Apri il menu principale

Danièle Thompson

sceneggiatrice e regista francese

BiografiaModifica

Figlia del regista Gérard Oury e dell'attrice Jacqueline Roman, è autrice di molti importanti successi popolari del cinema francese, compresi quelli diretti dal padre, a partire da Tre uomini in fuga (La grande vadrouille) (1966). Ha partecipato alla scrittura, fra gli altri, di Il tempo delle mele (La boum) (1980) e dei suoi seguiti.

È stata nominata cinque volte ai Premi César, quattro per la migliore sceneggiatura (nel 1995 per La regina Margot, nel 1999 per Ceux qui m'aiment prendront le train, nel 2000 per Pranzo di Natale e nel 2007 per Un po' per caso, un po' per desiderio) e una nel 2000 per la miglior opera prima per Pranzo di Natale, con cui ha esordito alla regia e con cui ha vinto il Premio Lumière per la migliore sceneggiatura.

Nel 2010 ha firmato con Isabelle Adjani, Paul Auster, Isabelle Huppert, Milan Kundera, Salman Rushdie, Mathilde Seigner e Jean-Pierre Thiollet una petizione a favore della liberazione di Roman Polański[1].

FilmografiaModifica

SceneggiatriceModifica

RegistaModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22328945 · ISNI (EN0000 0001 2277 403X · LCCN (ENn90655718 · GND (DE137502265 · BNF (FRcb13900420v (data) · NDL (ENJA00458651 · WorldCat Identities (ENn90-655718