Apri il menu principale
Cicerata
Purciddhruzzu.jpg
un dolce molto simile
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneBasilicata
Zona di produzioneBasilicata e Calabria1
Dettagli
Categoriadolce
RiconoscimentoP.A.T.
Settoreprodotti della pasticceria
Ingredienti principali
  • farina
  • uova
  • farina
  • olio
  • miele
[1]
Altre informazioni1in Calabria non è registrato come "prodotto agroalimentare tradizionale" ai sensi dell'art. 8 del D.lgs. 30 aprile 1998, n. 173, ma è comunque molto diffuso e conosciuto.
 

La cicerata, detta anche cicirata o cicirchiata, è un dolce natalizio riconosciuto tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani per la regione Basilicata ma molto diffusa anche in Calabria e, più in generale, in tutto il Mezzogiorno dove la sua tradizione tende a confondersi con quella degli struffoli, della pignolata, delle carteddàte e della cicerchiata[2]. L'etimologia del nome "cicerata" deriva da cece (cicer in latino) mentre quella della cicerchiata, con la quale si crea un'assonanza che potrebbe trarre in inganno, deriva da cicerchia[1].

Si tratta di una grossa ciambella composta incollando con un particolare sciroppo tante palline di pasta fritte. Queste palline, simili ai ceci, vengono prodotte con un impasto di farina, uova, mandorle tostate ridotte in polvere. Lo sciroppo viene prodotto con miele, cioccolato fondente fuso e cacao; possono essere aggiunti pezzettini di frutta candita.

NoteModifica

  1. ^ a b I dolci delle feste, Touring Editore, 2004, p. 70, ISBN 978-88-365-3063-2.
  2. ^ Amparo Machado, Chiara Prete, 1001 specialità della cucina italiana da provare almeno una volta nella vita, Newton Compton Editori, 2015, p. 49, ISBN 88-541-8648-1.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina