Apri il menu principale
Cottbus
Città extracircondariale
(DE) Cottbus
(DSB) Chóśebuz
Cottbus – Stemma Cottbus – Bandiera
Cottbus – Veduta
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandFlag of Brandenburg.svg Brandeburgo
DistrettoNon presente
CircondarioNon presente
Territorio
Coordinate51°45′38″N 14°20′03″E / 51.760556°N 14.334167°E51.760556; 14.334167 (Cottbus)Coordinate: 51°45′38″N 14°20′03″E / 51.760556°N 14.334167°E51.760556; 14.334167 (Cottbus)
Altitudine76 m s.l.m.
Superficie164,28 km²
Abitanti99 913[1] (31-12-2012)
Densità608,19 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale03042-03055
Prefisso0355
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis12 0 52 000
TargaCB
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Cottbus
Cottbus
Cottbus – Mappa
Sito istituzionale

Cottbus (sino agli inizi del XX secolo nota anche con la grafia di Kottbus, in basso sorabo Chóśebuz) è una città extracircondariale di 99 913 abitanti situata nel Land di Brandeburgo, in Germania. La targa automobilistica è CB.

È la seconda città del Land, dopo la capitale Potsdam.

Indice

Geografia fisicaModifica

Cottbus è situata sulle rive della Sprea, presso la foresta dello Spreewald, a 125 km a sud-est di Berlino.

StoriaModifica

L'insediamento di Cottbus è stato stabilito nel X secolo, quando i Sorbi eressero un castello su un'isola di sabbia nel fiume Sprea. La prima menzione scritta del nome della città è stata nel 1156. Nel XIII secolo dei coloni tedeschi si stabilirono nella città e, successivamente, vissero fianco a fianco con i Sorbi. Nel medioevo Cottbus era nota per la produzione di lana e tendaggi, che venivano esportate in tutto il Brandeburgo, Boemia e Sassonia. Nel 1462 Cottbus è stata acquisita dalla Margraviato di Brandeburgo, mentre nel 1701 la città divenne parte del Regno di Prussia, come exclave nell'elettorato di Sassonia.

Nel 1815 i distretti circostanti di Alta e Bassa Lusazia sono stati ceduti dal Regno di Sassonia alla Prussia. Dal 1949 fino alla riunificazione tedesca nel 1990, Cottbus faceva parte della Repubblica Democratica Tedesca. Nel 1993 vennero annessi alla città i comuni di Branitz, Dissenchen, Döbbrick, Kahren, Merzdorf, Sielow e Willmersdorf.[2] Nel 2003 vennero annessi alla città i comuni di Groß Gaglow, Gallinchen e Kiekebusch.[3]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Nella città si trova il parco Branitz, concepito nel 1850 da Hermann von Pückler-Muskau su modello dei parchi inglesi.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti

www.statistik-berlin-brandenburg.de/.. 


CulturaModifica

Cottbus è uno dei centri principali della minoranza lusaziana inferiore. I cartelli stradali sono bilingui, vi è un liceo dove il lusaziano viene insegnato, ma capita raramente di sentire parlare lusaziano gli abitanti di Cottbus. Una delle sue più illustri cittadine è stata la prima fotografa professionale tedesca, Bertha Wehnert-Beckmann, che qui nacque nel 1815.

Geografia antropicaModifica

 
Suddivisione amministrativa

Cottbus è divisa nei 19 quartieri (Stadtteil) di Mitte/Srjejź, Sandow/Žandow, Merzdorf/Žylowk, Dissenchen/Dešank, Branitz/Rogeńc, Kahren/Kórjeń, Kiekebusch/Kibuš, Spremberger Vorstadt/Grodkojske pśedměsto, Madlow/Módłej, Sachsendorf/Knorawa, Groß Gaglow/Gogolow, Gallinchen/Gołynk, Ströbitz/Strobice, Schmellwitz/Chmjelow, Saspow/Zaspy, Skadow/Škódow, Sielow/Žylow, Döbbrick/Depsk e Willmersdorf/Rogozno.[4]

Di questi, Branitz, Dissenchen, Döbbrick, Gallinchen, Groß Gaglow, Kahren, Kiekebusch, Merzdorf, Sielow, Skadow e Willmersdorf hanno lo status di frazione (Ortsteil) e sono amministrati da un consiglio locale (Ortsbeirat).[5]

AmministrazioneModifica

Il consiglio comunale conta attualmente, oltre al sindaco, 50 membri. Le ultime elezioni comunali si sono svolte il 28 settembre 2008.

GemellaggiModifica

Cottbus è gemellata con[6]:

SportModifica

La squadra di calcio cittadina è l'Energie Cottbus che vanta sei partecipazioni alla Bundesliga, l'ultima nella stagione 2008-2009. Gioca le sue partite interne nello Stadion der Freundschaft.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN248536408 · GND (DE4070126-8
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania