparisons biostratigraphiques. Géobios 22(6):777-801
  • D. R. Prothero. 1998. Rhinocerotidae. In C. M. Janis, K. M. Scott, and L. L. Jacobs (eds.), Evolution of Tertiary mammals of North America 595-605

Collegamenti esterniModifica