Cacciatori-raccoglitori

sistema di sostentamento alimentare tipico di società primitive
(Reindirizzamento da Caccia e raccolta)

Con cacciatori-raccoglitori, nelle scienze etnoantropologiche, si indicano quelle popolazioni il cui sistema di alimentazione ed economico si basa sulla caccia, pesca e sulla raccolta. Queste società non praticano alcuna forma di agricoltura o allevamento, ma fanno leva unicamente sull'acquisizione e il prelievo di cibo dalla natura selvatica (sono perciò dette società acquisitive).

Cacciatori-raccoglitori pigmei nel bacino del Congo nell'agosto 2014
Cacciatori-raccoglitori pigmei nel bacino del Congo nell'agosto 2014

Il sistema di "caccia e raccolta" fu l'unica forma di sostentamento degli uomini per 70 000 anni nel Paleolitico[1]. In virtù del processo di domesticazione delle piante e degli animali, con la rivoluzione neolitica, l'uomo iniziò a praticare anche l'agricoltura e l'allevamento, che, con il passare dei millenni, sostituirono questa economia primitiva[2]. Tuttavia, non tutte le società compirono tale passo e, comunque, non tutte allo stesso momento: portava infatti benefici, ma anche svantaggi e non era adatto o conveniente a tutti i territori. La separazione di questo sistema economico è in parte teorica, in quanto, in realtà, diverse popolazioni hanno e/o possono usare contemporaneamente sia sistemi di caccia o di agricoltura a seconda dei periodi e delle convenienze.

Ancora oggi resistono società di cacciatori-raccoglitori in territori dove la presenza delle società agricole o industriali non li ha ancora spinti (pacificamente o con la forza) ad abbandonare l'organizzazione originaria. Tra queste società figurano i Pigmei e i Boscimani africani, i Semang della Malesia e gli indios dell'Amazzonia.

In un report del 2009 vengono stimati ancora presenti nel mondo 410 milioni di raccoglitori di foresta o di savana, più almeno 100 milioni di piccoli pescatori[3].

Nell'ideologia del materialismo storico, il sistema di caccia e raccolta costituisce la prima sottofase (fase selvaggia) del comunismo primitivo.

Lo stretto contatto con la natura di queste popolazioni ha condizionato il loro credo religioso in forme animiste.

Prove archeologicheModifica

 
Cacciatori-raccoglitori (giallo) 4.000 anni fa.

La caccia e la raccolta erano presumibilmente la strategia di sussistenza impiegata dalle società umane a partire da circa 1,8 milioni di anni fa, dall'Homo erectus, e dalla sua comparsa circa 200.000 anni fa da Homo sapiens. I cacciatori-raccoglitori preistorici vivevano in gruppi costituiti da diverse famiglie risultando in una dimensione di poche dozzine di persone[4]. Rimase l'unico modo di sussistenza fino alla fine del Mesolitico circa 10.000 anni fa, e in seguito fu sostituito solo gradualmente con la diffusione della Rivoluzione Neolitica.

 
Una mappa globale che illustra il declino del foraggiamento/pesca/caccia/raccolta in tutto il mondo[5].

Durante gli anni '70, Lewis Binford suggerì che i primi esseri umani ottenessero il cibo tramite la ricerca di esso, non attraverso la caccia. I primi esseri umani nel Paleolitico inferiore vivevano nelle foreste e nei boschi, il che permetteva loro di raccogliere frutti di mare, uova, noci e frutta. Piuttosto che uccidere grandi animali per la carne, secondo questo punto di vista, usarono carcasse di tali animali che erano stati uccisi da predatori o che erano morti per cause naturali[6]. Dati archeologici e genetici suggeriscono che nelle popolazioni di origine del Paleolitico, i cacciatori-raccoglitori sono sopravvissuti in aree scarsamente boscose e si sono dispersi in aree ad alta produttività primaria evitando una fitta copertura forestale[7].

A partire dal periodo di transizione tra il Paleolitico medio e quello superiore, da 80.000 a 70.000 anni fa, alcune bande di cacciatori-raccoglitori iniziarono a specializzarsi, concentrandosi sulla caccia a una selezione più piccola di selvaggina (spesso più grande) e sulla raccolta di una selezione più piccola di cibo. Questa specializzazione del lavoro ha comportato anche la creazione di strumenti specializzati come reti da pesca, ganci e arpioni fatti di ossa di animali[8].

Nel graduale processo di miglioramento delle famiglie nel loro ambiente circostante, sono state identificate, protette e migliorate specie utili di alberi e viti, mentre sono state eliminate le specie indesiderate[9].

Molti gruppi hanno continuato il loro stile di vita di cacciatori-raccoglitori, sebbene il loro numero sia continuamente diminuito, in parte a causa della pressione esercitata dalle crescenti comunità agricole e pastorali. Molti di loro risiedevano nelle regioni aride o nelle foreste tropicali. Le aree che un tempo erano disponibili per i cacciatori-raccoglitori erano e continuano ad essere invase dagli insediamenti degli agricoltori. Nella conseguente competizione per l'uso del suolo, le società di cacciatori-raccoglitori adottarono queste pratiche o si trasferirono in altre aree. Inoltre Jared Diamond ha accusato un calo nella disponibilità di cibi selvatici, in particolare le risorse animali. In Nord e Sud America, ad esempio, la maggior parte delle specie di mammiferi di grandi dimensioni si era estinta entro la fine del Pleistocene: secondo Diamond, a causa dello sfruttamento eccessivo da parte degli umani, essa è una delle numerose spiegazioni offerte per l'evento di estinzione del Quaternario[10].

Gli archeologi possono utilizzare prove come l'uso di strumenti di pietra per tenere traccia delle attività di cacciatori-raccoglitori, inclusa la mobilità[11][12].

Caratteristiche comuniModifica

 
Un uomo San dalla Namibia. Molti San vivono ancora come cacciatori-raccoglitori.

Habitat e popolazioneModifica

La maggior parte dei cacciatori-raccoglitori sono nomadi o semi-nomadi e vivono in insediamenti temporanei. Le comunità mobili in genere costruiscono ripari utilizzando materiali da costruzione non permanenti, oppure possono utilizzare ripari rocciosi naturali, ove disponibili.

Alcune culture di cacciatori-raccoglitori, come le popolazioni indigene della costa nord-occidentale del Pacifico e gli Yokuts, vivevano in ambienti particolarmente ricchi che consentivano loro di essere sedentari o semi-sedentari. Tra i primi esempi di insediamenti permanenti c'è la cultura Osipovka (14–10,3 mila anni fa)[13], che viveva in un ambiente ricco di pesci che permetteva loro di rimanere nello stesso posto tutto l'anno[14]. Un gruppo, i Chumash, aveva la più alta densità di popolazione registrata di qualsiasi società di cacciatori e raccoglitori conosciuta con una stima di 21,6 persone per miglio quadrato[15].

Struttura sociale ed economicaModifica

I cacciatori-raccoglitori tendono ad avere un'etica sociale egualitaria, sebbene i cacciatori-raccoglitori stanziali (ad esempio, quelli che abitano la costa nord-occidentale del Nord America) siano un'eccezione a questa regola[16][17][18]. Ad esempio, il popolo San o "Boscimani" dell'Africa meridionale ha usanze sociali che scoraggiano fortemente l'accaparramento e le manifestazioni di autorità e incoraggiano l'uguaglianza economica attraverso la condivisione di cibo e beni materiali[19]. Karl Marx definì questo sistema socio-economico come comunismo primitivo[20].

L'egualitarismo tipico dei cacciatori e raccoglitori umani non è mai totale, ma colpisce se visto in un contesto evolutivo. Uno dei due parenti primati più stretti dell'umanità, gli scimpanzé, sono tutt'altro che egualitari, formandosi in gerarchie che sono spesso dominate da un maschio alfa. Il contrasto con i cacciatori-raccoglitori umani è così grande che è ampiamente sostenuto dai paleoantropologi che la resistenza all'essere dominati fosse un fattore chiave che guidava l'emergere evolutivo della coscienza umana, del linguaggio, della parentela e dell'organizzazione sociale[21][22][23][24][25].

All'interno di una particolare tribù o popolo, i cacciatori-raccoglitori sono collegati sia dalla parentela che dall'appartenenza a una banda (residenza/gruppo domestico)[26]. La residenza post-matrimoniale tra i cacciatori-raccoglitori tende ad essere matrilocale, almeno inizialmente[27]. Le giovani madri possono beneficiare dell'assistenza all'infanzia delle proprie madri, che continuano a vivere nelle vicinanze dello stesso campo[28]. I sistemi di parentela e discendenza tra i cacciatori-raccoglitori umani erano relativamente flessibili, sebbene ci siano prove che la prima parentela umana in generale tendesse ad essere matrilineare[29].

Un resoconto illustrativo è lo studio di Megan Biesele 'Women Like Meat'[30][31]. Uno studio più recente suggerisce che la divisione sessuale del lavoro è stata l'innovazione organizzativa fondamentale che ha dato all'Homo sapiens il vantaggio sui Neanderthal, consentendo ai nostri antenati di migrare dall'Africa e diffondersi in tutto il mondo[32].

Questo punto di vista è stato contestato dalle antropologhe femministe negli anni '70 che hanno sottolineato che l'antropologia aveva storicamente enfatizzato eccessivamente gli uomini[33]. Lo stereotipo "l'uomo il cacciatore, le donne il raccoglitore" potrebbe aver descritto una divisione comune del lavoro, ma nelle società di cacciatori-raccoglitori gli uomini aiutano ancora nell'attività di raccolta, specialmente quando le donne sono stanche o malate, o quando la caccia non ha successo. Le donne cacciavano con armi diverse, con cani, cerbottane e dardi avvelenati. Anche le donne potevano intrappolare gli animali, usando reti o cesti per intrappolare granchi e pesci[34].

 
Condivisione della carne da un cacciatore

Uno studio del 1986 ha rilevato che la maggior parte dei cacciatori-raccoglitori ha una divisione sessuale del lavoro strutturata in modo simbolico[33]. Tuttavia, è vero che in una piccola minoranza di casi, le donne cacciavano lo stesso tipo di preda degli uomini, a volte insieme ad essi. Tra i Ju'/hoansi della Namibia, le donne aiutano gli uomini a rintracciare la cava[35]. Nel Martu australiano, sia le donne che gli uomini partecipano alla caccia ma con uno stile diverso di divisione di genere; mentre gli uomini sono disposti a correre più rischi per cacciare animali più grandi come il canguro a scopo di lucro politico come forma di "magnanimità competitiva", le donne prendono di mira selvaggina più piccola come le lucertole per nutrire i propri figli e promuovere rapporti di lavoro con altre donne, preferendo una più costante fornitura di sostentamento[36].

Nel sito andino di Wilamaya Patjxa, nel distretto di Puno in Perù, sono stati scoperti i resti di una cacciatrice di 9000 anni fa insieme a un kit di attrezzi di punte di proiettili e strumenti per la lavorazione degli animali[37].

 
Un'incisione del XIX secolo di un accampamento indigeno australiano.

Alla conferenza "Man the Hunter" del 1966, gli antropologi Richard Borshay Lee e Irven DeVore hanno suggerito che l'egualitarismo fosse una delle numerose caratteristiche centrali delle società nomadi di caccia e raccolta perché la mobilità richiede la riduzione al minimo dei beni materiali in tutta la popolazione. Pertanto, nessun avanzo di risorse può essere accumulato da nessun singolo membro. Altre caratteristiche proposte da Lee e DeVore erano il flusso nei confini territoriali e nella composizione demografica[38].

Nella stessa conferenza, Marshall Sahlins ha presentato un documento intitolato "Note sulla società benestante originale", in cui ha sfidato la visione popolare delle vite dei cacciatori-raccoglitori come "solitarie, povere, cattive, brutali e basse", come aveva fatto Thomas Hobbes nel 1651. Secondo Sahlins, i dati etnografici indicavano che i cacciatori-raccoglitori lavoravano molto meno ore e godevano di più tempo libero rispetto ai membri tipici della società industriale, e continuavano a mangiare bene. La loro "opulenza" derivava dall'idea che si accontentavano di ben poco in senso materiale[39]. Successivamente, nel 1996, Ross Sackett ha eseguito due distinte meta-analisi per testare empiricamente il punto di vista di Sahlin. Il primo di questi studi ha esaminato 102 studi sull'allocazione del tempo e il secondo ha analizzato 207 studi sulla spesa energetica. Sackett ha scoperto che gli adulti nelle società di foraggiamento e orticoltura lavorano, in media, circa 6,5 ore al giorno, mentre le persone nelle società agricole e industriali lavorano in media 8,8 ore al giorno[40].

I ricercatori Gurven e Kaplan hanno stimato che circa il 57% dei cacciatori-raccoglitori raggiunge l'età di 15 anni. Di quelli che raggiungono i 15 anni, il 64% continua a vivere fino a 45 anni o oltre. Ciò colloca l'aspettativa di vita tra 21 e 37 anni[41]. Stimano inoltre che il 70% dei decessi sia dovuto a malattie di qualche tipo, il 20% dei decessi provenga da violenze o incidenti e il 10% sia dovuto a malattie degenerative[41].

Lo scambio reciproco e la condivisione delle risorse (cioè la carne ottenuta dalla caccia) sono importanti nei sistemi economici delle società di cacciatori-raccoglitori[26]. Pertanto, queste società possono essere descritte come basate su una "economia del dono".

Un documento del 2010 ha affermato che mentre i cacciatori-raccoglitori possono avere livelli di disuguaglianza più bassi rispetto alle società moderne e industrializzate, ma ciò non significa che la disuguaglianza non esista. I ricercatori hanno stimato che il coefficiente di Gini medio tra i cacciatori-raccoglitori era 0,25, equivalente alla Danimarca nel 2007. Inoltre, la trasmissione della ricchezza attraverso le generazioni era anche una caratteristica dei cacciatori-raccoglitori, il che significa che i cacciatori-raccoglitori "ricchi", all'interno nel contesto delle loro comunità, avevano più probabilità di avere figli ricchi come loro rispetto ai membri più poveri e in effetti le società di cacciatori-raccoglitori dimostrano una comprensione della stratificazione sociale. Pertanto, mentre i ricercatori concordavano sul fatto che i cacciatori-raccoglitori fossero più egualitari delle società moderne, i loro antenati che vivevano in uno stato di comunismo primitivo egualitario erano imprecise e fuorvianti[42].

VariabilitàModifica

 
Coppia in viaggio Savanna Pumé di caccia e raccolta nei llanos del Venezuela. L'uomo porta un arco, tre frecce con la punta d'acciaio e un cappello che ricorda la testa di una cicogna jabiru come mimetizzazione per avvicinarsi abbastanza al cervo. La donna porta un bastone da scavo con la punta d'acciaio e un cesto per raccogliere i tuberi selvatici.

Le società di cacciatori-raccoglitori manifestano una variabilità significativa, a seconda della zona climatica, della zona vitale, della tecnologia disponibile e della struttura sociale. Gli archeologi esaminano i kit di strumenti di cacciatori-raccoglitori per misurare la variabilità tra i diversi gruppi. Collard ha scoperto che la temperatura è l'unico fattore statisticamente significativo per l'impatto sui kit di strumenti di cacciatori-raccoglitori[43]. Utilizzando la temperatura come proxy del rischio, i risultati di Collard suggeriscono che gli ambienti con temperature estreme rappresentano una minaccia per i sistemi di cacciatori-raccoglitori abbastanza significativa da giustificare una maggiore variabilità degli strumenti. Questi risultati supportano la teoria di Torrence (1989) secondo cui il rischio di fallimento è effettivamente il fattore più importante nel determinare la struttura dei kit di cacciatori-raccoglitori[44].

Un modo per dividere i gruppi di cacciatori-raccoglitori è attraverso i loro sistemi di ritorno. James Woodburn usa le categorie "ritorno immediato" e "ritorno ritardato" per catalogare i cacciatori-raccoglitori egualitari e non egualitari. I raccoglitori di ritorno immediato consumano il cibo entro un giorno o due dopo averlo procurato. I raccoglitori a ritorno ritardato immagazzinano il cibo in eccesso[45].

La caccia-raccolta era il modo di sussistenza umano comune in tutto il Paleolitico, ma l'osservazione dei cacciatori e raccoglitori odierni non riflette necessariamente le società paleolitiche; le culture di cacciatori-raccoglitori esaminate oggi hanno avuto molti contatti con la civiltà moderna e non rappresentano condizioni "incontaminate" che si trovano nei popoli mai contattati[46].

Il passaggio dalla caccia e raccolta all'agricoltura non è necessariamente un processo a senso unico. È stato affermato che la caccia e la raccolta rappresentano una strategia adattativa, che può ancora essere sfruttata, se necessario, quando il cambiamento ambientale provoca stress alimentare estremo per gli agricoltori[47]. In effetti, a volte è difficile tracciare un confine netto tra le società agricole e quelle di cacciatori-raccoglitori, soprattutto a causa della diffusa adozione dell'agricoltura e della conseguente diffusione culturale avvenuta negli ultimi 10.000 anni[48].

In epoca moderna, alcuni studiosi parlano dell'esistenza all'interno dell'evoluzione culturale delle cosiddette economie miste o economie duali che implicano una combinazione di approvvigionamento alimentare (raccolta e caccia) e produzione alimentare o quando i raccoglitori hanno rapporti commerciali con gli agricoltori[49].

AmericheModifica

 
Negritos nelle Filippine, 1595.

Le prove suggeriscono che cacciatori-raccoglitori di selvaggina di grossa taglia attraversarono lo stretto di Bering dall'Asia (Eurasia) al Nord America su un ponte di terra (Beringia), che esisteva tra 47.000 e 14.000 anni fa[50]. Intorno a 18.500-15.500 anni fa, si ritiene che questi cacciatori-raccoglitori abbiano seguito branchi di megafauna del Pleistocene ormai estinta lungo corridoi privi di ghiaccio che si estendevano tra le calotte glaciali di Laurentide e della Cordigliera[51]. Un'altra rotta proposta è che, a piedi o utilizzando barche primitive, migrarono lungo la costa del Pacifico verso il Sud America[52][53].

Il periodo arcaico nelle Americhe vide un ambiente mutevole caratterizzato da un clima più caldo e arido e dalla scomparsa dell'ultima megafauna[54]. La maggior parte dei gruppi di popolazione in questo momento erano ancora cacciatori-raccoglitori altamente mobili. I singoli gruppi hanno iniziato a concentrarsi sulle risorse a loro disposizione localmente, tuttavia, e quindi gli archeologi hanno identificato un modello di crescente generalizzazione regionale, come si vede con le tradizioni del sud-ovest, dell'Artico, di Poverty Point, di Dalton e di Plano. Questi adattamenti regionali diventerebbero la norma, con una minore dipendenza dalla caccia e dalla raccolta, con un'economia più mista di piccola selvaggina, pesce, verdure selvatiche di stagione e alimenti vegetali raccolti[55][56].

Studiosi come Kat Anderson hanno suggerito che il termine cacciatore-raccoglitore è riduttivo perché implica che i nativi americani non sono mai rimasti in un posto abbastanza a lungo da influenzare l'ambiente che li circonda. Tuttavia, molti dei paesaggi nelle Americhe oggi sono dovuti al modo in cui i nativi di quell'area originariamente si occupavano della terra. Anderson esamina in particolare i nativi della California e le pratiche che utilizzavano per domare la loro terra. Alcune di queste pratiche includevano la potatura, il diserbo, la semina, la combustione e la raccolta selettiva. Queste pratiche hanno permesso loro sfruttare l'ambiente in modo sostenibile per secoli[57].

Gli indiani della California vedono l'idea della natura selvaggia in una luce negativa. Credono che la natura selvaggia sia il risultato della perdita della conoscenza umana del mondo naturale e di come prendersene cura. Quando la terra torna alla natura selvaggia dopo che la connessione con gli umani è andata perduta, le piante e gli animali si ritireranno e si nasconderanno dagli umani[57].

NoteModifica

  1. ^ Yuval Noah Harari,Sapiens. Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità, Bompiani, 2014.
  2. ^ James C. Scott, Le origini della civiltà. Una controstoria, 2018, trad.Maddalena Ferrara, Einaudi
  3. ^ https://www.etcgroup.org/content/who-will-feed-us
  4. ^ Emma Groeneveld, Prehistoric Hunter-Gatherer Societies, su World History Encyclopedia, 9 dicembre 2016. URL consultato il 9 aprile 2018.
  5. ^ Lucas Stephens, Dorian Fuller e Nicole Boivin, Archaeological assessment reveals Earth’s early transformation through land use, in Science, vol. 365, 1º agosto 2019, pp. 897–902, DOI:10.1126/science.aax1192. URL consultato il 14 giugno 2022.
  6. ^ Collins, N. Mark., The Last rain forests : a world conservation atlas, Oxford University Press in association with IUCN, 1990. URL consultato il 14 giugno 2022.
  7. ^ Gavashelishvili, A. e Tarkhnishvili, D., Biomes and human distribution during the last ice age, in Global Ecology and Biogeography, vol. 25, n. 5, 2016, p. 563, DOI:10.1111/geb.12437.
  8. ^ Fagan, B. (1989). People of the Earth, pp. 169–81. Scott, Foresman.
  9. ^ Douglas John McConnell, The forest-garden farms of Kandy, Sri Lanka, 1992, p. 1, ISBN 978-9251028988.
  10. ^ Jared Diamond, Guns, Germs and Steel, London, Vintage, 1998, ISBN 0099302780.
  11. ^ B Blades, End scraper reduction and hunter-gatherer mobility, in American Antiquity, vol. 68, n. 1, 2003, pp. 141–56, DOI:10.2307/3557037, JSTOR 3557037.
  12. ^ (EN) Matthew Verdolivo, Prehistoric female hunter discovery upends gender role assumptions, su National Geographic, 4 novembre 2020. URL consultato il 19 novembre 2020.
  13. ^ Eustathios Chiotis, Climate Changes in the Holocene : Impacts and Human Adaptation, CRC Press, 2018, ISBN 978-1351260237. Ospitato su Google Books.
  14. ^ Cooking secrets of the Neolithic era revealed in groundbreaking scientific tests, su siberiantimes.com.
  15. ^ Heather Pringle, The Brine Revolution, in Hakai Magazine, Tula Foundation and Hakai Institute, 22 aprile 2015. URL consultato il 24 giugno 2019.
  16. ^ (EN) Thomas Widlok e Wolde Gossa Tadesse, Property and Equality, Berghahn Books, 2006, pp. ix–x, ISBN 978-1845452131. URL consultato il 6 luglio 2019.
  17. ^ (EN) Harry Lourandos, Continent of Hunter-Gatherers: New Perspectives in Australian Prehistory, Cambridge University Press, 1997, p. 24, ISBN 978-0521359467. URL consultato il 6 luglio 2019.
  18. ^ (EN) Ben Fitzhugh, The Evolution of Complex Hunter-Gatherers: Archaeological Evidence from the North Pacific, Springer Science & Business Media, 2003, pp. 4–5, ISBN 978-0306478536.
  19. ^ Elizabeth A. Cashdan, Egalitarianism among Hunters and Gatherers, in American Anthropologist, vol. 82, n. 1, 1980, pp. 116–20, DOI:10.1525/aa.1980.82.1.02a00100, ISSN 0002-7294 (WC · ACNP), JSTOR 676134.
  20. ^ Scott, John; Marshall, Gordon (2007). A Dictionary of Sociology. US: Oxford University Press.
  21. ^ D. Erdal e A. Whiten, On human egalitarianism: an evolutionary product of Machiavellian status escalation?, in Current Anthropology, vol. 35, n. 2, 1994, pp. 175–83, DOI:10.1086/204255.
  22. ^ Erdal, D. and A. Whiten 1996. "Egalitarianism and Machiavellian intelligence in human evolution". In, P. Mellars and K. Gibson (eds), Modelling the early human mind. Cambridge: McDonald Institute Monographs.
  23. ^ Christopher Boehm (2001). Hierarchy in the Forest: The Evolution of Egalitarian Behavior, Cambridge, MA: Harvard University Press.
  24. ^ Gintis, Herbert. 2013. “The Evolutionary Roots of Human Hyper-Cognition.” Journal of Bioeconomics 15 (1): 83–89.
  25. ^ Gintis, Herbert, Carel van Schaik, and Christopher Boehm. 2019. “Zoon Politikon: The Evolutionary Origins of Human Socio-Political Systems.” Behavioural Processes, Behavioral Evolution, 161 (April): 17–30. DOI10.1016/j.beproc.2018.01.007.
  26. ^ a b Thomas M. Kiefer, Anthropology E-20, in Lecture 8 Subsistence, Ecology and Food production, Harvard University, Spring 2002. URL consultato l'11 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2008).
  27. ^ Frank W. Marlowe, Marital residence among foragers, in Current Anthropology, vol. 45, n. 2, 2004, pp. 277–84, DOI:10.1086/382256.
  28. ^ K. Hawkes, J. F. O'Connell, N. G. Blurton Jones, H. P. Alvarez e E. L. Charnov, Grandmothering, Menopause, and the Evolution of Human Life-Histories, in Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, vol. 95, n. 3, 1998, pp. 1336–39, Bibcode:1998PNAS...95.1336H, DOI:10.1073/pnas.95.3.1336, PMC 18762, PMID 9448332.
  29. ^ Knight, C. 2008. "Early human kinship was matrilineal". In N. J. Allen, H. Callan, R. Dunbar and W. James (eds.), Early Human Kinship. Oxford: Blackwell, pp. 61–82.
  30. ^ Biesele, M. (1993). Women Like Meat. The folklore and foraging ideology of the Kalahari Ju/'hoan. Witwatersrand: University Press.
  31. ^ (EN) Megan Biesele, Women Like Meat: The Folklore and Foraging Ideology of the Kalahari Ju/ʼhoan, Witwatersrand University Press, 1993. URL consultato il 14 giugno 2022.
  32. ^ Stefan Lovgren, Sex-Based Roles Gave Modern Humans an Edge, Study Says, in National Geographic News, 7 dicembre 2006.
  33. ^ a b Testart, A. (1986). Essai sur les fondements de la division sexuelle du travail chez les chasseurs-cueilleurs. Paris: Éditions de l'École des Hautes Études en Sciences Sociales.
  34. ^ Richard B. Lee, Richard Heywood Daly e Richard Daly, The Cambridge Encyclopedia of Hunters and Gatherers, 16 dicembre 1999, pp. 411–13, ISBN 978-0521571098.
  35. ^ Megan Biesele e Steve Barclay, Ju/'Hoan Women's Tracking Knowledge And Its Contribution To Their Husbands' Hunting Success, in African Study Monographs, Suppl. 26, marzo 2001, pp. 67–84.
  36. ^ Rebecca Bliege Bird e Douglas W. Bird, Why women hunt: risk and contemporary foraging in a Western Desert aboriginal community, in Current Anthropology, vol. 49, n. 4, 1º agosto 2008, pp. 655–93, DOI:10.1086/587700, ISSN 0011-3204 (WC · ACNP), PMID 19230267.
  37. ^ (EN) Maya Wei-Hass, Prehistoric female hunter discovery upends gender role assumptions, su National Geographic, 4 novembre 2020. URL consultato il 13 giugno 2021.
  38. ^ (EN) Richard Barry Lee e Irven DeVore, Man the Hunter, Transaction Publishers. URL consultato il 14 giugno 2022.
  39. ^ Sahlins, M. (1968). "Notes on the Original Affluent Society", Man the Hunter. R.B. Lee and I. DeVore (New York: Aldine Publishing Company) pp. 85–89. See also: Jerome Lewis, "Managing abundance, not chasing scarcity", Radical Anthropology, No. 2, 2008, and John Gowdy, "Hunter-Gatherers and the Mythology of the Market", in Lee, Richard B (2005). Cambridge Encyclopedia of Hunters and Gatherers.
  40. ^ Sackett, Ross. 1996. "Time, energy, and the indolent savage. A quantitative cross-cultural test of the primitive affluence hypothesis". Ph.D. diss., University of California, Los Angeles. via Semantic Scholar Corpus ID: 146347757
  41. ^ a b Michael Guenevere e Hillard Kaplan, Longevity amongst Hunter-gatherers (PDF), in Population and Development Review, vol. 33, n. 2, 2007, p. 326, DOI:10.1111/j.1728-4457.2007.00171.x.
  42. ^ Smith, Eric Alden, Kim Hill, Frank W. Marlowe, David Nolin, Polly Wiessner, Michael Gurven, Samuel Bowles, Monique Borgerhoff Mulder, Tom Hertz e Adrian Bell, Wealth transmission and inequality among hunter-gatherers, in Current Anthropology, vol. 51, n. 1, 2010, pp. 19–34, DOI:10.1086/648530, PMC 2999363, PMID 21151711.
  43. ^ Mark Collard, Michael Kemery e Samantha Banks, Causes of Toolkit Variation Among Hunter-Gatherers: A Test of Four Competing Hypotheses (PDF), in Canadian Journal of Archaeology, n. 29, 2005, pp. 1–19.
  44. ^ Robin Torrence, Retooling: Towards a behavioral theory of stone tools, in Torrence (a cura di), Time, Energy and Stone Tools, Cambridge University Press, 1989, pp. 57–66, ISBN 978-0521253505.
  45. ^ Robert L. Kelly, The Foraging Spectrum: Diversity in Hunter-Gatherer Life ways, Washington, Smithsonian Institution, 1995, ISBN 1560984651.
  46. ^ Portera, Claire C. e Marlowe, Frank W., How marginal are forager habitats? (PDF), in Journal of Archaeological Science, vol. 34, n. 1, gennaio 2007, pp. 59–68, DOI:10.1016/j.jas.2006.03.014 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2008).
  47. ^ Lee, Richard B. e Daly, Richard (a cura di), The Cambridge Encyclopedia of Hunters and Gatherers, Cambridge University Press, 1999, ISBN 0521609194.
  48. ^ Pamela Hayes-Bohanan, 42: Prehistoric Cultures, in Birx (a cura di), 21st Century Anthropology: A Reference Handbook, vol. 1, 2010, pp. 409–18, DOI:10.4135/9781412979283.n42, ISBN 978-1452266305. Ospitato su Gale Virtual Reference Library.
  49. ^ S. Svizzero e C. Tisdell, The Persistence of Hunting and Gathering Economies, in Social Evolution & History, vol. 14, 2015.
  50. ^ Atlas of the Human Journey-The Genographic Project, su genographic.nationalgeographic.com, National Geographic Society., 1996–2008. URL consultato il 6 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2011).
  51. ^ The peopling of the Americas: Genetic ancestry influences health, in Scientific American. URL consultato il 17 novembre 2009.
  52. ^ K. R. Fladmark, Alternate Migration Corridors for Early Man in North America, in American Antiquity, 1, vol. 44, n. 1, gennaio 1979, pp. 55–69, DOI:10.2307/279189, JSTOR 279189.
  53. ^ Jason A. Eshleman, Ripan S. Malhi e David Glenn Smith, Mitochondrial DNA Studies of Native Americans: Conceptions and Misconceptions of the Population Prehistory of the Americas, in Evolutionary Anthropology, vol. 12, University of Illinois at Urbana–Champaign, 2003, pp. 7–18, DOI:10.1002/evan.10048. URL consultato il 17 novembre 2009.
  54. ^ Blame North America Megafauna Extinction On Climate Change, Not Human Ancestors, su sciencedaily.com, ScienceDaily, 2001. URL consultato il 10 aprile 2010.
  55. ^ Stuart J. Fiedel, Prehistory of the Americas, Cambridge University Press, 1992, p. 151, ISBN 978-0521425445. URL consultato il 18 novembre 2009.
  56. ^ Frank Salomon Stuart B. Schwartz, The Cambridge History of the Native Peoples of the Americas, Cambridge University Press, 1999, ISBN 978-0521630757. URL consultato il 17 novembre 2009.
  57. ^ a b M. Kat Anderson, Tending the Wild, University of California Press, 14 giugno 2005. URL consultato il 14 giugno 2022.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85063134 · GND (DE4066097-7 · J9U (ENHE987007533759005171