Apri il menu principale

Castelnuovo (Avezzano)

frazione del comune italiano di Avezzano

Geografia fisicaModifica

Il paese è adagiato sulle pendici del monte Castello a 972 m s.l.m.[2] Confina ad ovest con il colle di Albe, mentre a nord la valle di Acqua in Via lo separa da Forme. La frazione, dominata a settentrione dalle vette del monte Velino, dista circa 8 chilometri da Avezzano[3], 58 dall'Aquila[3] e 108 da Roma[3].

Origini del nomeModifica

Sulle origini del nome di Castelnuovo ci sono due ipotesi. Secondo la prima il toponimo deriverebbe dalla necessità di distinguersi dall'antico castello di Albe, posizionato di fronte. L'altra ipotesi invece è connessa al termine latino "Castrum", che si sarebbe modificato in "Castellum", da cui il nome medievale "Castellum Novum"[4].

StoriaModifica

 
Scorcio del paese

Il borgo è sorto nel X secolo, durante l'epoca dell'incastellamento, fenomeno che fu agevolato dalle invasioni di saraceni, normanni ed ungari che imperversarono in tutto il territorio della Marsica. I contadini minacciati e depredati dagli eserciti stranieri decisero di vivere insieme costituendo il borgo sul monte Castello, in un'altura che in epoca preromana fu già scelta come il luogo di una fortificazione omonima. Oltre ad essa sorgevano sulle alture che circondano il territorio di Castelnuovo altri ocres, come i centri fortificati della catena montuosa del monte Uomo, della cima del Prato del Fosso e del monte Mallevona. Situati nel territorio controllato dagli Equi nei pressi del confine con quello dei Marsi, segnato dalla località di Valle Solegara, a sud del colle Pettorino di Alba Fucens. La fortificazione del monte Castello svolse la sua funzione anche in epoca medievale. Testimonianze architettoniche, come i resti di una torre a base quadrata, sono emersi in una vasta area di circa 4.000 m² a circa 1250 m s.l.m.

Diminuito il ruolo difensivo gradualmente gli abitanti dell'ocres "Castello" sono scesi alle pendici della montagna fondando il nuovo centro abitato intorno alla chiesa di San Pancrazio, situata in località Pratale, documentata dal catalogo dei Baroni nel 1188. Il primo documento che invece attesta l'esistenza del borgo è un elenco datato 1173 del Re di Sicilia, Guglielmo il buono, in cui appare con il nome di "Castellum Novum nei Marsi", riferito con ogni probabilità al contemporaneo nucleo urbano[5].

Nel XII secolo il paese era un comune autonomo dotato di stemma. La sua autonomia amministrativa è terminata nel 1807 a seguito dell'eversione feudale. Dal 1811 fu aggregato all'amministrazione di Massa Corona, borgo originario della contemporanea Massa d'Albe. Castelnuovo fu distrutto dal terremoto del 1915 e ricostruito durante tutto il XX secolo. Nel 1960, dopo Antrosano e Paterno, fu l'ultima frazione a passare sotto l'amministrazione comunale di Avezzano[6].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Facciata della chiesa di San Giacomo e San Pancrazio

Architetture religioseModifica

Chiesa di San Giacomo e San Pancrazio
Originariamente dedicata a San Giacomo apostolo, è stata riedificata nel 1941 dopo essere stata distrutta dal sisma del 1915. Molto probabilmente il 1578 è l'anno di edificazione dell'edificio originario. Dopo il terremoto la chiesa fu dedicata anche a San Pancrazio, a seguito della distruzione di quella antica situata in località Pratale[7].
Chiesa di Santa Lucia
Edificio religioso di piccole dimensioni edificato nel 1968, distante circa due chilometri dal paese. La santa veniva precedentemente venerata in una piccola grotta e in seguito nella chiesa originaria, di cui restano visibili i ruderi, situata poco distante da quella moderna[8].

SocietàModifica

Tradizioni e folcloreModifica

  • 13 dicembre: pellegrinaggio nel piccolo santuario di Santa Lucia Vergine e Martire[8].

SportModifica

IppicaModifica

Centri ippici permettono di cimentarsi in escursioni a cavallo e galoppo.

NoteModifica

  1. ^ a b Censimento 2015, Comune di Avezzano. URL consultato il 22-5-2016.
  2. ^ Frazione di Castelnuovo, Il Portale d'Abruzzo. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  3. ^ a b c Distanza fornita da Google Maps: Percorso più veloce
  4. ^ Antonio Leonetti, Origine del nome, Terre Marsicane. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  5. ^ Antonio Leonetti, Cenni storici, Terre Marsicane. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  6. ^ Belmaggio, 1997
  7. ^ Chiesa di San Giacomo e San Pancrazio, BeWeB.
  8. ^ a b Chiesa di Santa Lucia, You Can Go. URL consultato il 23 gennaio 2018.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Castelnuovo, su terremarsicane.it, Terre Marsicane. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  Portale Marsica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marsica