Apri il menu principale

Chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesù (Parma)

edificio religioso di Parma
Chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesù
Oratorio dei Rossi
Satna Teresa del BG - Parma.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàParma
Religionecristiana cattolica di rito romano
Titolaresanta Teresa
Diocesi Parma
ArchitettoGirolamo Rainaldi, Stefano Lolli ed Ernesto Piazza
Stile architettonicobarocco e neorinascimentale
Inizio costruzione1548
Completamento1864

Coordinate: 44°48′21.75″N 10°19′43.45″E / 44.806042°N 10.328736°E44.806042; 10.328736

La chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesù, detta anche della Trinità Nuova o oratorio dei Rossi, si trova in via Garibaldi a Parma.

StoriaModifica

La chiesa fu fondata dalla confraternita dei Rossi, così chiamata perché i sodali indossavano una cappa rossa, eretta nel 1584 nella chiesa della Santissima Trinità di Parma per l'assistenza ai pellegrini e ai convalescenti. I confratelli nel 1604 lasciarono la chiesa della Santissima Trinità e si insediarono in un piccolo oratorio presso la chiesa di San Barnaba, dove nel 1617 fondarono la chiesa della Trinità Nuova.

La chiesa fu ampliata una prima volta nel 1636 sotto la direzione di Girolamo Rainaldi, poi nel 1685 su progetto di Stefano Lolli e ancora nel 1693.

Il 1º luglio 1920 la chiesa passò ai carmelitani scalzi: il 1º luglio 1973 la chiesa fu eretta in parrocchia con il titolo di Santa Teresa del Bambino Gesù e la cura d'anime fu affidata ai frati.

DescrizioneModifica

La chiesa è a navata unica, con tre cappelle laterali per parte. La terza cappella a sinistra, più grande rispetto alle altre, riproduce la santa Casa di Loreto.

La facciata neorinascimentale a bugne di marmo fu eseguita su disegno di Ernesto Piazza tra il 1862 e il 1864. Il bassorilievo nella lunetta sulla porta d'ingresso, raffigurante la Trinità, è di Antonio Ilarioli. La decorazione a stucco dell'interno fu realizzata da Domenico Reti nel XVII secolo.

Il dipinto ovale dell'altare maggiore rappresenta la Trinità ed è opera del pittore Giovan Battista Borghesi: la tela è inserita in un'ancona in stucco con colonne tortili in marmo. La chiesa conserva anche dipinti di Alessandro Tiarini, Giulio Cesare Amidano e Vincenzo Campi.

OrganoModifica

Sulla prima cantoria a sinistra dell'altar maggiore, si trova la cassa dell'organo costruito dall'organaro bergamasco Giuseppe Serassi nel 1788, pesantemente snaturato e modificato con l'aggiunta di un secondo manuale dall'organaro Pietro Gazza all'inizio del XX sec.. Attualmente (2013), in seguito ai lavori intorno agli anni '70 dello scorso secolo di restauro ed ampliamento da parte della ditta milanese Corno possiede due consolle: una di provenienza sconosciuta in cantoria e una nuova ubicata davanti alla riproduzione della Santa Casa, dirimpetto alla cantoria con l'organo.

BibliografiaModifica

  • Felice da Mareto, Chiese e conventi di Parma, Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, Parma 1978. p. 125.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica