Catone Sacco

giurista italiano (1394-1463)

Catone Sacco, detto anche Catone da Pavia, latinizzato come Cato Saccus o Sachus (Pavia, 1394/1397Pavia, aprile 1463), è stato un giurista italiano del XV secolo.[1]

Lectura Codicis, pars I, manoscritto, XV secolo. Stoccarda, Württembergische Landesbibliothek.

BiografiaModifica

Nacque tra il 1394 e il 1397 a Pavia, da una importante famiglia che era coinvolta nel governo della città.[1]

Studiò diritto presso la locale università, conseguendo il dottorato in civilistica ed entrando nel collegio dei dottori giuristi nel 1418. Dal 1417-18 insegnò stabilmente presso la sua università fino all'anno della morte,[1] interrompendo l'attività accademica tra il 1422 e il 1424 quando fu vicario del podestà di Verona.

Morì nel 1463 e fu sepolto a Pavia in una cappella della chiesa di Santa Maria del Carmine;[1] dopo il 1786 la sua lapide fu spostata nei portici della sede dell'Università[2]. In base alle sue volontà testamentarie, la sua dimora (Casa Sacco) fu trasmormata in un collegio per i poveri studenti oltramontani che frequentavano l'università.

OpereModifica

 
Artificialis memoriae ars, 1480

ManoscrittiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d DBI.
  2. ^ Lapide di Catone Sacco, su pellegrinidelsapere.unipv.eu. URL consultato il 16 marzo 2020.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17614929 · ISNI (EN0000 0000 3761 8198 · BAV 495/368343 · CERL cnp00287195 · LCCN (ENn2002045504 · GND (DE102426058 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002045504