Apri il menu principale

Daihatsu Terios

autovettura del 1997 prodotta dalla Daihatsu
Daihatsu Terios
Daihatsu Terios.jpg
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Daihatsu
Tipo principale Sport Utility Vehicle
Produzione dal 1997
Sostituisce la Daihatsu Feroza
Euro NCAP (2008[1]) 4 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4060 mm
Larghezza da 1700 a 1750 mm
Altezza da 1690 a 1740 mm
Massa da 1170 a 1190 kg
Altro
Auto simili DR5
Fiat Sedici
Mitsubishi Pajero Pinin
Suzuki Jimny e SX4
UAZ 469
Daihatsu Terios rear.jpg

La Daihatsu Terios è un SUV compatto di segmento B costruito dalla Daihatsu dal 1997. Presentato nei vari mercati sotto diversi nomi, rappresenta il modello destinato a sostituire la Feroza. Al termine del 2017 ne è stata presentata la terza serie.

Indice

Prima generazione (1997-2005)Modifica

La prima serie fu prodotta dal 1997 al 2005. È stata commercializzata con diversi nomi e marchi: Toyota Cami, Dario Terios (in Cina), Daihatsu Taruna (in Indonesia), Perodua Kembara (in Malaysia).

In Cina viene prodotto lo "Zotye 2008" che sembra una copia di questa serie della Terios. La prima serie era disponibile con carrozzeria 5 porte "Station Wagon"

La prima serie era disponibile sempre con carrozzeria 5 porte con tre differenti allestimenti la versione SX la più completa, la CX e la versione DB denominata "Autocarro", la motorizzazione era unica (1.3 CV) ma nel tempo in due diverse evoluzioni.

Le motorizzazioni prodotte sono state tre, le prime due per il mercato europeo, la terza per il mercato asiatico e paesi latini:

  • J100 - prodotta dal 1997 al 1999, Motore "HC-EJ" SOHC 1295cc 16v, potenza massima 83Cv a 6500rpm. 107m circa di coppia massima a 5000rpm, Distribuzione a Cinghia.
  • J102 - prodotta dal 2000 al 2005, Motore "K3-VE" DOHC 1297cc 16v, potenza massima 86Cv a 6000rpm, 120Nm circa di coppia massima a 3200rpm, Distribuzione a catena

Seconda generazione (2006-2017)Modifica

 
Frontale della seconda serie

La seconda serie è stata presentata ai vari saloni nella parte finale del 2005 e venduta dal 2006 con diversi nomi: oltre a Daihatsu Terios, Daihatsu Be-go (in Giappone, Cina e Costa Rica) e Toyota Rush.

Era disponibile in due versioni di passo e quella a passo lungo poteva ospitare sette passeggeri; il motore era motore anteriore e la trazione era o posteriore o integrale.

Oltre al propulsore da 1,3 litri era disponibile un nuovo motore da 1,5 l e 105 CV. Grazie alle dimensioni compatte la seconda serie è molto agile in città e grazie alla trazione integrale, permanente con la possibilità di inserire il blocco del differenziale centrale, se la cava discretamente anche nel fuoristrada.

Nel 2008 è stata sottoposta ai crash test dell'Euro NCAP, ottenendo il punteggio di quattro stelle per quanto riguarda la sicurezza automobilistica[1].

Interrotta la distribuzione europea di tutta la gamma Daihatsu nel 2013, il modello ha continuato ad essere venduto sui mercati asiatici fino al 2017.

MotorizzazioniModifica

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
cm³
Potenza Coppia max Emissioni CO2
(g/km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
1.5 2WD B dal 2006 Benzina 1495 75 kW (102 Cv) 135 (Nm) 164 11,8 160 14,1
1.5 4WD B dal 2006 Benzina 1495 75 kW (102 Cv) 135 (Nm) 173 12,4 160 13,5
1.5 4WD B O/F dal 2006 Benzina 1495 77 kW (105 Cv) 135 (Nm) 170 12,4 160 13,0

Terza generazione (dal 2017)Modifica

 
La terza generazione della Terios

La terza generazione della Terios viene progettata insieme a Toyota esclusivamente per i mercati emergenti asiatici; la Daihatsu si era ritirata dal mercato europeo a causa di problemi finanziari e di conseguenza la nuova generazione della fuoristrada venne appositamente costruita per le esigenze dei paesi emergenti (dove già in passato era prodotta nelle versioni specifiche con carrozzeria allungata a passo lungo e sette posti).

Sviluppata in poco più di tre anni (nome in codice F800) il design definitivo venne approvato già nel 2015 ed è opera di Mark Widjaja e Eiji Fujibayashi. Il principale obiettivo era di ridurre i costi di produzione, anche a causa della mancanze della versione europea che assorbiva gran parte della produzione; venne abbandonata la trazione integrale e venne adottato un pianale di base non è più a longheroni ma a monoscocca in acciaio con motore longitudinale e trazione posteriore, piattaforma di origine Toyota già utilizzata sul monovolume Avanza. Il passo viene allungato fino a 2,685 metri e la carrozzeria ha una lunghezza di 4,435 metri (poco più grande della vecchia Grand Terios a sette posti). L’influenza Toyota è visibile nello stile della carrozzeria che possiede un design caratterizzato da linee spigolose e taglienti tipiche del nuovo corso stilistico della casa giapponese; la Terios infatti continuerà ad essere commercializzata anche come Toyota Rush in alcuni mercati asiatici.

Il motore disponibile è il quattro cilindri 1.5 sedici valvole Toyota 2NR-VE alimentato a benzina con fasatura variabile VVT-i erogante 103 cavalli accoppiato ad un cambio manuale a 5 rapporti o automatico a 4 rapporti.

La produzione parte nel novembre 2017 presso lo stabilimento di Karawang in Indonesia appartenente alla divisione Astra-Daihatsu Motor e nel 2018 viene avviata anche nello stabilimento di Rawang in Malaysia appartenente alla Perodua. In Giappone la terza serie non viene più venduta.

NoteModifica

  1. ^ a b Test Euro NCAP del 2008, su euroncap.com. URL consultato il 18 dicembre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili