Apri il menu principale

Bredolo

(Reindirizzamento da Breo)

Bredolo o Bredulo era una località nei pressi dell'attuale città di Mondovì, in provincia di Cuneo.

Bredolo venne distrutta verso la fine del XII secolo e perse via via importanza. Da allora la sua storia si confonde con quella della vicina Mondovì, che raccolse i superstiti, eccetto pochi contadini tenacemente legati alla terra e alcuni anziani, ai quali gli acciacchi e l'età non consentivano di intraprendere una nuova avventura.

Il nome deriva dal longobardo braida (campo suburbano), probabilmente col suffisso diminutivo -olo col significato di "piccolo campo".

BreolungiModifica

«...a guardelu da lontan
fa na magnifica figura;
s'it lo guardi da Majan
gigantis su bela autura,
s'it lo guardi da Mondovì
l'è 'n t'l bass che a svud pi.
smia propi che a s' struma
sout le piante ch'jè dintorn
o che a s'aussa o che a perfonda
ant so solitar sogiurn
dova tut l'è poesia,
tèra e ciel n' armonia...»

Amara e ironica constatazione di un forestiero (autore ignoto), amante di arte e buon poeta dialettale, che, favorito dalla primavera del 1888, andava cercando Breolungi per ammirarne la Pieve millenaria.

Per cause contingenti, Breolungi sin dai tempi antichi era costituita da un gruppo di case con un castello e una pieve, e attualmente non ha un concentrico in cui possa identificarsi, per cui si può benissimo passarvi nel bel mezzo senza neanche accorgersene.

StoriaModifica

Le prime generiche notizie su un insediamento umano sulle rive del Pesio risalgono addirittura ad alcuni secoli prima di Cristo (800 a.C.?): c'era un guado con un villaggio di quattro case di fango e pietra: si chiamava Brigidorum, e lo abitavano i Liguri Bagienni o Vagienni.

I Bagienni erano bravissimi pastori, secondo Strabone, e un'autentica spina nel fianco per i Romani, secondo Tito Livio. Ma i Romani hanno la meglio: il Manzone, insigne studioso dei Bagienni, ne pone la conquista nel periodo che va dal 173 a.C. al 143 a.C. Furono iscritti alla tribù Camilia, una delle più antiche e potenti della Gallia cisalpina.

Ci fu un periodo di relativa sicurezza e tranquillità fino a che lo sfaldarsi dell'Impero non impegnò i Romani a difendere altre città ben più importanti di Bredulum. Priva del minimo sistema difensivo, venne abbandonata a sé stessa e coinvolta nel turbinio delle invasioni barbariche: Vandali, Eruli, Ostrogoti, Longobardi, dilaniarono queste terre in ogni modo.

I Bredolesi cercarono allora di porsi in salvo sull'altura vicina, dove attualmente sorge la chiesa parrocchiale Santa Maria in Bredolo.

Risale ai Longobardi la prima organizzazione amministrativa: il territorio Bredolese venne inserito nel ducato di Asti. Con Carlo Magno la Longobardia venne divisa in comitati o contee, e Bredulum fu posta a capo di uno di questi: iniziò così il periodo di maggior splendore per il villaggio. Bredolo si arricchì di un castello dove abitava il conte, e la primitiva cappella fu ampliata in Pieve, cioè Parrocchia matrice, dedicata all'Assunta, col titolo di Santa Maria in Bredolo.

In realtà povera e priva di tradizioni culturali e organizzative, la contea di Bredolo aveva però una grande estensione, comprendendo le valli alpine del Corsaglia, del Pesio, dell'Ellero, e del Gesso sino alla vasta pianura tra il Tanaro e la Stura. Il lungo periodo di pace aveva poi consentito un notevole ripopolamento per cui si era reso necessario cerare nuovi appezzamenti da dissodare e coltivare: abbattuta la boscaglia e bonificato gli acquitrini, via via si erano costituiti i nuovi insediamenti rurali "fuori le mura".

Nel 901 l'imperatore Ludovico IV il Fanciullo concesse il contado di Bredolo al vescovo di Asti il quale a sua volta, per le naturali difficoltà di governare un territorio così lontano, si vide costretto a delegare autorità minori: le lotte intestine e le rivalità tra i vari castelli portarono al depauperamento e al saccheggio delle zone rurali. Così nella seconda metà del X secolo gli Ungari e i Saraceni devastarono e depredarono il villaggio, risparmiando pieve e castello.

Ma ancora una volta il popolo ricostruì la curtis, e la pieve, tanto che nel periodo a cavallo del Mille, divenne così grande e potente da essere considerata una delle più grandi del Piemonte meridionale.

Col decadere del feudalesimo e il sorgere delle forze comunali, Bredolo perse via via di importanza e da allora la sua storia si confonde con quella della vicina Mondovì, dove pian piano i Bredolesi si erano trasferiti.

Mondovì fu tra le prime e più forti realtà comunali del Piemonte: raccolse genti delle signorie di Vico e Caraxonium (presso Bastia) e del Vasco. Poi nel XIII secolo vennero anche quelli di Bredolo e di Villanova, Morozzo e Piozzo, che si stabilirono a metà della collina, tra il piano dell'Ellero e il monte.

Fondarono anche una nuova chiesa che prese il nome di quella originale, Santa Maria de Bredolo, o Santa Maria Nova, per distinguerla dalla matrice di Bredolo. Il nuovo agglomerato si chiamò Breo e l'antica curtis con la pieve, ormai disabitata, perse anche il nome originale, che fu sostituito da Breolungi, cioè lontano da Breo, dalla nuova città. A sottolineare il cambio dei tempi anche l'antica Pieve fu detta extra moenia in rure, mentre la nuova intra moenia in civitate.

CuriositàModifica

Un allevatore della zona ha selezionato una varietà di Schnauzer medi sale pepe dando a questa il nome di Bredolo.

  Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo