Chorizo

insaccato secco di maiale, originario della penisola iberica
Chorizo
Palacioschorizo.jpg
Origini
Altri nomichorizu (in asturiano)
txorizo (in basco)
xoriço (in catalano)
chouriço (in portoghese)
Luoghi d'origineSpagna Spagna
Portogallo Portogallo
DiffusioneSudamerica
India
Dettagli
Categoriasalume
Ingredienti principalicarne bovina
carne suina
spezie

Il termine spagnolo chorizo (chouriço in portoghese, chorizu in asturiano, chourizo in galiziano, xoriço in catalano, txorizo in basco) indica numerosi tipi di insaccati e salsicce, di solito a base di carne bovina, suina e speziati con paprica, tipici della penisola iberica (Portogallo, Spagna e Andorra) e di alcune ex colonie spagnole (Argentina, Uruguay, Porto Rico, Repubblica Dominicana, Filippine, Colombia, Messico).

CaratteristicheModifica

 
Insaccati portoghesi: chouriços (a sinistra) e farinheiras

Caratteristica del chorizo è che la carne di maiale non è macinata ma tritata in modo grossolano, e condita, oltre al sale, con paprica dolce o piccante. È proprio la paprica a dare al salame il caratteristico colore rosso e sapore[1].

Il chorizo vela ha una forma sottile e allungata ed è condito con paprica piccante. Il morcón de chorizo ha una forma tozza e grossa, è insaccato nell'intestino cieco ed è condito con aglio e paprica dolce.

Chorizo RiojanoModifica

Il «Chorizo Riojano» è una salsiccia a forma di ferro di cavallo priva di additivi, di categoria extra, prodotta nella comunità autonoma di La Rioja, Spagna.

I chorizo IGP hanno forma a ferro di cavallo e sono più o meno cilindrici, con un diametro di 30-40 mm e un peso minimo di 200 grammi. L’aroma - in cui prevale la paprica accompagnata da note di aglio - è equilibrato, intenso e persistente, senza odori rancidi o acri. Sono prodotti con carne di maiale e grasso particolarmente adatti alla stagionatura, compresa carne di maiale magra di suino maschio castrato o di scrofa.

Tradizionalmente, sugli altipiani di La Rioja i primi freddi segnavano il momento di un’usanza annuale: l’uccisione del maiale e la preparazione, con la carne, dei chorizo in quantità sufficiente per tutto l’anno, in modo da durare fino alla vendemmia dell’autunno successivo. L’esperienza degli abitanti della regione nella preparazione e nella stufatura di questo prodotto assumeva quindi particolare importanza. Ancor oggi queste tecniche sono comunemente impiegate in varie località isolate, in particolare nelle zone montane di La Rioja.[2]

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàBNE (ESXX556240 (data)