Apri il menu principale

Da Quarto a Torino

romanzo scritto da Luciano Bianciardi

«Il libro, sin dal titolo, non è certo spassionato, e forse nemmeno obiettivo: insomma io sto dalla parte di Garibaldi, non di Cavour, anche se poi ebbe ragione il secondo.»

(Luciano Bianciardi nell'introduzione al libro)
Da Quarto a Torino
Breve storia della spedizione dei Mille
AutoreLuciano Bianciardi
1ª ed. originale1960
GenereNarrativa/Saggistica
Lingua originaleitaliano
AmbientazioneItalia risorgimentale

Da Quarto a Torino. Breve storia della spedizione dei Mille è un libro del 1960 dello scrittore Luciano Bianciardi.

È la terza opera dell'autore grossetano, primo del filone risorgimentale bianciardiano, tema molto caro allo scrittore che svilupperà nei successivi La battaglia soda (1964), Daghela avanti un passo! (1969) e Garibaldi (1972).[1] L'opera si presenta come un ibrido a metà tra la narrativa e il saggio di divulgazione storica.[1]

La Feltrinelli intendeva pubblicare un'opera che raccontasse la spedizione dei Mille in occasione del centenario dell'unità d'Italia[2] e aveva inizialmente incaricato lo scrittore Manlio Cancogni, il quale dovette però rinunciare a favore della sua nomina a corrispondente da Parigi dell'Espresso; l'incarico fu passato a Bianciardi, che Cancogni sapeva particolarmente interessato alla storia risorgimentale.[3] Bianciardi dedicò infatti l'opera al padre Atide,[2] il quale aveva avviato l'interesse del figlio per il Risorgimento regalandogli una copia del libro I Mille di Giuseppe Bandi, garibaldino maremmano.[4]

TramaModifica

Il libro ripercorre le vicende di Garibaldi e della spedizione dei Mille che hanno portato all'unità d'Italia.[1]

EdizioniModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Gianmario Anselmi, Gabriella Fenocchio, Ezio Raimondi, Tempi e immagini della letteratura. Volume 6: il Novecento, Torino, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori, 2004, p. 971.
  2. ^ a b Pino Corrias, Vita agra di un anarchico, Milano, Feltrinelli, 2011, pp. 156–157.
  3. ^ Manlio Cancogni, La mia amicizia con Bianciardi in AAVV, Luciano Bianciardi. Tra neocapitalismo e contestazione, Roma, Editori Riuniti, 1992.
  4. ^ Elena Papadia, «Luciano Bianciardi», in Lauro Rossi, Giuseppe Garibaldi: due secoli di interpretazioni, Roma, Gengemi Editore, 2010, pp. 57–60.

BibliografiaModifica

  • Massimo Coppola, Alberto Piccinini (a cura di), L'antimeridiano. Opere complete. Volume primo, Isbn Edizioni & ExCogita, Milano, 2005.
  • Tullio De Mauro, Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Nadia Fusini, Narrare la storia. Dal documento al racconto, Milano, Mondadori, 2006.
  • Elena Papadia, «Luciano Bianciardi», in Lauro Rossi, Giuseppe Garibaldi: due secoli di interpretazioni, Roma, Gengemi Editore, 2010, pp. 57–60.
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura