Apri il menu principale

Davide Longo (Carmagnola, 1971) è uno scrittore italiano.

BiografiaModifica

Nato a Carmagnola nel 1971, vive e lavora a Torino dove insegna scrittura alla scuola Holden.

Nel 2001 ha pubblicato per la Marcos y Marcos il romanzo Un mattino a Irgalem con il quale ha vinto il Premio Grinzane opera prima e il Premio Via Po. Dello stesso anno è il libro per bambini Il laboratorio di Pinot.

Nel 2004 è uscito il suo secondo romanzo il Mangiatore di pietre (Marcos y Marcos), Premio Città di Bergamo e del Premio Viadana. E’ regista di documentari (Carmagnola che resiste, Memorie dell’altoforno), autore di testi teatrali (Pietro fuoco e cobalto, Il lavoro cantato, Ballata di un amore italiano, About Fenoglio) e autore radiofonico per RadioRai (Centolire, Luoghi non comuni). Ha scritto per Repubblica, Avvenire, Slow Food, Donna, GQ, Travel, Alp, il quotidiano olandese Ncr.next e la rivista tedesca ADAC. Del 2006 è La vita a un tratto, ed. Corraini. Nel 2007 ha curato per Einaudi l’antologia Racconti di montagna, e pubblicato per Corraini il libro E più non dimandare, realizzato con il pittore Valerio Berruti.

Nel gennaio 2010 è uscito per l’editore Fandango il suo terzo romanzo L’uomo verticale, vincitore del Premio Lucca. Nell’estate dello stesso anno il volume Il signor Mario, Bach e i settanta (Keller Editore).

Nel 2011 è uscito il romanzo Ballata di un amore italiano, nel 2014 il romanzo Il caso Bramard entrambi editi da Feltrinelli. Maestro Utrecht, il suo ultimo libro, uscito nel 2016, è pubblicato da NN Editore.

Vive a Torino dove insegna scrittura presso la Scuola Holden. I suoi libri sono tradotti in molti paesi.

OpereModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79194350 · ISNI (EN0000 0001 0919 2617 · SBN IT\ICCU\CFIV\176482 · LCCN (ENno2004016667 · GND (DE132708213 · BNF (FRcb14607758p (data) · WorldCat Identities (ENno2004-016667