Charles Verlat

pittore e docente belga

Charles Verlat (Anversa, 25 novembre 1824Anversa, 23 ottobre 1890) è stato un pittore, docente e incisore belga, esponente del realismo pittorico.

Charles Verlat, Autoritratto Museo reale di belle arti di Anversa

BiografiaModifica

Michel Marie Charles Verlat si formò all'Accademia di belle arti di Anversa, sotto la guida di Nicaise de Keyser. Attratto dal realismo pittorico, si specializzò come nei soggetti storici e come animaista e si fece notare nel 1842, per la tela Pipino il Breve uccide un leone. Si trasferì nel 1849 a Parigi, dove fu accolto nell'atelier di Ary Scheffer. Fu premiato con una medaglia, all'Esposizione universale di Parigi del 1855, per il dipinto Tigre che attacca bufali. Nel 1858, al Salon de Paris espose Sgobbata del cavallo. Rimase a Parigi fino al 1868, stringendo legami di amicizia con il pittore neoclassico della scuola di Lione Hippolyte Flandrin, con Thomas Couture, nel cui atelier di formavano giovani talenti, in particolare con Gustave Courbet, il più noto esponente francese del movimento realista in pittura. Per il dipinto Madonna, presentato al Salon de Paris del 1867, Charles Verlat ottenne l'onorificenza di cavaliere della Legion d'onore.

 
Charles Verlat, Volpe e coniglio, 1857, Rijksmuseum Amsterdam

Su presentazione del granduca Carlo Alessandro di Sassonia-Weimar-Eisenach, nel 1869 fu chiamato a dirigere la Scuola di belle arti di Weimar. Insegnarono nella stessa scuola altri pittori belgi, tra cui Alexandre Struys, Willem Linnig il Giovane e Ferdinand Pauwels.

Charles Verlat si caratterizzò anche come ritrattista ed eseguì ritratti di esponenti dell'aristocrazia belga e anche di Franz Liszt. Il suo ultimo viaggio d'istruzione lo svolse fra il 1875 e il 1877, in Medio Oriente. Visitò in quel periodo l'Egitto, la Palestina, infine la Siria, dove si fermò due anni. Da questa lunga esperienza tornò in patria con disegni e con tele e si fece conoscere anche come pittore orientalista.

Nel 1877 fu scelto come professore di pittura all'Accademia reale di belle arti di Anversa, di cui fu nominato direttore nel 1885. Tra i suoi allievi, Frank Bramley ed Evert Larock.

Altre opereModifica

Sue opere si conservano anche al Letterenhuis di Anversa.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere della Legion d'onore
«Per il dipinto Madonna»
— 1867

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Si tratta di una tela di grandi dimensioni, composta da tele della stessa altezza e unite fra loro, il cui uso era rappresentare una grande scenario, detto panorama. Serviva per uno spettacolo, di gran moda a fine Ottocento.
  2. ^ La vignetta Le public poussant à la roue pour aider la charrette à sortir de l’Exposition de peinture (Il pubblico che spinge la ruota per aiutare la carretta ad uscire dall'Esposizione di pittura) è un riferimento satirico al dipinto Coup de collier (Sgobbata del cavallo) di Charles Verlat.

BibliografiaModifica

  • (FR) Emmanuel Benezit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs de tous les temps et de tous le pays par un groupe d'ecrivains specialistes francais et etrangers. Nouvelle ed. entierement refondue, rev. et corr. sous la direction des heritiers de E. Benezit, Paris, Grund, 1966, vol. 8, SBN IT\ICCU\CAG\0063127.
  • (FR) Norbert Hostyn, Willem Rappard, Dictionnaire des peintres de fleurs belges et hollandais nés entre 1750 et 1880, Knokke-Zoute, Berko, 1995, SBN IT\ICCU\LO1\0744383.
  • (FR) Christine A. Dupont, Modèles italiens et traditions nationales: les artistes belges en Italie, 1830-1914, Bruxelles-Roma, IHBR, 2005, p. 183, SBN IT\ICCU\BVE\0383783.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95862318 · ISNI (EN0000 0001 1879 7693 · Europeana agent/base/118346 · LCCN (ENnr2002032722 · GND (DE1011377616 · BNF (FRcb149402924 (data) · ULAN (EN500029271 · CERL cnp01286210 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2002032722