Cervus elaphus barbarus

sottospecie di animale della famiglia Cervidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cervo berbero
Cervus elaphus barbarus, Tierpark Berlin, 523-629.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Cervidae
Sottofamiglia Cervinae
Genere Cervus
Specie C. elaphus
Sottospecie C. e. barbarus
Nomenclatura trinomiale
Cervus elaphus barbarus
Bennett, 1833

Il cervo berbero (Cervus elaphus barbarus Bennett, 1833), detto anche cervo dell'Atlante, è una sottospecie di cervo nobile originaria del Nordafrica.

Recenti studi genetici indicano che è praticamente indistinguibile dai cervi che vivono in Sardegna e Corsica, attribuiti generalmente a una sottospecie a parte, il cervo sardo. Per questo motivo gli studiosi ritengono che su queste due isole mediterranee i cervi siano stati importati dal Nordafrica. Analisi più accurate, inoltre, suggeriscono che le due razze di cervo vadano raggruppate a costituire una specie a parte, Cervus corsicanus[1].

DescrizioneModifica

 
Cervo berbero in uno zoo tunisino

Il cervo berbero è una delle sottospecie più piccole di cervo nobile: raggiunge un'altezza al garrese di 90–140 cm e un peso di 100–225 kg. Il mantello estivo è rosso bruno con zampe giallastro chiaro; sul dorso alcune file di macchie bianche (tipiche dei giovani) persistono anche negli adulti; il pelo invernale è più lungo e grigio-bruno, con macchie poco evidenti. Il piccolo, oltre alla maculatura su dorso e cosce, presenta 1-2 file di macchie sulla gola. Durante il periodo degli amori il maschio ha collo rigonfio con criniera golare; i palchi possono avere 4-6 ramificazioni e un massimo di 8 punte, sono lunghi circa 80 cm, cadono ogni anno in inverno e ricrescono coperti di pelle caduca (velluto). Ha 4 mammelle e 34 denti con canini superiori, anche se piccoli, sempre presenti. Presenta ghiandole davanti agli occhi, tra le dita delle zampe posteriori e sotto la coda.

BiologiaModifica

Di giorno resta nel bosco e di sera esce in radure a pascolare; vive in branchi di femmine e giovani separati da quelli dei maschi. Da settembre a fine ottobre si verifica il periodo degli amori e i maschi bramiscono per sfidare i rivali e conquistarsi un branco di femmine; i duelli corna a corna possono essere molto violenti. Dopo una gestazione di 7-8 mesi la femmina partorisce uno o due piccoli, che rimangono nascosti tra la vegetazione per 2-3 settimane.

In passato il cervo berbero cadeva spesso preda di leoni berberi, orsi dell'Atlante e leopardi berberi, ma ora i primi due sono completamente estinti, mentre gli altri sono in pericolo di estinzione.

Distribuzione e habitatModifica

 
Cervi nel parco nazionale di El Feija (Tunisia)

Il cervo berbero è l'unico membro della famiglia dei Cervidi originario dell'Africa. Abita nella foresta mediterranea sempreverde di Algeria, Tunisia e Marocco[1]. In quest'ultimo Paese, in seguito alla caccia intensa, si era estinto, ma nel 1994, alcuni esemplari provenienti dalla Tunisia, sono stati reintrodotti in una apposita area recintata del Parco nazionale di Tazekka[2].

NoteModifica

  1. ^ a b Le programme d'espèces d'UICN et la Commission UICN de la sauvegarde des espèces et TRAFFIC. "Résumés des Analyses UICN/TRAFFIC des propositions d'amendement aux Annexes de la CITES pour la Quatorzième session de la Conférence des Parties", Retrieved on 2008-12-28.
  2. ^ (FR) Parc national de Tazekka – La flore et la faune, su tazekka.com. URL consultato il 26 ottobre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi