Apri il menu principale

Carciofo violetto di Sant'Erasmo

Carciofo violetto di Sant'Erasmo
Carciofo violetto di Sant'Erasmo
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneVeneto
Zona di produzioneLaguna Veneta settentrionale:
Sant'Erasmo, Mazzorbo, Malamocco, Vignole, Lio Piccolo
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreProdotti vegetali
 

Il Carciofo Violetto di Sant'Erasmo è un prodotto agricolo incluso tra i presidii di Slow Food e tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani, come richiesto dalla Regione Veneto. Tenero, carnoso, allungato, spinoso e dalle bratte violette, il carciofo di Sant'Erasmo si coltiva in varie località della laguna di Venezia, in particolare sull'omonima isola, ma anche a Mazzorbo e Lio Piccolo.

Si mangia crudo (le castraùre, il primo germoglio, sono particolarmente apprezzate dal punto di vista gastronomico), oppure fritto in pastella, alla grega, rosolato e servito freddo con limone, maritato con le schie (gamberetti di laguna), ed in altri modi.

Ogni anni, il Consorzio Carciofo Violetto di Sant'Erasmo organizza una sagra in onore del Carciofo isolano, dove è possibile degustare pietanze ovviamente a base di carciofo, bere vino locale e comprare ottimi prodotti naturali all'agrimercato.

Collegamenti esterniModifica