Portale:Gonzaga

Portale Gonzaga.jpg
Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
La dinastia
Lo stemma dei Gonzaga dopo il 1530.

«Ad montem duc nos»

(Motto dei Gonzaga)

I Gonzaga sono stati una delle più note famiglie principesche d'Europa, protagonisti della storia italiana ed europea dal XIV al XVIII secolo.
Oltre ad aver dato i natali a un santo della chiesa cattolica, a quattordici cardinali e a dodici vescovi, essi godono di una grande fama per aver promosso per diverse generazioni la vita artistica e culturale. La dinastia dei Gonzaga mantenne un ruolo di primo piano nel contesto politico italiano ed europeo grazie ai loro ambasciatori e a un'abile politica matrimoniale, che aveva portato a rinsaldare i rapporti con l'Impero, la Spagna, il Mezzogiorno d'Italia e con le famiglie più in vista del tempo. Aumentarono ancora il proprio prestigio legandosi con la più importante famiglia reale europea, gli Asburgo, quando Eleonora Gonzaga divenne la prima imperatrice della casata sposando Ferdinando II.

Leggi la voce...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
In evidenza
Eleonora Gonzaga, arciduchessa d'Austria

Eleonora (I) Gonzaga (Mantova, 23 settembre 1598 – Vienna, 27 giugno 1655) fu moglie dell'imperatore Ferdinando II e arciduchessa d'Austria.
Nata a Mantova, nella cui corte trascorse l'infanzia, era figlia di Vincenzo I Gonzaga di Mantova e Eleonora de' Medici. Sposò il 2 febbraio 1622 ad Innsbruck l'imperatore Ferdinando II, la cui prima moglie Maria Anna di Baviera era morta nel 1616. Tuttavia i Gonzaga non beneficiarono come auspicato dalla loro unione matrimoniale con l'imperatore. Il messaggero inviato da Mantova riferì difatti subito dopo il matrimonio che questo era malvisto da alcuni suoi consiglieri. Ed infatti, nel 1630, nel corso della guerra di successione mantovana, gli eserciti imperiali conquistarono la residenza di Mantova e la devastarono.

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
I sovrani
Gianfrancesco Gonzaga

Gianfrancesco Gonzaga (1395 – Mantova, 25 settembre 1444) fu dapprima V Capitano del Popolo di Mantova dal 1407 al 1433, quindi primo marchese di Mantova dal 1433 alla morte. Gianfrancesco (o Gianfrancesco I), nato dal secondo matrimonio del padre Francesco, con Margherita Malatesta, al momento della morte del padre (avvenuta nel 1407) aveva solo 12 anni. Gianfrancesco venne riconosciuto signore di Mantova il 20 marzo 1407, e in attesa di raggiungere la maggiore età era stato nominato come tutore lo zio Carlo I Malatesta. Grazie alla politica filo-veneziana tenuta già dal padre e ora dallo zio, il piccolo Gianfrancesco venne posto sotto l'importante protezione della Serenissima (che inviò un contingente di 150 lance a protezione della città), che gli permise di trascorrere senza pericoli gli anni che lo separavano dalla maggiore età.

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Gli ecclesiastici
Il cardinale Ercole Gonzaga

Ercole Gonzaga (Mantova, 23 novembre 1505 – Trento, 2 marzo 1563) fu nominato cardinale della Chiesa cattolica da papa Clemente VII.Nacque a Mantova il 23 novembre 1505 da Francesco II Gonzaga e Isabella d'Este. Fu indirizzato alla carriera ecclesiastica dalla madre e già nel 1520 ebbe l'incarico di coadiutore della diocesi di Mantova, ceduta dallo zio cardinale Sigismondo Gonzaga.Nel conclave del 25 dicembre 1559 per solo cinque voti non divenne papa (Venne eletto Pio IV). Fu inoltre uno dei presidenti del concilio di Trento.

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
I palazzi
Palazzo Te: odierna entrata

Il Palazzo Te è un edificio monumentale di Mantova.

Costruito tra il 1524 e il 1534 su commissione di Federico II Gonzaga, è l'opera più celebre dell'architetto italiano Giulio Romano. Il complesso è oggi sede del museo civico e, dal 1990, del Centro Internazionale d'Arte e di Cultura di Palazzo Te che organizza mostre d'arte antica e moderna e d'architettura.

Verso la metà del XV secolo Mantova era divisa dal canale “Rio” in due grandi isole circondate dai laghi; una terza piccola isola, chiamata sin dal Medioevo Tejeto e abbreviata in Te, venne scelta per l’edificazione del Palazzo Te.

È possibile che il nome del palazzo derivi dal termine tilietum (località di tigli), dal latino atteggia (capanna) o dal termine gallico teza (tettoia) in memoria delle antiche e modeste abitazioni che erano state costruite nella zona.

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Ordine del Redentore
Collare dell'Ordine

L'Ordine del Redentore fu un ordine del ducato di Mantova. L'Ordine venne istituito a Mantova il 25 maggio 1608 dal duca Vincenzo I Gonzaga, con la divisa Domine probasti me, o Nihil hoc triste recepto. In realtà l'idea della fondazione di un ordine cavalleresco erano già pervenuti nella mente del duca l'anno precedente, ma egli decise di far sanzionare ecclesiasticamente l'ordine dal pontefice Paolo V e perciò le pratiche si protrassero sino all'anno successivo. Jean Hermant dà all'interno delle proprie opere alcuni accenni relativi a tale ordine e lo ricondurrebbe alla reliquia del sangue di Gesù conservata presso la Basilica di Sant'Andrea di Mantova. I cavalieri giuravano di difendere con le armi la dignità del Papa, la religione cattolica, l'onore delle dame, delle vedove e degli orfani.

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Araldica gonzaghesca

La dinastia gonzaghesca nella sua storia plurisecolare mutò il proprio stemma una settantina di volte.
Ludovico I Gonzaga, dopo la cacciata dei Bonacolsi, innalzò lo stemma Fasciato d'oro e di nero che accompagnerà per sempre l'arma dei Gonzaga. L'elemento più importante dello scudo, le aquile imperiali, verranno aggiunte nel 1433 dal marchese Gianfrancesco Gonzaga per concessione dell'imperatore Sigismondo.

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Gli Stati dei Gonzaga
Great coat of arms of the House of Gonzaga (post 1530).svg

Il ducato di Mantova fu uno stato preunitario italiano. Creato dal Marchesato di Mantova, esistette dal 1530 al 1797. Il 2 aprile 1707 gli austriaci prendevano possesso del ducato che quindi passò dai Gonzaga, che lo detenevano dall'inizio, agli Asburgo, che possedevano anche il ducato di Milano e con il quale era in continuità territoriale. L'ultimo duca Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers fu dichiarato decaduto dalla dieta di Ratisbona il 30 giugno 1708 e il territorio unito a Milano sotto diretto controllo degli austriaci, formando la cosiddetta "Lombardia austriaca".

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Le chiese
Basilica Palatina di Santa Barbara

La Basilica Palatina di Santa Barbara è la chiesa di corte inserita nel complesso del Palazzo Ducale di Mantova. Costruita su istanza del duca Guglielmo Gonzaga e su progetto dell'architetto mantovano Giovan Battista Bertani, l'opera fu edificata in due fasi, dal 1562 al 1567 e dal 1569 al 1572.

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Ville e castelli
Il Palazzo Ducale di Sabbioneta

Il Palazzo Ducale di Sabbioneta è un edificio storico di Sabbioneta, in provincia di Mantova che si affaccia su Piazza Ducale. Il Palazzo Ducale, o Palazzo Grande, fu il primo importante edificio ad essere costruito nella città ed era la sede dell'attività politica ed il centro del potere. Il Palazzo si affaccia su Piazza Ducale; i lavori di edificazioni furono compiuti in due fasi: dal 1558/1560 al 1568, anno della partenza di Vespasiano I Gonzaga per la Spagna, e dopo il 1578 in seguito al ritorno del duca dalla corte del re cattolico Filippo II di Spagna (Filippo era l'unico figlio illegittimo dell'imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V d'Asburgo).

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Le collezioni dei Gonzaga

Le collezioni Gonzaga sono storicamente le cospicue raccolte di opere d'arte commissionate e appartenute ai Gonzaga, un tempo esposte in Palazzo Ducale, in Palazzo Te, in Palazzo San Sebastiano e in altri edifici di Mantova e dintorni. Attualmente le opere d'arte appartenute ai Gonzaga sono disperse nei musei di tutto il mondo. Oltre alle opere pittoriche i signori di Mantova portarono nei palazzi ducali il meglio in materia di oreficeria, pietre preziose e mirabilia. Tra queste il Cammeo Gonzaga che dal 12 ottobre 2008 all'11 gennaio 2009 fu il pezzo più pregiato della mostra in Palazzo Te, Il Cammeo Gonzaga - Arti preziose alla corte di Mantova, che idealmente proseguiva l'esposizione della "Celeste Galeria".

Leggi la voce ...

Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Luoghi di sepoltura

La famiglia Gonzaga fece uso di diversi luoghi sacri per le proprie sepolture. Il ramo principale di Mantova utilizzò come pantheon queste chiese della città:

Molte di queste sepolture furono profanate nel corso dei secoli e le tombe di almeno cinque duchi, di cui non si conosceva l'esistenza, sono venute alla luce solo di recente (2007). Molti sepolcri restano ancora avvolti nel mistero, come il ritrovamento nel 1965 della tomba di Isabella d'Este nella chiesa di Santa Paola, i cui resti scomparvero dal sarcofago.

Leggi la voce ...