Apri il menu principale
Cotonou
comune
Cotonou – Veduta
Localizzazione
StatoBenin Benin
DipartimentoLitorale
Amministrazione
SindacoLehadi Vinagnon Soglo dal 2015
Territorio
Coordinate6°21′00″N 2°25′59.88″E / 6.35°N 2.4333°E6.35; 2.4333 (Cotonou)Coordinate: 6°21′00″N 2°25′59.88″E / 6.35°N 2.4333°E6.35; 2.4333 (Cotonou)
Altitudinem s.l.m.
Superficie79 km²
Abitanti719 912 (2006)
Densità9 112,81 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Benin
Cotonou
Cotonou
Sito istituzionale

Cotonou è la città più popolosa del Benin.

Situata nella parte sud-orientale del paese, tra l'Oceano Atlantico e il lago Nokoué (dipartimento di Littoral), ha una popolazione di 719.912 abitanti (stima 2006)[1]. Benché la capitale ufficiale del Benin sia Porto-Novo, Cotonou è considerata la capitale economica del paese: qui hanno sede il palazzo presidenziale, gran parte dei servizi governativi e le sedi diplomatiche.

EtimologiaModifica

In lingua fon Kùtɔ́nû significa imboccatura del fiume della morte.

StoriaModifica

Fin dal XVIII secolo Cotonou era dominata dal regno del Dahomey. Nel 1851 i francesi fecero un trattato con il re del Dahomey Gezo che permetteva loro di utilizzare Cotonou come base commerciale per i loro commerci nella zona. Nel 1883 la marina francese occupò la città, anticipando così le forze inglesi. Cotonou dà il nome alla Convenzione di Cotonou, firmata nel 2000.

EconomiaModifica

Le manifatture della città producono olio di palma, birra, manufatti tessili e cemento. Qui si assemblano autoveicoli e biciclette e sono presenti anche delle segherie. Si esportano prodotti petroliferi, la bauxite ed il ferro.

A Cotonou si trovano inoltre il principale porto del Benin e l'aeroporto internazionale. Un altro polo di attrazione della città è il celebre mercato di Dantokpa, il più grande mercato a cielo aperto dell'Africa Occidentale.

Infrastrutture e trasportiModifica

FerrovieModifica

La città è collegata tramite una linea ferroviaria a Parakou.

AeroportiModifica

Cotonou è sede del più importante e trafficato aeroporto nazionale, l'Aeroporto Internazionale Cardinal Bernardin Gantin-Cadjehoun, che consente di raggiungere alcuni dei maggiori scali nazionali, è inoltre l'unico scalo aeroportuale internazionale dal quale è possibile raggiungere alcuni dei maggiori aeroporti africani, l'Europa, in Belgio e Francia, e la Turchia. La struttura è intitolata al cardinale Bernardin Gantin, figura di spicco nel mondo ecclesiastico del Benin.

 
Quartiere del porto

Mobilità urbanaModifica

Lungo le strade di questa città scorrazzano gli originali moto-taxi chiamati zémigiàn (dal fon "prendimi e portami là"). Sono distinguibili dalla casacca gialla del motociclista.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Cotonou è gemellata con:

NoteModifica

  1. ^ Stima popolazione nel 2006 da GeoHive, su geohive.com. URL consultato il 30 ottobre 2012.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN141929622 · LCCN (ENn83040649 · GND (DE4264312-0 · BNF (FRcb11883016f (data) · WorldCat Identities (ENn83-040649
  Portale Africa Occidentale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di africa Occidentale