Corvus validus

specie di uccello
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cornacchia beccolungo
Naturalis Biodiversity Center - RMNH.AVES.90612 c T - Corvus validus Bonaparte, 1850 - Corvidae - skin - preserved specimen.jpeg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Corvida
Superfamiglia Corvoidea
Famiglia Corvidae
Genere Corvus
Specie C. validus
Nomenclatura binomiale
Corvus validus
Bonaparte, 1850

La cornacchia beccolungo o corvo beccolungo, noto anche come cornacchia delle Molucche o corvo delle Molucche (Corvus validus Bonaparte, 1850) è un uccello passeriforme della famiglia dei corvidi[2].

EtimologiaModifica

Il nome scientifico della specie, validus, deriva dal latino e significa "robusto", in riferimento alla taglia e all'aspetto di questi uccelli.

DescrizioneModifica

 
Veduta laterale di esemplare impagliato.
 
Veduta ventrale di esemplare impagliato.

DimensioniModifica

Misura 46–53 cm di lunghezza, per 300 g di peso[3].

AspettoModifica

i tratta di uccelli dall'aspetto robusto ma slanciato, muniti di testa arrotondata con becco conico, allungato (da cui il nome comune della specie), appuntito e lievemente ricurvo verso il basso, con collo robusto, ali digitate, zampe forti e coda squadrata e piuttosto corta.

Il piumaggio è interamente di colore nero lucido, più scuro su testa, ali e coda e lievemente più opaco su dorso, petto e ventre.
I due sessi sono simili nell'aspetto e nella colorazione.

Il becco e le zampe sono anch'essi di colore nero: gli occhi sono invece di un caratteristico colore azzurro-grigio.

BiologiaModifica

Si tratta di uccelli diurni e moderatamente gregari, che vivono in gruppi di una decina d'individui, generalmente a base familiare: essi passano gran parte della giornata nella canopia o fra i rami alti, muovendosi alla ricerca di cibo e facendo ritorno sul far della sera verso i rami di un albero alto dove passare la notte al riparo dai predatori.

Si tratta di uccelli vocali e chiassosi come un po' tutti i corvidi: il richiamo del corvo beccolungo è un gracchio nasale e piuttosto fluido.

AlimentazioneModifica

Si tratta di uccelli onnivori, la cui dieta è composta perlopiù di frutta, bacche e semi, comprendendo anche una buona percentuale di insetti ed altri invertebrati, nonché più sporadicamente piccoli vertebrati e uova.

RiproduzioneModifica

Mancano informazioni circa la riproduzione del corvo beccolungo: tuttavia, si ha motivo di ritenere che essa non differisca in maniera significativa, per modalit e tempistica, da quanto osservabile nelle altre specie di corvo.

Distribuzione e habitatModifica

Il corvo beccolungo è endemismo delle Molucche settentrionalinell'estremità orientale dell'Indonesia: la specie popola le isole di Halmahera, Kayoa, Obira e Bacan.

L'habitat di questi uccelli è rappresentato dalla foresta pluviale di pianura e di collina, con predilezione per le aree di foresta primaria, sebbene localmente li si possa incontrare anche nella foresta secondaria, purché matura e con buona copertura arborea.

NoteModifica

  1. ^ (EN) BirdLife International 2014, Corvus validus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Corvidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) Long-billed Crow (Corvus validus), su Handbook of the Birds of the World. URL consultato il 30 ottobre 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli