Apri il menu principale
Davide Mattiello
Davide Mattiello daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione I (Piemonte 1)

Dati generali
Partito politico Indipendente (fino al 2016)
PD (dal 2016)
Titolo di studio laurea in giurisprudenza

Davide Mattiello (Torino, 31 maggio 1972) è un politico italiano.

BiografiaModifica

Laureato nel 1996 in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Torino con una tesi in diritto costituzionale, ha ricoperto svariati incarichi organizzativi presso associazioni di volontariato legate alla lotta all'illegalità e alle mafie.

Attivo sin dalla giovane età nel mondo del volontariato cattolico, in particolare nella GiOC, nel 1999 fonda Acmos onlus, un'associazione il cui scopo è promuovere l'inclusione democratica attraverso percorsi di cittadinanza attiva nelle scuole. Ne rimane presidente sino al 2010.

Dal 2002 al 2010 ricopre il ruolo di referente regionale di Libera Piemonte e di membro del Consiglio regionale del Forum del Terzo Settore. In Libera, è anche membro dell'Ufficio di Presidenza tra il 2009 e il 2012.

Il suo impegno politico inizia nel 2011 con la fondazione Benvenuti in Italia, che contribuisce a fondare e presiede fino al 2015, per esserne di nuovo presidente dal 2018.

Nel 2019 pubblica il saggio "la repubblica d'Europa" sotto il nome acronimo di "Isagor", scritto insieme a Luca Mariani, Anna Mastromarino, Marco Omizzolo, Federica Rispoli e Leonardo Palmisano.

Elezione a deputatoModifica

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Piemonte 1 come indipendente nelle liste del Partito Democratico. Durante la legislatura, è membro delle Commissioni Giustizia e della Commissione Interparlamentare Antimafia.

È relatore, tra le altre, della modifica dell’articolo 416-ter del codice penale, in materia di scambio elettorale politico-mafioso, e del sistema di protezione dei testimoni di giustizia. Fa altresì parte del comitato dei nove per la legge sul caporalato.

Nel luglio 2016 si iscrive ufficialmente al Partito Democratico e aderisce alla corrente ReteDem.[1]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN224779993 · ISNI (EN0000 0003 6250 2762 · LCCN (ENn2013007063 · WorldCat Identities (ENn2013-007063