Apri il menu principale

Chiesa di Santa Maria di Loreto (Roma)

edificio religioso di Roma
Santa Maria di Loreto
Santa Maria di Loreto - Rome 2016.jpg
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria Santissima di Loreto
Diocesi Roma
ArchitettoAntonio da Sangallo il Giovane
Stile architettonicoRinascimentale
Inizio costruzione1507
Completamento1585

Coordinate: 41°53′45.47″N 12°29′01.52″E / 41.895964°N 12.483756°E41.895964; 12.483756

La chiesa di Santa Maria di Loreto è un luogo di culto cattolico del centro storico di Roma, patrocinato dal Pio Sodalizio dei Fornai, che ha sede ancora oggi nell'edificio adiacente; si trova nel rione Trevi, nei pressi della Colonna Traiana e della chiesa del Santissimo Nome di Maria al Foro Traiano.

Storia e descrizioneModifica

 
La cupola
 
L'interno

Opera di Antonio da Sangallo il Giovane, nella prima fase della sua attività.

Nel 1500 la "Congregazione dei Fornari" aveva ottenuto da papa Alessandro VI una piccola cappella che fu abbattuta per costruire la chiesa attuale. I lavori, su progetto di Sangallo furono iniziati nel 1507.

La chiesa si trova a pochissima distanza dalla colonna Traiana e insiste sui resti del Tempio del Divo Traiano, voluto dall'imperatore Adriano nel II secolo.

L'architettura è caratterizzata da paraste in travertino che risaltano sulle murature in mattone e ed è notevole per la grande bellezza delle proporzioni ed il nobile effetto prodotto con molta semplicità. Il progetto è infatti caratterizzato da volumi semplici sovrapposti: il corpo di fabbrica principale a pianta quadrata che è articolato con le nicchie e le paraste dell'ordine inferiore, sormontato dal volume ottagonale del tamburo scandito dall'ordine superiore. Il tutto è sormontato da una cupola, costituita da due calotte molto distanti tra loro, aggiunte da Giacomo Del Duca, allievo di Michelangelo (a partire dal 1582)[1]. La lanterna, dalla conformazione molto elaborata è stata soprannominata dal Milizia la "gabbia dei grilli"[2]. Sopra l'occhio del tamburo corrispondente all'ingresso principale è indicata in un cartiglio la data MDXCIII (1593), a indicare la conclusione dei lavori.

Sulla facciata c'è una Madonna della scuola di Andrea Sansovino mentre gli angeli che si trovano sulle porte laterali sono di Jacopo del Duca.

L'interno è di forma ottagonale con quattro cappelle con altari e la con la tribuna dell'altare maggiore in asse con l'entrata principale.

Nel XIX secolo l'edificio fu restaurato da Luca Carimini e completato con l'aggiunta della canonica di Giuseppe Sacconi, l'architetto del Vittoriano (1867-1873).

Un mosaico di Santa Caterina della Rota, eseguito dal Rossetti nel 1554, impreziosisce la nicchia laterale. Ai lati dell'altare centrale, due opere del manierismo italiano seicentesco, la Presentazione al Tempio di Filippo Micheli e il Sacro Cuore di Gesù di Giuliano Finelli, fanno da quinta all'icona della Madonna del Loreto, icona venerata fin dal XVI secolo, tradotta nella Chiesa ad essa dedicata per poi essere incoronata da Pio VII nel 1760: l'immagine è incorniciata dai nembi in marmo e dai raggi tipici del barocco. Una volta a botte decorata a cassettoni ricopre l'altare e un lucernario illumina la scena liturgica.

All'interno della chiesa è conservata la scultura raffigurante santa Susanna, una delle principali opere di François Duquesnoy, detto Il Fiammingo, da lui eseguita intorno al 1640.

Sulla cantoria di destra si trova l'organo a canne, iniziato nel 1870 da Matthias Scheible e portato a termine tra il 1871 e il 1873 Pietro Pantanella; racchiuso all'interno di una fastosa cassa lignea che riporta al centro la Santa Casa di Loreto, è integro nelle sue caratteristiche foniche originarie. Lo strumento è a trasmissione integralmente meccanica e dispone di 18 registri su due manuali e pedale.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ M. Villani, L'architettura delle cupole a Roma 1580-1670, Gangemi Editore, 2011
  2. ^ D. Angeli

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica