Apri il menu principale

Cecilia Gonzaga

nobile, sorella di Ludovico III Gonzaga 1426-1451
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Cecilia Gonzaga (disambigua).
Cecilia Gonzaga
Pisanello, Cecilia Gonzaga, Medaille.jpg
Pisanello, Medaglia di Cecilia Gonzaga, recto.
Nobildonna
Stemma
Nascita Mantova, 1426
Morte Mantova, 1451
Luogo di sepoltura Mantova
Dinastia Gonzaga
Padre Gianfrancesco I Gonzaga
Madre Paola Malatesta
Religione Cattolicesimo
Marchesato di Mantova
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg

Gianfrancesco
Figli
Ludovico III
Federico I
Francesco II
Federico II
Figli
Modifica

Cecilia Gonzaga (Mantova, 1426Mantova, 1451) fu una nobildonna e religiosa italiana, figlia del primo marchese di Mantova Gianfrancesco I Gonzaga e di Paola Malatesta.

BiografiaModifica

Ultimogenita della coppia marchionale di Mantova, fu educata alla Ca' Zoiosa, la scuola umanistica fondata a Mantova da Vittorino da Feltre. Giovinetta di brillante intelligenza, si dice che all'età di sette anni conoscesse perfettamente il greco antico.

Perché non destinata a una politica matrimoniale, probabilmente per via di ristrettezze economiche che impedirono di crearle un dote adeguata, o perché, promessa sposa a Oddantonio II da Montefeltro, preferì la vita religiosa, dopo la morte del padre avvenuta nel 1444. Sciolto il contratto nuziale, il 2 febbraio 1445, accompagnata dai fratelli tra due ali di folla, entrò nel convento di Santa Lucia[1] a Mantova, dove rimase fino alla morte.

Cecilia è soprattutto famosa per la medaglia che il fratello le fece dedicare nel 1447, forse in compensazione delle sue sventure personali, da Pisanello, dove venne ritratta, sul recto, accanto a un unicorno, simbolo di purezza verginale. La medaglia, per l'eleganza e la purezza di motivi, è considerata il capolavoro dell'artista[2].

AscendenzaModifica

NoteModifica

  1. ^ Lombardia Beni Culturali. Convento di Santa Lucia, clarisse. (1380 - 1786).
  2. ^ AA.VV., L'opera completa di Pisanello, Rizzoli, Milano 1966, pag. 101.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica