Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo di Philip K. Dick, vedi Cronache del dopobomba.
Cronache del dopobomba
fumetto
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
TestiFrancesco Guccini
DisegniBonvi
1ª edizione1973
Genereumoristico, fantascienza

Cronache del dopobomba è un fumetto di genere fantascientifico apocalittico del 1973 realizzato dal cantautore Francesco Guccini e dal fumettista Bonvi che descrive un ipotetico futuro dopo l’esplosione della bomba atomica[1][2]. Si tratta di un'opera diversa dalle precedenti dell'autore, caratterizzata da un segno più espressionistico e inquietante. La visione del mondo dopo la catastrofe non lascia spazio a falsi ottimismi e l'umanità è rappresentata in tutta la sua abiezione.[3]

Indice

Storia editorialeModifica

La serie esordì sulla rivista Undercomics della Editoriale Dardo nel giugno 1973.[4][2][5] A causa dei temi crudi e delle situazioni rappresentate (che oscillano tra la drammaticità di un mondo post olocausto atomico e l'assurdità delle situazioni descritte, con uomini che si uccidono per una scatoletta vuota o perché di fedi politiche differenti), l'opera, disegnata nel 1973, non fu apprezzata in Italia, ma fu comunque pubblicata con continuità in Francia nel 1974[5] e in Italia venne ripubblicate solo successivamente[3] sulla rivista Eureka dell'Editoriale Corno a partire dal 1975 e in seguito venne ristampata più volte in volume (nel 1980 ci fu una edizione in volume edita da Savelli Editori) e negli anni ottanta sulle riviste L'Eternauta e Be Bop Alula[1] e poi sul mensile Sturmtruppen[6]. Bonvi continuerà a lavorarci fino al 1993 realizzando complessivamente 74 storie che vennero poi in parte raccolte in due volumi editi dalla Granata Press, Cronache del dopobomba (1991) e Nuove cronache del dopobomba (1992)[7].[8][5] Una selezione di storie venne pubblicata nel 2009 nella collana "I maestri del fumetto" edito da Mondadori.[5][9]

Premi e riconoscimentiModifica

  • Alla I edizione del Festival di Angoulême vince il Prix International St. Michel.[10] Questa affermazione, però, potrebbe non rispondere al vero: il premio citato di norma non viene assegnato ad Angouleme ma a Bruxelles e non risulta essere mai stato attribuito a Bonvi[senza fonte].

NoteModifica

  1. ^ a b LE CRONACHE DEL DOPOBOMBA, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 7 marzo 2017.
  2. ^ a b FFF - BONVI, su www.lfb.it. URL consultato il 7 marzo 2017.
  3. ^ a b Cronache del dopobomba - Fumetto di Bonvi sul futuro post-nucleare, su www.slumberland.it. URL consultato il 30 novembre 2018.
  4. ^ UNDERCOMICS, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 7 marzo 2017.
  5. ^ a b c d Bonvi Team, L'universo di bonvi, su www.bonvi.it. URL consultato il 30 novembre 2018.
  6. ^ Sturmtruppen, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 7 marzo 2017.
  7. ^ Guida Fumetto Italiano, Guida Fumetto Italiano, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 30 novembre 2018.
  8. ^ Umori, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 7 marzo 2017.
  9. ^ (EN) www.bibliopolis.com, Cronache del dopobomba by Bonvi on Parigi Books, su Parigi Books. URL consultato il 30 novembre 2018.
  10. ^ uBC, su www.ubcfumetti.com. URL consultato il 30 novembre 2018.

Collegamenti esterniModifica